SEGNALAZIONI ALLA POLISIA NASIONALE

2024.03.02 – BORTOTTO SERGIO – SPN – 0140504104307312 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.03.02 – BORTOTTO SERGIO – SPN – 0140504104307312 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: SERGIO
Cognome: BORTOTTO
Codice Unico Personale: 234501000
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:01.03.2024
luogo iniziale del fatto segnalato:VICOLO DON G. BAGAGLIO 21, 31020 VILLORBA – TV
soggetti ritenuti responsabili:SCONOSCIUTI MA RICONOSCIBILI
Precisazione:POSTINO DI POSTE ITALIANE

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
In data di ieri 1 marzo 2024, alle ore 13.15 circa il postino, (persona mai vista prima), ha suonato il campanello di casa.
Sono uscito cercando ci capire chi avesse suonato al campanello ma, non sentendo risposta, sono dovuto uscire fin oltre il cancello dell’abitazione, nonostante la pioggia, notando lo scooter delle poste, e il postino che subito, al mio avvicinarsi, con fare arrogante e maleducato mi ha intimato “deve firmare” esibendo un marchingengo in sua dotazione.
Alla mia risposta che il “devi” non esiste, ho chiesto perchè devo firmare, ma lo stesso con fare insistentemente arrogante, ha risposto “devi firmare e basta”, riponendo nella borsa qualcosa che non sono riuscito a vedere ma al quale si è riferito affermando “io non consegno niente”.
Ho replicato che qualunque fosse la cosa che avrebbe dovuto consegnarmi io avrei firmato se lui mi avrebbe rilasciato una ricevuta, come da gennaio sta succendo con tutti gli altri postini.
Ho anche precisato al postino che lui tratteneva una cosa destinata a me e che era improprio il suo comportamento perchè cagionava un danno.
Il postino, con toni arroganti e prepotenti mi ha detto di allontanarmi dal suo scooter e di andarmene dentro casa … pretesa inaudita, visto e considerato che sono io che sono dovuto uscire e andargli incontro dopo che lui aveva suonato il mio campanello e pretendeva che firmassi con il dito su uno strumento in suo possesso senza informarmi del perchè e rifiutandosi di rilasciare una ricevuta per tale atto.
Subito dopo, ed esattamente alle ore 13.19, ho telefonato alla stazione locale dei Carabinieri per richiedere l’intervento sul posto ma non ho ottenuto alcuna risposta.
Più tardi ho trovato nella cassetta postale un avviso di giacenza in cui si afferma falsamente che si è tantata la consegna dell’invio postale e questo è un atto falso perchè il postino non mi ha deliberatamente e prepotentemente consegnato quanto era a me destinato a fronte di una mia legittima richiesta di ricevuta dell’atto.
E’ da tempo che sto reclamando alle poste più correttezza e rispetto dei Cittadini, ottenendo le ricevute, indispensabili per verificare anche data e ora di notifica di numerose raccomandate a loro indirizzate e di cui non vi è mai traccia della notifica effettuata.
Non si può chiedere la firma senza avere in cambio una ricevuta per le motivazioni per cui viene richiesta.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
SERGIO BORTOTTO

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140504104307312) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.02.28 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140501122021776 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.02.28 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140501122021776 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:28 FEBBRAIO 2024 ORE 11:10 CIRCA
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, PRESSO LA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
Faccio seguito ai seguenti atti pubblicati in GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP:

SPN – 0140425171720263 del 22 febbraio 2024, notificato a Andrea.Romanello@sparkasse.it in data 23 febbraio 2024 ore 12:47,

RDN – 0140426162728616 del 23 febbraio 2024, notificato a Andrea.Romanello@sparkasse.it e giovanni.cianciaruso@sparkasse.it in data 24 febbraio 2024 ore 10:21,

per confermare che in data 28 febbraio 2024 alle ore 11:10 circa ho provveduto a versare euro 400 nel mio conto corrente a copertura delle spese sostenute mediante l’utilizzo della carta di credito.

Il saldo delle restanti spese avverrà, come anticipato, entro il giorno 31 marzo 2024.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140501122021776) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.02.22 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140425171720263 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.02.22 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140425171720263 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:19 FEBBRAIO 2024 ORE 15:58
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE E-MAIL DA “ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, PRESSO LA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
Lunedì 19 febbraio 2024 alle ore 15:58 ho ricevuto, via e-mail, da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) una comunicazione che testualmente riporto:

“la presente per informarla che a seguito dell’addebito relativo alla Carta di credito il suo conto corrente presenta un saldo negativo di euro 1.471,22.
Rimaniamo in attesa della relativa copertura”.

A tal proposito comunico al ROMANELLO, tramite la notifica della presente denuncia, che è mia premura dimostrarmi corretto e provvederò senza dubbio a coprire tale addebito.

Chiedo a ROMANELLO ANDREA contezza in merito all’addebito effettuato, più precisamente:
quanto addebitato corrisponde al puro costo delle spese da me sostenute oppure quanto richiesto contempla anche altri oneri aggiuntivi, anche se minimi, a me sconosciuti?

Preciso al tempo stesso che ha causa di quanto sono stato costretto a subire a causa dell’operato di ROMANELLO ANDREA e CIANCIARUSO GIOVANNI mi trovo nella condizione economica di dover ricorrere anche all’utilizzo dello strumento carta di credito per far fronte ad alcune spese.

Di conseguenza la somma richiesta da ROMANELLO ANDREA riuscirò a coprirla entro il giorno 31 marzo 2024.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140425171720263) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.02.22 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140425161952390 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.02.22 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140425161952390 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:29 GENNAIO 2024 ORE 08:47
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE E-MAIL DA “ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO DELLA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
Faccio seguito alla SPN 0140321120955722 del 18 gennaio 2024 notificata a ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) in data 19 gennaio 2024 alle ore 12:03, per confermare che in data 29 gennaio 2024 alle ore 10:10 ho provveduto a versare euro 707 nel mio conto corrente a copertura delle spese sostenute mediante l’utilizzo della carta di credito.

Alle ore 08:47 del medesimo giorno 29 gennaio 2024 ho ricevuto una e-mail da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ), con la quale mi intimava la sistemazione della posizione sospesa entro la data del 31 gennaio 2024 quale condizione necessaria per il mantenimento della carta di credito.

Ribadisco a ROMANELLO ANDREA, il quale si firma quale preposto della filiale di Conegliano, nell’operare in nome e per conto della presunta SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.P.A., che mentre lui continua ad avanzare nei miei confronti termini per la sistemazione dei sospesi, anche io reclamo a lui una posizione debitoria aperta nei miei confronti per i danni subiti e subendi derivanti dalla sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente, messa in atto da lui in concorso con CIANCIARUSO GIOVANNI.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140425161952390) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.02.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140411150321019 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.02.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140411150321019 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:CHIAMATE RICEVUTE DAI SEGUNTI RECAPITI: 389-9421029 – 0984-1818768
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:SERVICE CREDIT S.P.A.

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
In riferimento alla SPN 0140405154454646 del 2 febbraio 2024, preciso la presunta società e/o la presunta azienda e/o la presunta corporation e/o il presunto ente e/o il presunto istituto “SERVICE CREDIT S.P.A.”, oltre ad avere ottenuto dati miei personali dalla presunta società e/o dalla presunta azienda e/o dalla presunta corporation e/o dal presunto ente e/o dal presunto istituto “INTESA SANPAOLO S.P.A.” è riuscita a procurarsi ulteriori informazioni a riguardo della mia persona.

Mi riferisco al fatto che è riuscita a ottenere un numero di telefono strettamente personale a me intestato, che non è mai stato ceduto ad alcuna presunta società e/o presunta azienda e/o presunta corporation e/o presunto ente e/o presunto istituto.

Sono stato infatti contattato più volte sul numero in questione da recapiti telefonici riconducibili alla presunta società e/o alla presunta azienda e/o alla presunta corporation e/o al presunto ente e/o al presunto istituto “SERVICE CREDIT S.P.A.”, in quanto riportati nella sua e-mail del 23 gennaio 2024 delle ore 12:18, per la quale è stato pubblicato in GAXETA UGFICIALE del MLNV-GVP l’atto RDN 0140401133236540 del 29 gennaio 2024, notificato alla presunta “SERVICE CREDIT S.P.A.” in data 1 febbraio 2024 alle ore 12:01, notifica per la quale ho ricevuto conferma di lettura in data 1 febbraio 2024 alle ore 12:07.

Mi chiedo:

– come ha fatto la presunta società e/o la presunta azienda e/o la presunta corporation e/o il presunto ente e/o il presunto istituto “SERVICE CREDIT S.P.A.” ha ottenere questa riservatissima informazione, riguardante questo mio numero di telefono strettamente personale?

– chi ha agevolato e/o aiutato e/o ceduto questo mio riferimento telefonico?
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140411150321019) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

 

2024.02.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140405154454646 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.02.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140405154454646 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO LA PRESUNTA “INTESA SANPAOLO S.P.A.”
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:MESSINA CARLO – MANCO ROBERTO – SCIARRILLO ANTONELLA – PEGORER MONICA (TUTTI FIRMATARI DELLE MISSIVE E/O DELLE E-MAIL IN NOME E PER CONTO DELLA PRESUNTA “INTESA SANPAOLO S.P.A.”)

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
In riferimento a tutti gli RDN e/o alle SPN, riguardanti la presunta società e/o la presunta azienda e/o la presunta corporation e/o il presunto ente e/o il presunto istituto “INTESA SANPAOLO S.P.A.” e/o riguardanti tutti gli ESSEREI UMANI che per conto dello/a stesso/a dichiaravano di agire, firmando le missive e/o le e-mail, atti pubblicati in GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP,

dei quali cito:

RDN 0131202160515164 del 30 settembre 2023
SPN 0131202163741056 del 30 settembre 2023
RDN 0131205165835387 del 3 ottobre 2023
SPN 0131206145620361 del 4 ottobre 2023
RDN 0140111143116932 del 9 novembre 2023
RDN 0140130152659252 del 28 novembre 2023
RDN 0140206125537212 del 5 dicembre 2023
RDN 0140207191151092 del 6 dicembre 2023
RDN 0140222130819762 del 21 dicembre 2023
RDN 0140401133236540 del 29 gennaio 2024

DENUNCIO i seguenti ESSERI UMANI che agendo in nome e per conto della presunta società e/o della presunta azienda e/o della presunta corporation e/o del presunto ente e/o del presunto istituto “INTESA SANPAOLO S.P.A.”, hanno ceduto senza alcun mio esplicito e informato consenso i miei dati personali, alla presunta società e/o alla presunta azienda e/o alla presunta corporation e/o al presunto ente e/o al presunto istituto “SERVICE CREDIT S.P.A.” e/o anche se fosse stato illegalmente carpito esso è da ritenersi nullo in quanto tale.

MESSINA CARLO
che si è firmato come “CONSIGLIERE DELEGATO E CEO” della presunta azienda e/o della presunta corporation e/o del presunto ente e/o del presunto istituto “INTESA SANPAOLO S.P.A.”

MANCO ROBERTO
che si è firmato come “DIRETTORE della filiale di Villorba 50017 – Direzione Regionale Veneto Est Friuli Venezia Giulia” della presunta azienda e/o della presunta corporation e/o del presunto ente e/o del presunto istituto INTESA SANPAOLO S.P.A.

SCIARRILLO ANTONELLA
che si è firmata come “GESTORE PRIVATI” della filiale di Villorba (Contea di Treviso) della presunta azienda e/o della presunta corporation e/o del presunto ente e/o del presunto istituto INTESA SANPAOLO S.P.A.

PEGORER MONICA
che si è firmata come “GESTORE PRIVATI” della filiale di Villorba (Contea di Treviso) della presunta azienda e/o della presunta corporation e/o del presunto ente e/o del presunto istituto INTESA SANPAOLO S.P.A.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140405154454646) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.01.29 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140401164055738 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.29 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140401164055738 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE/SEGNALANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:22 DICEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:STUDIO NOTARILE ITALIANO FORTE GIANLUCA – TREVISO, PIAZZA DELLE ISTITUZIONI 32 / EDIFICIO N
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:FORTE GIANLUCA (NOTAIO ITALIANO)

DENUNCIA/SEGNALAZIONE QUANTO SEGUE
DENUNCIO il notaio italiano FORTE GIANLUCA per quanto accaduto e di seguito riportato:

in data 22 dicembre 2023 il notaio italiano FORTE GIANLUCA ha stipulato un atto per la compravendita di un immobile per il quale ho effettuato l’attività di mediazione per tramite della mia Ditta Veneta ABC INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI.

In data 18 dicembre 2023 alle ore 13:01, ho notificato e fornito, tramite e-mail, allo studio di FORTE GIANLUCA, l’identificazione della mia persona e della mia Ditta Veneta in merito a questa singola operazione di mediazione, avvenuta fra C.A. (acquirente) e R.F. – R.S. (venditori).

I destinatari dell’e-mail erano: lo studio del notaio italiano FORTE GIANLUCA, la Presidenza del MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO, la parte acquirente e la parte venditrice.

Riporto testualmente l’oggetto e il contenuto della mia e-mail:
——————————————-
Oggetto: compravendita del 22 dicembre 2023 ore 10:30 – riferimenti Ditta Intermediaria

at.
Studio Notarile FORTE GIANLUCA
Treviso, piazza delle istituzioni 32 / edificio N
Tel. 0422 1834646
giada.cattelan@fortestudionotarile.it

e p.c.
alla PRESIDENSA
del MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO (MLNV)
presidenza@mlnv.org
info@mlnv.org

In merito a quanto in oggetto e a quanto sotto riportato nella mia precedente e-mail, comunico e notifico a FORTE GIANLUCA, notaio italiano, che l’attività di mediazione è stata svolta dalla mia Ditta Veneta così come di seguito identificati:

ABC INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI – AEI con sede a Villorba (Contea di Treviso) via Roma 73/I, codice unico aziendale 0104720221000000, costituita presso il Dipartimento Lavoro e Svilupo del Governo Veneto Provisorio (GVP), – UCC File Number: 2019-086-9892-8 –, istituito sotto l’Egida del Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto (MLNV) ai sensi e per gli effetti del primo protocollo addizionale (1977) alle convenzioni di Ginevra del 1949, rappresentata dal suo titolare Celot Benedetto, nato a Conegliano (Contea di Treviso), il giorno 17 gennaio 1976, codice unico personale 20170913141401, Cittadino Veneto di Nazionalità Veneta, Autodeterminato sotto l’Egida del (MLNV).

Il compenso verrà corrisposto così come segue:

– venditori, euro 4.400,00 comprensivi del contributo del 10% (diecipercento) per la Cassa Nasionale Veneta (CNV)
– acquirente, euro 4.400,00 comprensivi del contributo del 10% (diecipercento) per la Cassa Nasionale Veneta (CNV)

Si precisa e notifica inoltre al notaio italiano FORTE GIANLUCA, che nessun codice fiscale italiano mi identifica e mi appartiene.

Con Onore e Rispeto
WSM
Benedetto Celot
————————————————————–

Io non ero presente durante la stipula dell’atto, ma mi è stato riferito, sia nel pomeriggio dello stesso giorno 22 dicembre 2023, sia sabato mattina scorso 27 gennaio 2024, in occasione della consegna della fattura, emessa dalla mia Ditta Veneta con apposto il Sigillo di Stato, relativa al pagamento ricevuto per l’attività di mediazione, che,

quando il notaio italiano FORTE GIANLUCA ha letto la bozza, (che io presumo sia stata predisposta dalla persona che ha ricevuto la mia e-mail del 18 dicembre 2023 ore 13:01), l’articolo 8 mediazione, incorporava l’intero contenuto riportato nell’e-mail.
Nel momento in cui FORTE GIANLUCA ha iniziato a leggere e a comprendere quanto in esso contenuto e il significato di quanto da me sostenuto e rivendicato (in quel momento stavo applicando il principio di effettività) ha sussurrato che andava modificato per renderlo accettabile.

Una volta uscito, quando è rientrato in sala ha provveduto a far firmare le parti senza rileggere alcunché.

In maniera ingannevole e a loro completa insaputa, le parti si sono trovate a firmare, il nuovo contenuto dell’articolo 8 mediazione, che prevedeva altresì, a loro carico, la responsabilità per le dichiarazioni rese, ma che in realtà non erano state da loro rese, perché agli effetti pratici e oggettivi erano state tacitamente imposte dal notaio italiano FORTE GIANLUCA.

Per inciso, solo IO potevo formulare dichiarazioni in merito, perché solo IO posso dire chi sono.

Di seguito il contenuto, relativo all’articolo 8 mediazione, modificato a discrezione di FORTE GIANLUCA notaio italiano, che viene citato testualmente:

“ARTICOLO 8
(Mediazione)
Ai sensi della Legge 4 agosto 2006 n. 248, le parti, consapevoli
delle responsabilità penali cui sono soggette in caso di dichiarazione mendace, ai sensi del D.P.R. 28 dicembre
2000 n. 445, dichiarano di essersi avvalse, per la conclusione
del presente contratto, della mediazione immobiliare del
signor CELOT Benedetto, nato a Conegliano (TV) il 17 gennaio
1976, C.F. CLT BDT 76A17 C957O e domiciliato dove appresso,
titolare della ditta individuale denominata “ABC INTERMEDIAZIONI
IMMOBILIARI DI CELOT BENEDETTO”, corrente in Villorba
(TV), frazione Carità, Via Roma n. 73/I, partita I.V.A.
04304550264, e che, a titolo di provvigione:
– la parte venditrice corrisponderà entro e non oltre il 15
(quindici) gennaio 2024 (duemilaventiquattro) la somma di Euro
4.400,00 (quattromilaquattrocento);
– la parte acquirente corrisponderà entro e non oltre il 15
(quindici) gennaio 2024 (duemilaventiquattro) la somma di Euro
4.400,00 (quattromilaquattrocento virgola zero zero)”.

Conclusioni:

La mia ESSENZA di ESSERE UMANO è stata violata dal notaio italiano FORTE GIANLUCA.

Il mio Diritto Ius Cogens all’Autodeterminazione è stato violato dal notaio italiano FORTE GIANLUCA.

Mi è stato negato il principio di effettività dal notaio italiano FORTE GIANLUCA.

Il notaio italiano FORTE GIANLUCA ha a tutti gli effetti esercitato un’imposizione di autorità stranierà italiana nei confronti della mia ESSENZA di ESSERE UMANO.

Il notaio italiano FORTE GIANLUCA, mi ha obbligato, nella mia ESSENZA di ESSERE UMANO, a subire un atto di razzismo.

Il notaio italiano FORTE GIANLUCA si è arrogato il potere di amministrare la mia ESSENZA di ESSERE UMANO, per quanto da me sostenuto e a lui notificato, come fossi un TRUST italiano.

Precisazioni:

Parlo ripetutamente di ESSERE UMANO perché vorrei precisare che io non ho mai firmato alcun esplicito contratto con lo stato straniero occupante italiano in cui spontaneamente e coscientemente accetto di essere un suo TRUST.

Non è sufficiente una firma che è stata a suo tempo apposta su di una carta di identità italiana, da un funzionario comunale italiano, che pur non conoscendomi si è arrogato il potere di dire chi ero io, per contrattualizzare contro la mia volontà e a mia insaputa una simile posizione.
Per cui chiunque abbia amministrato e/o sfruttato un trust e/o pretenda di amministrare e/o sfruttare un trust, per qualsivoglia titolo e/o per qualsivoglia ragione, creato e denominato con l’inganno carpendo senza consenso il mio nome e cognome, ha violato e viola la mia ESSENZA di ESSERE UMANO.

Risarcimenti e Indennizzi:

Il notaio italiano FORTE GIANLUCA dovrà risarcirmi per i danni subiti e/o subendi per l’esercizio di tale condotta contro la mia persona.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140401164055738) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.01.26 – PENZO LUISA – SPN – 0140329011540836 – referente: ME MEDESIMA

Oggetto: 2024.01.26 – PENZO LUISA – SPN – 0140329011540836 – referente: ME MEDESIMA

DENUNCIANTE
Nome: LUISA
Cognome: PENZO
Codice Unico Personale: 28072015101001
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:24.01.2024
luogo iniziale del fatto segnalato:TAMBRE
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:COMUNE DI TAMBRE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Segnalo quanto segue:
Oggi, 25/01/2024, sul profilo facebook del comune di Tambre trovo questo messaggio:
!!!AVVISO IMPORTANTE!!!
L’Ufficio Postale di Tambre si rinnova grazie al progetto POLIS!
Poste Italiane comunica che anche l’Ufficio Postale di Tambre, come altri 7000 uffici nei piccoli centri, è coinvolto negli interventi di rinnovamento del progetto Polis il cui obiettivo è di dotare gli Uffici Postali interessati di nuove tecnologie e strumenti idonei a consentire, 24 ore su 24, una fruizione completa, veloce, agevole e digitale dei servizi relativi a:
documenti di identità,
certificati anagrafici,
certificati giudiziari,
certificati previdenziali,
servizi alle regioni e altre tipologie.
Per questo dal 6 febbraio l’ufficio sospenderà temporaneamente le attività al pubblico (compreso il Bancoposta) per consentire lo svolgimento dei lavori tecnici.
Durante i lavori i cittadini potranno rivolgersi agli uffici postali di:
– Puos d’Alpago, in via Sandi n.12 dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.35, sabato dalle 8.20 alle 12.35 (ritiro pacchi,
corrispondenza, operazioni su conti e libretto,..);
– Spert, martedì e giovedì dalle 8.20 alle 13.45, sabato dalle 8.20 alle 13.45.
Per tutte le ulteriori informazioni o chiarimenti sui servizi si invitano i cittadini a rivolgersi agli uffici e/o al Presidio di Relazioni
Istituzionali territoriali di Poste Italiane.

Sono quindi andata a vedere cosa dice il sito di poste italiane e ho trovato quanto segue:
– poste italiane partecipa al “progetto polis-case di servizi di cittadinanza digitale”, promosso dal governo italiano. L’obiettivo è favorire la coesione economica ,sociale e territoriale del paese e il superamento del digital divide (divario digitale tra chi ha accesso alla tecnologia digitale e chi no) nei piccoli centri e nelle aree interne. ( praticamente gli uffici postali italiani vogliono usare nuove tecnologie idonee a consentire servizi veloci, completi e digitali).
-la spesa complessiva stimata per tale trasformazione ,per i primi dieci anni, è pari a 1,24 miliardi di euro.
Il “progetto polis” prevede l’installazione in circa 7000 uffici postali, nei comuni al di sotto di 15.000 abitanti di:
-postazioni self-service
-atm evoluti
-locker
-vetrine digitali interattive
Il tutto per la creazione delle “smart city”…(sappiamo bene cosa sono? città in cui il digitale diventa preponderante e l’ intelligenza artificiale gestisce la società. Le regole che si vorrebbero imporre vengono fatte passare come favorevoli ai cittadini , ma in realtà esse limitano al massimo la libertà individuale sia di spostamento che di azione…terminata la pandemia con tutte le sue limitazioni, più o meno assurde, si è passati a parlare di “smart city”…mi viene in mente una parola…tecnocrazia, cioè la gestione dei Cittadini attraverso la tecnologia e l’azione di “esperti in qualcosa”…come è successo anni fa durante la cosiddetta pandemia e come succedeva nel nazismo…perdendo così l’aspetto umanitario,empatico e a volte naturalmente caotico che caratterizza l’ESSERE UMANO” e sostituendolo con il “tutto perfettamente organizzato”. Io le chiamerei “città disumanizzanti” più che intelligenti).
Ma torniamo al sito di poste italiane che riporta:
“Obiettivo da parte di unione europea e italia è realizzare il piano “next generation eu” : digitalizzare il territorio, per una maggiore inclusione e coesione sociale”…( certo, tutti nella stessa gabbietta…mi ricorda il film “the Truman show”)
Viene anche messo in evidenza da poste italiane che esse potranno erogare il servizio dei “certificati ANPR ” (anagrafe nazionale della popolazione residente, cioè un registro unico, digitale, dove confluiscono tutti i dati dei cittadini italiani. ( sembra quasi un progetto atto al controllo totale…o forse mi sbaglio…)
E’ chiaro che per utilizzare i servizi i cittadini devono avere la propria identità digitale spid o carta di identità elettronica.

Ho voluto segnalare quanto sopra perchè lo trovo a dir poco terrificante, assolutamente noncurante di tutti gli aspetti che caratterizzano un ESSERE UMANO, con i suoi pregi ed i suoi difetti, ma pur sempre meravigliosamente umano.
Inoltre è ormai chiaro che tutte queste iniziative non solo sono prese senza tener minimamente conto dell’opinione dei Cittadini, compresi quelli italiani, ma sono anche del tutto illegali nei Territori della Repubblica di Venezia, mai diventata italiana, in quanto poste in essere da forze italiane di occupazione straniera.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
LUISA PENZO

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140329011540836) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.01.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140328105652655 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140328105652655 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:A SEGUITO DEL FATTO DENUNCIATO NELLA SPN 0140320160938666 DEL 17 GENNAIO 2024
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO IL MIO DOMICILIO – CONDOMINIO “RESIDENCE GALANTI” – VIA GALANTI 10, LANCENIGO (DISTRETTO DI VILLORBA – CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:IGNOTI
Precisazione:IGNOTI

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In conseguenza di quanto accaduto, oggetto di DENUNCIA mediante l’inoltro della SPN 0140320160938666 del 17 gennaio 2024,

con la presente SPN comunico che ieri 24 gennaio 2024 alle ore 17:00 ho provveduto ad ancorare al portoncino blindato di ingresso del mio appartamento ubicato presso il condominio RESIDENCE GALANTI di via Galanti 10 a Lancenigo (Distretto di Villorba – Contea di Treviso), quanto segue:

– modulo PROPRIETA’ PERSONALE
– modulo CONTESTAZIONE DEL DIFFETTO ASSOLUTO DI GIURISDIZIONE
– SPN 0140320160938666 del 17 gennaio 2024
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140328105652655) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

2024.01.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140327135512641 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140327135512641 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:23 GENNAIO 2024
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE E-MAIL DA: INFO@AMMINISTRAZIONICOSTA.IT (IN RISPOSTA ALLA MIA SPN 0140320160938666)
soggetti ritenuti responsabili:IGNOTI
Precisazione:IGNOTI

DENUNCIA QUANTO SEGUE
La presente SPN a integrazione della SPN 0140320160938666 pubblicata e successivamente notificata a info@amministrazionicosta.it , studio dal quale, in data 23 gennaio 2024 alle ore 14:18, ho ricevuto comunicazione, proveniente dal medesimo indirizzo e-mail, contente la seguente risposta:
———————————
Buongiorno,
confermiamo di aver inviato la Vs comunicazione a tutti i condòmini.

Distinti Saluti
Geom. Salvatore Costa
———————————-
Oggi 24 gennaio 2024 alle ore 12:30 circa ho provveduto a posizionare fuori dal portoncino blindato d’ingresso relativo al mio appartamento, un nuovo tappetto/zerbino con caratteristiche estetiche diverse da quello precedente.
Nel momento in cui riceverò dallo studio AMMINISTRAZIONI COSTA SALVATORE ulteriori dettagli in merito, provenienti dalle risposte che otterrà dai condomini, provvederò a inoltrare un’ulteriore integrazione.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140327135512641) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

 

2024.01.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140327110253496 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140327110253496 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE CHIAMTE, LA MAGGIOR PARTE DA PREFISSO 041 – ALTRI PREFISSI ITALIA E/O CELLULARI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:INTESA SANPAOLO SPA – PRESUNTO ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento agli RDN e/o alle SPN, riguardanti il presunto istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA e/o riguardanti tutti gli ESSEREI UMANI che per conto dello stesso dichiaravano di agire, firmando le missive e/o le e-mail, atti tutti pubblicati in GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP,

DENUNCIO quanto segue:

l’operazione di stalkeraggio messa in atto dal presunto istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA, contro di me, più volte DENUNCIATA si è protratta ulteriormente.
A tal proposito preciso che dal giorno 8 novembre 2023 al giorno 29 dicembre 2023, compresi, ho ricevuto circa 640 chiamate.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140327110253496) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.19 – DISPOSIZIONE PRECAUZIONALE PERSONALE – ANDREA SALVADOR.-

Oggetto: 2024.01.19 – DISPOSIZIONE PRECAUZIONALE PERSONALE – ANDREA SALVADOR.-

at
ULSS 5 POLESANA ROVIGO E ADRIA, VIALE TRE MARTIRI, 89 – 45100 ROVIGO – DIREZIONE.SANITARIA@AULSS5.VENETO.IT

DISPONENTE
nome: ANDREA
cognome: SALVADOR
codice unico personale: 121934174059
sesso: M
data di nascita: 18/09/1978

Il/La sottoscritto/a ANDREA SALVADOR, nato/a il 18/09/1978, codice unico personale 121934174059, nel pieno possesso delle facoltà come essere umano vivente,

PREMESSO
che IO SONO ed esisto per Diritto Naturale, a prescindere dalla distinzione di sesso, razza, condizione fisica e psichica e da qualsiasi vincolo di patrimonio genetico attribuibile a specifici tratti razziali,

CHE E’ STABILITO
Il principio per cui nessuna legge può ledere o ferire la dignità dell’essere umano e che il Diritto Naturale è nella gerarchia delle leggi, superiore a qualsiasi altra legge, (Norimberga 1945);

CHE IO E SOLO IO
sono consapevole di ciò che sono, quale manifestazione della mia personalità derivante dalla mia originale individualità, espressione di ciò che sono fisicamente, intellettualmente e in coscienza,

CHE IO E SOLO IO
sono esclusivo titolare della mia identità, così come liberamente espressa e dichiarata con la mia autodeterminazione, certificata dal Governo Veneto Provisorio (GVP), istituito dal Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto (MLNV), ai sensi e per gli effetti dell’art.96.3 del Primo Protocollo Aggiuntivo del 1977 alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 anche tramite l’ IDENTITA’ DICHIARATIVA.

CONSIDERATO
che nessuno e nessuna norma di legge può privare una Persona della propria identità e del proprio nome

VISTO E CONSIDERATO QUANTO ACCORSO:
In data 02 febbraio 2023 mi sono recato in visita specialistica dal Dott. Stefano Ferraresi nell’ospedale ULSS 5 Polesana di Rovigo.

Ho eseguito le risonanze magnetiche che mi ha prescritto lo Specialista.

Il giorno 18 dicembre 2023 ho ricevuto la chiamata di avviso della data dell’intervento, fissata per il 4 gennaio 2024 e dei relativi esami preoperatorii.

il 20 dicembre 2023 ho notificato denuncia preventiva SPN 0140221184010395 precisando:

“Considerati i reali rischi e pericoli a cui ci si espone nel qual caso, in occasione di un ricovero ospedaliero, o presso strutture sanitarie pubbliche e/o private, per qualsivoglia ragione, si venga obbligati a dare il proprio consenso per essere sottoposti a “tamponi” o “vaccinazioni” di qualsivoglia natura, preventivamente nego il consenso ad ogni obbligo in tal senso, ma se ne richiede l’intervento sanitario per le esclusive ragioni per le quali è stato predisposto.”

Il 22 dicembre 2023 mi sono recato presso la struttura ospedaliere Polesana per eseguire gli esami in day hospital.

Consapevole della non obbligatorietà dell’uso della mascherina ho avuto accesso alla struttura ospedaliera senza tale accessorio ma il personale infermieristico presente mi ha ripetutamente attaccato verbalmente avvisandomi che sarei andato incontro a non meglio specificati problemi, al punto da far intervenire un operatore della Polizia di Stato italiana che, con toni imperativi, ma educati, ha ribadito l’obbligo di indossare la mascherina.

Costretto dalle circostanze e anche intimidito da tanta irruenza mi sono visto costretto a indossare una mascherina contro la mia volontà.

Il Prof. Ferraresi, medico chirurgo deputato all’operazione, ha contestato e pretestuosamente negata validità alla mia preventiva SPN per l’errata digitalizzazione del mio cognome in “Salavador” invece di “Salvador” pur essendo io presente e confermando nella sostanza il contenuto del documento espresso con la mia SPN.

Sempre il Prof. Stefano Ferraresi ha tentato di minimizzare “l’obbligatorietà del tampone” affermando che la sua persona, quale sanitario, non ha voce in capito e deve sottostare agli ordine dall’alto … senza comunque precisare i responsabili di tale disposizione.

La segretaria del reparto ha fissato comunque appuntamento per fare il tampone asserendo che in caso contrario non avrebbero fatto l’intervento.

Il giorno 24 dicembre 2023 ho notificato successivo Rigetto di Notifica (RDN) numero 0140225181119367 contro la minaccia e violenza del ricatto vaccinale italiano dove ho ribadito la richiesta fatta nella precedente SPN alla Polisia Nasionale Veneta.

Il Dott. Stefano Ferraresi, con mail del 27 dicembre 2023 delle ore 14:11, ha comunicato che avrei dovuto attendere risposta dall’ufficio legale competente (???) per il RDN numero 0140225181119367 notificato del 24 dicembre 2023, adducendo a pretesto la facoltà di non potermi operare se l’ufficio legale competente (???) non si sarebbe pronunciato in proposito prima del 4 gennaio 2024 giorno fissato per l’intervento chirurgico.

Ad oggi 18 gennaio 2024 non ho ricevuto ancora nessuna comunicazione dal non meglio specificato Ufficio legale e nemmeno dalla Direzione Sanitaria né da alcun ufficio amministrativo di tale Ente sanitario.

Chiedo una risposta esaustiva in tempi ragionevoli e di fissare una nuova data dell’intervento chirurgico al più presto.

DISPONGO PREVENTIVAMENTE E IN VIA PRECAUZIONALE
di non poter indossare alcuna maschera o dispositivo sanitario a protezione delle vie respiratorie perché lesivi della propria salute, sicurezza, dignità e intelligenza, rifiuto trattamenti sanitari e/o trasfusioni di sangue senza il mio consenso e nego categoricamente l’espianto di organi vitali;

altresì, nello specifico, per qualsivoglia tentativo d’intimazione
1) – si configura il reato di estorsione previsto dall’art.629 del Codice Penale italiano perchè il corpo di ogni essere umano è inviolabile e la salute personale non è sacrificabile a tutela della salute pubblica;
2) – Corte Costituzionale italiana, sentenza nr.308/1990: non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva, ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche difronte al generico interesse collettivo;
3) – Norimberga 1945: la somministrazione di farmaci contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità.
4) – Oviedo 2000: un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso LIBERO e INFORMATO.
5) – Art.32 Costituzione italiana: nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge; la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
6) – Tribunale di Roma, Sezione 6 – Civile: nell’ordinanza nr.45986/2020 R.G. del 16.12.2020, dichiara illegittimi tutti i dcpm a partire dal 31 gennaio 2020, dichiara illegittimo tale stato di emergenza nel metodo e nel merito e dichiara dunque nullificabili tutti gli atti da essa scaturiti.

E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.

ANDREA SALVADOR

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

La presente DISPOSIZIONE PRECAUZIONALE PERSONALE, è così certificata e contrassegnata dal codice 0140322180004390.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

 

2024.01.18 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140321172459764 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.18 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140321172459764 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ANDREA
Cognome: SALVADOR
Codice Unico Personale: 121934174059
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:22.12.2023
luogo iniziale del fatto segnalato:AULSS 5 POLESANA – ROVIGO – ADRIA VIALE TRE MARTIRI, 140 – 45100 ROVIGO (RO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:PERSONALE SANITARIO – PERSONALE DELLA POLIZIA DI STATO ITALIANA – NON MEGLIO PRECISATI LEGALI

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In data 02 febbraio 2023 mi sono recato in visita specialistica dal Dott. Stefano Ferraresi nell’ospedale ULSS 5 Polesana di Rovigo.
Ho eseguito le risonanze magnetiche che mi ha prescritto lo Specialista.
Il giorno 18 dicembre 2023 ho ricevuto la chiamata di avviso della data dell’intervento, fissata per il 4 gennaio 2024 e dei relativi esami preoperatorii.
il 20 dicembre 2023 ho notificato denuncia preventiva SPN 0140221184010395 precisando:
“Considerati i reali rischi e pericoli a cui ci si espone nel qual caso, in occasione di un ricovero ospedaliero, o presso strutture sanitarie pubbliche e/o private, per qualsivoglia ragione, si venga obbligati a dare il proprio consenso per essere sottoposti a “tamponi” o “vaccinazioni” di qualsivoglia natura, preventivamente nego il consenso ad ogni obbligo in tal senso, ma se ne richiede l’intervento sanitario per le esclusive ragioni per le quali è stato predisposto.”
Il 22 dicembre 2023 mi sono recato presso la struttura ospedaliere Polesana per eseguire gli esami in day hospital.
Consapevole della non obbligatorietà dell’uso della mascherina ho avuto accesso alla struttura ospedaliera senza tale accessorio ma il personale infermieristico presente mi ha ripetutamente attaccato verbalmente avvisandomi che sarei andato incontro a non meglio specificati problemi, al punto da far intervenire un operatore della Polizia di Stato italiana che, con toni imperativi, ma educati, ha ribadito l’obbligo di indossare la mascherina.
Costretto dalle circostanze e anche intimidito da tanta irruenza mi sono visto costretto a indossare una mascherina contro la mia volontà.
Il Prof. Ferraresi, medico chirurgo deputato all’operazione, ha contestato e pretestuosamente negata validità alla mia preventiva SPN per l’errata digitalizzazione del mio cognome in “Salavador” invece di “Salvador” pur essendo io presente e confermando nella sostanza il contenuto del documento espresso con la mia SPN.
Sempre il Prof. Stefano Ferraresi ha tentato di minimizzare “l’obbligatorietà del tampone” affermando che la sua persona, quale sanitario, non ha voce in capito e deve sottostare agli ordine dall’alto … senza comunque precisare i responsabili di tale disposizione.
La segretaria del reparto ha fissato comunque appuntamento per fare il tampone asserendo che in caso contrario non avrebbero fatto l’intervento.
Il giorno 24 dicembre 2023 ho notificato successivo Rigetto di Notifica (RDN) numero 0140225181119367 contro la minaccia e violenza del ricatto vaccinale italiano dove ho ribadito la richiesta fatta nella precedente SPN alla Polisia Nasionale Veneta.
Il Dott. Stefano Ferraresi, con mail del 27 dicembre 2023 delle ore 14:11, ha comunicato che avrei dovuto attendere risposta dall’ufficio legale competente (???) per il RDN numero 0140225181119367 notificato del 24 dicembre 2023, adducendo a pretesto la facoltà di non potermi operare se l’ufficio legale competente (???) non si sarebbe pronunciato in proposito prima del 4 gennaio 2024 giorno fissato per l’intervento chirurgico.
Ad oggi 18 gennaio 2024 non ho ricevuto ancora nessuna comunicazione dal non meglio specificato Ufficio legale e nemmeno dalla Direzione Sanitaria né da alcun ufficio amministrativo di tale Ente sanitario.
Chiedo una risposta esaustiva in tempi ragionevoli e di fissare una nuova data dell’intervento chirurgico al più presto.

ALTRESI’, NELLO SPECIFICO DELL’OBBLIGO VACCINALE SI SEGNALA/DENUNCIA
1) – si configura il reato di estorsione previsto dall’art.629 del Codice Penale italiano perchè il corpo di ogni essere umano è inviolabile e la salute personale non è sacrificabile a tutela della salute pubblica;
2) – Corte Costituzionale italiana, sentenza nr.308/1990: non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva, ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche difronte al generico interesse collettivo;
3) – Norimberga 1945: la somministrazione di farmaci contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità.
4) – Oviedo 2000: un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso LIBERO e INFORMATO.
5) – Art.32 Costituzione italiana: nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge; la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
6) – Tribunale di Roma, Sezione 6 – Civile: nell’ordinanza nr.45986/2020 R.G. del 16.12.2020, dichiara illegittimi tutti i dcpm a partire dal 31 gennaio 2020, dichiara illegittimo tale stato di emergenza nel metodo e nel merito e dichiara dunque nullificabili tutti gli atti da essa scaturiti.

E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.

ANDREA SALVADOR

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140321172459764) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140321120955722 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140321120955722 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:15 GENNAIO 2024 ORE 09:56
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE E-MAIL DA: ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, PRESSO LA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Lunedì 15 gennaio 2024 alle ore 09:56 ho ricevuto, via e-mail, da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) una comunicazione che testualmente riporto:

“la presente per informarla che a seguito dell’addebito relativo alla Carta di credito il suo conto corrente presenta un saldo negativo di euro 705,80.
Rimaniamo in attesa della relativa copertura”.

A tal proposito comunico al ROMANELLO, tramite la notifica della presente denuncia, che è mia premura dimostrarmi corretto e provvederò senza dubbio a coprire tale addebito.

Rimane ancora pendente la situazione generata dalla sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente a opera di CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, i cui danni li ho subiti e li sto ancora subendo.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140321120955722) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

 

2024.01.17 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140320160938666 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.17 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140320160938666 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:CIRCA UNA SETTIMANA DALL’INVIO DELLA PRESENTE SPN
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA – VIA GALANTI 10 / PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:IGNOTI
Precisazione:IGNOTI

DENUNCIA QUANTO SEGUE
DENUNCIO quanto segue:
da circa una settimana (dal momento dell’invio della presente SPN) mi è stato sottratto il tappeto (zerbino) che avevo posizionato all’esterno del portoncino blindato corrispondente all’ingresso del mio appartamento ubicato all’interno del condominio RESIDENCE GALANTI in via Galanti 10 a Lancenigo di Villorba (Contea di Treviso).

Parlo di sottrazione in quanto un simile oggetto, per quanto sottile e di scarso valore economico, risulta essere abbastanza grande e ben visibile da non potersi “volatilizzare da solo” ed era ubicato alla fine di un corridoio cieco dove si trova il portoncino d’ingresso del mio appartamento.

Ed è proprio il valore esiguo dell’oggetto sottratto che mi lascia dubbioso sull’accaduto, perché se si fosse trattato di un disguido, immagino che sarei stato in qualche modo avvertito, ma soprattutto a distanza di circa una settimana il tappeto sarebbe tornato al suo posto.

È per questo che ho atteso circa una settimana prima di inviare la presente DENUNCIA, ma a oggi riscontro che la situazione rimane invariata e quindi priva di risposte in merito a quanto accaduto.

A questo punto, le seguenti domande mi sorgono spontanee:

– chi può aver messo in atto tale operazione?
– perché proprio il tappeto del mio appartamento mentre quelli degli altri condomini di fatto si trovano tutti collocati davanti ai rispettivi portoncini blindati di ingresso dei loro alloggi?
– tenuto conto delle molteplici situazioni attuali in corso, si nasconde forse un messaggio o un avvertimento dietro a un simile gesto?

Chiedo alla Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta di indagare sull’accaduto.

La presente SPN verrà notificata all’amministratore condominiale all’indirizzo e-mail info@amministrazionicosta.it , al fine che possa contattare tutti i condomini e raccogliere informazioni in merito.

Nel momento in cui riceverò successiva relazione da parte dell’amministratore condominiale, sarà mia premura informare, tramite invio di una successiva SPN, la Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140320160938666) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.09 – PENZO LUISA – SPN – 0140312200340109 – referente: ME MEDESIMA

Oggetto: 2024.01.09 – PENZO LUISA – SPN – 0140312200340109 – referente: ME MEDESIMA

DENUNCIANTE
Nome: LUISA
Cognome: PENZO
Codice Unico Personale: 28072015101001
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DALLO 09.12.2022
luogo iniziale del fatto segnalato:…..
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:TAMBUSCIO VALERIA E TODESCO ANNA DIPENDENTI DI AREA SRL

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Spettabile Polisia Nasionale buongiorno.
Denuncio quanto segue :

Il giorno 05.01.2024 ricevo l’ennesima comunicazione, questa volta con raccomandata, da parte di TODESCO ANNA ( legale rappresentante della società privata AREA srl (non di certo un’autorità!) e TAMBUSCIO VALERIA ( responsabile del procedimento nei miei confronti. Trattasi di una sanzione italiana in territorio della Repubblica di Venezia emessa dai vigili urbani di treviso nel 2020).
Ho sempre confutato tutto ciò che entrambe mi hanno inviato a partire dallo 09.12.2022.
Il tutto però nasce appunto dai vigili urbani di treviso, via castello d’amore, che il 25.07.2020 mi inviano una raccomandata relativa ad una sanzione italiana cds (n° V /1106270R/2020, prot.32857/2020) perché il giorno 13.06.2020 secondo il loro autovelox ( illegale anch’esso ab origine nei Territori della Repubblica di Venezia, mai diventata italiana) superavo la velocità di 1,50 km/ora. I responsabili di suddetta comunicazione sono :CAPRIOLI VITTORIA (accertatrice), CRIVELLER RENATO ( responsabile del procedimento amministrativo sanzionatorio, dell’inserimento dati e invio per notifica), MENEGHETTI ROBERTO (responsabile del procedimento informatico).
Questa comunicazione viene da me rigettata con RDN 1117351136 del 25.07.2020.
Nell’agosto 2021 trovo in cassetta una seconda comunicazione (in busta semplice) da parte del suddetto comando dei vigili relativa a “mancata riscossione-ultimo avviso”. Responsabile : VALENTI AURELIO FRANCESCO (vice comandante).Naturalmente rispondo con un rdn.
Lo 09.12.2022 fa la sua comparsa AREA srl con TODESCO ANNA E TAMBUSCIO VALERIA .
IL COMANDO DEI VIGILI URBANI DI TREVISO O CHI PER LORO (per esempio MAGGIOLI spa) EVIDENTEMENTE VENDETTERO SENZA IL MIO CONSENSO I MIEI DATI PERSONALI VIOLANDO PRECISE NORME U.C.C. ( che a questo punto presumo che i vigili non sappiano nemmeno cosa siano) alle quali il governo italiano e le sue istituzioni o enti devono sottostare.
TODESCO ANNA e TAMBUSCIO VALERIA da quell’ istante INIZIANO UNA PERSECUZIONE (attraverso continue comunicazioni scritte) NEI MIEI CONFRONTI che si potrebbe facilmente e conseguentemente definire STALKING GIUDIZIARIO. Esse hanno sempre ignorato i contenuti dei miei RIGETTI e MAI li hanno CONFUTATI..
Più volte ho espressamente chiesto loro di aver COPIA DELL’ATTO DI CESSIONE dei miei dati personali, ma MAI L’ HO RICEVUTA.
Ho chiesto anche copia della LICENZA DI PUBBLICA SICUREZZA PER IL RECUPERO CREDITI, MAI RICEVUTA.
TAMBUSCIO VALERIA HA DICHIARATO FURBESCAMENTE IL FALSO più volte facendo credere che la sottoscritta ha sempre presentato istanze di revisione. Non so di cosa stia parlando visto che io ho sempre notificato RIGETTI e non istanze. Nel rdn 0130522132138539 del 20.03.2023 le chiedo di indicarmi quale autorità abbia deciso la non accettazione di quella che lei impropriamente e furbescamente chiama istanza di revisione e di indicarmi gli estremi a protocollo del provvedimento e la data di emissione…NESSUNA RISPOSTA. Le chiedo da quando e da chi AREA srl abbia acquisito i miei dati personali. NESSUNA RISPOSTA.
Poi nel gennaio 2023 arrivano alcune comunicazioni (dolosamente evasive) via email da BOTTAN CRISTINA , che MAI SI E’ QUALIFICATA, facente comunque parte del comando vigili di treviso. Tali comunicazioni sono state sempre da me rigettate attraverso rdn.
Le mie dichiarazioni riportate nei rdn non sono state mai confutate, anzi, i vigili urbani hanno sempre volutamente e furbescamente ignorato tutto dicendomi che se volevo potevo fare ricorso…ma i ricorsi italiani per noi Veneti autodeterminati sotto l’egida del MLNV hanno valore pari a zero essendo anch’essi illegali ab origine nei nostri territori.
Sempre nel gennaio 2023 chiedo a GALLO ANDREA, comandante dei vigili urbani, di chiarirmi la qualifica della Bottan Cristina, di avere copia del documento di cessione e del trattamento dei miei dati personali ad AREA SRL e dei documenti relativi alla cessione telematica dei miei dati personali da parte dei vigili alla società privata Maggioli spa. NESSUNA RISPOSTA.
Da questo istante I VIGILI URBANI SE NE LAVANO LE MANI e la faccenda passa in toto a TAMBUSCIO VALERIA e TODESCO ANNA alle quali notifico dal 12.2022 ad oggi diversi RDN (nove), un APM e una SPN, TUTTI MAI CONFUTATI.

DENUNCIO quindi in particolare TAMBUSCIO VALERIA e TODESCO ANNA
-per aver acquisito i miei dati personali senza aver avuto il mio consenso (parlo come Penzo Luisa e non come trust o figura giuridica che di certo non mi identifica e al quale esse in realtà si riferiscono)
-per aver violato un Avviso a Pubblica Menzione (emesso legalmente dal Governo Veneto Provvisorio, istituzione sotto l’egida del Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto ) e aver ignorato o travisato tutti i miei Rigetti di Notifica oltre alla la mia Segnalazione/ Denuncia del 20.03.2023
-per agire illegalmente, sia perché prive di autorità e anche l’avessero (impossibile essendo AREA srl un’azienda privata!) agirebbero da italiane in terre non italiane, sia perché hanno sempre violato le NORME U.C.C. 1-103, 1-308 ( che forse nemmeno conoscono!) sotto le quali anch’esse devono sottostare. Inoltre non hanno mai rispettato la Norma U.C.C. : 28 giorni per confutare ( TAMBUSCIO e TODESCO non l’hanno mai fatto! nemmeno gli altri suddetti in verità). NON HANNO MAI CONFUTATO E COMUNQUE LE LORO INAPPROPRIATE RISPOSTE SONO SEMPRE ARRIVATE CIRCA DOPO 2 MESI.
-per aver dichiarato il falso nei miei confronti (la sottoscritta ha sempre presentato rigetti e non istanze di revisione come invece ha travisato in particolare la TAMBUSCIO, CONSIDERANDO INOLTRE CHE ELLA NON HA AUTORITA’ NEMMENO PER TRAVISARE GLI RDN) oltre a inviarmi comunicazioni che si riferiscono ad un trust (che non mi rappresenta…ho già spiegato nel RDN 0140311085118221 del 08.01.2024). Alla mia richiesta : “chi non ha accolto quella che da TAMBUSCIO viene definita istanza ?” non ho ricevuto risposta e lo stesso dicasi per ciò che riguarda la mia richiesta di chiarimento relativa a chi ha confermato il provvedimento. ASSOLUTO SILENZIO.
-per avere nei miei confronti atteggiamenti persecutori (stalking)
-per aver usato nei miei confronti frasi che sottintendono minacce o avvertimenti ( come provano le frasi da loro usate nelle loro comunicazioni) violando così l’articolo 1 paragrafo 4 della Carta delle Nazioni Unite.
-di essere responsabili dei loro atti, presenti e futuri, nei miei confronti in base al documento pubblicato in U.C.C. (WA DC UCC Doc# 2012113593 che dichiara: ” qualora un qualsiasi individuo perseveri nel perseguire eventuali azioni per conto di una banca pignorata o di un governo pignorato ( e il governo italiano lo è ufficialmente dal 23 gennaio 2013, tutto pubblicato in U.C.C.), causando danno ad un altro e qualsiasi individuo, egli è a titolo personale e senza alcuna pregiudiziale assolutamente responsabile dei suoi atti”.
La sottoscritta ha sempre agito anche nei confronti di TAMBUSCIO VALERIA e TODESCO ANNA in piena legalità secondo Leggi Internazionali e Leggi U.C.C.
Chiedo quindi alla Polisia Nasionale ed al Governo Veneto l’ ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO in particolare di TAMBUSCIO VALERIA e TODESCO ANNA IN QUANTO RESESI RESPONSABILI DI QUANTO DENUNCIATO SOPRA E DELLE CONSEGUENZE DERIVANTI DALLE LORO AZIONI a mio danno.
Sarà mia decisione, qualora esse continuino a perseverare nel reato di stalking o qualora esse mi rechino danno, procedere contro entrambe nel modo a me più favorevole, al momento che riterrò opportuno e nelle sedi che riterrò opportune.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
LUISA PENZO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140312200340109) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311155844156 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311155844156 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:6 GENNAIO 2024 FRA LE ORE 11:00 E LE ORE 12:30
luogo iniziale del fatto segnalato:PUNTO VENDITA TELEFONIA ILIAD, UBICATO ALL’INTERNO DEL CENTRO COMMERCIALE “CONSORZIO CENTRO PIAVE” DI SAN DONà DI PIAVE (CONTEA DI VENEZIA).
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:LEVI BENEDETTO (AMMINISTRATORE DELEGATO DI “ILIAD ITALIA SPA”)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Sabato 6 gennaio 2023 fra le ore 11:00 e le 12:30 mi sono recato presso un punto vendita telefonia ILIAD ITALIA SPA ubicato all’interno del centro commerciale “CONSORZIO CENTRO PIAVE” di San Donà di Piave (Contea di Venezia).

Ho chiesto all’operatrice, una ragazza castana, giovane e di corporatura magra che mi proponesse un’offerta per sole chiamate tenendo presente che chiedevo la portabilità da altro operatore.

Mi indica un’offerta da 4,99 euro/mese e io gli dico subito che va bene e di procedere.

A questo punto inizia a chiedermi i dati e il numero di telefono per il quale richiedevo la portabilità e le fornisco il tutto. Poi mi chiede un documento aggiungendo che sarebbe meglio la carta di identità digitale, io le rispondo che l’unico documento che possiedo è la patente, risponde che va bene e procede con la scansione fronte/retro.

Terminata la scansione mi dice che devo fare un video identificativo della mia persona, ma io categoricamente mi rifiuto e aggiungo che potevo capire la richiesta di esibire un documento, ma trovavo priva di significato e impertinente la scansione mediante un video della mia persona che poi avrebbe potuto essere utilizzata per scopi a me sconosciuti e/o operazioni di sorveglianza e controllo.

A questo punto l’operatrice mi dice che senza video identificativo non si può proseguire. Io le dico di cancellare tutto, sia la scansione della patente appena effettuata, sia i dati comunicati in maniera verbale perché non avrei aderito.

Subito dopo è intervenuto un altro operatore, un ragazzo di corporatura magra che mi ha fatto capire che se voglio protestare lo devo fare con ILIAD ma non con loro. Io gli ho detto che le rimostranze in quel momento le facevo a loro e poi sarebbero stati loro a doverle riportare a ILIAD ITALIA SPA, dopodiché me ne sono andato.

Qualche ora dopo provo a fare l’operazione da computer accedendo al sito di ILIAD, ma anche in questo caso il passaggio successivo all’accettazione dell’offerta era quello ricevere le credenziali da ILIAD ITALIA SPA con le quali accedere all’area riservata dalla quale “EFFETTUARE IL VIDEO IDENTIFICATIVO DELLA MIA PERSONA”.

A questo punto annullo l’operazione.

Oggi 8 gennaio 2024 alle ore 06:02 ricevo una e-mail da ILIAD nella quale mi chiedono se ci sto ancora pensando.

Tutto questo mi fa riflettere su quanto viene asserito da diverse fonti in merito al fatto che il governo italiano è impegnato a portare avanti la realizzazione dello strumento “IDENTITA’ DIGITALE”, ovvero un processo di controllo totale sugli esseri umani tale da privarli della loro libertà, in quanto per chi non si adeguerà e non accetterà tale strumento di controllo, anche lo svolgimento di semplici attività giornaliere potrebbe venire precluso.

Da come si sono svolti gli eventi e da quanto proferito dall’operatrice e dall’operatore, mi viene da dedurre che anche ILIAD ITALIA SPA possa in qualche maniera spalleggiare un tale progetto.

LEVI BENEDETTO è l’amministratore delegato di ILIAD ITALIA SPA al quale sottopongo la seguente domanda:

LEVI BENEDETTO si sentirebbe libero e contento nel caso in cui venisse installato nella sua persona, in maniera permanente, un sistema trasponder di videosorveglianza a riconoscimento facciale, in grado di rilevare la sua presenza ovunque e in qualsiasi momento, con la conseguenza di memorizzare e rendere visibile tutto ciò che fa, tutto ciò che possiede e tutti i suoi spostamenti, oltre ad altro ancora?

Chiedo alla Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta di indagare in merito.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140311155844156) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311144803532 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311144803532 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:6 GENNAIO 2024 FRA LE ORE 11:00 E LE ORE 12:30
luogo iniziale del fatto segnalato:PUNTO VENDITA TELEFONIA WIND TRE, UBICATO ALL’INTERNO DEL CENTRO COMMERCIALE “CONSORZIO CENTRO PIAVE” DI SAN DONà DI PIAVE (CONTEA DI VENEZIA).
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:FOK KIN NING CANNING (PRESIDENTE CDA) – GIANLUCA CORTI (CO-AMMINISTRATORE DELEGATO) – BENOIT JACQUES JOSEPH HANSSEN (CO-AMMINISTRATORE DELEGATO) – FRANK JOHN SIXT (AMMINISTRATORE) – EDITH SHIH (AMMINISTRATORE) – CHRISTIAN NICOLAS ROGER SALBAING (AMMINISTRATORE) – STEFANO INVERNIZZI (AMMINISTRATORE) – JAMES DEMITRIUS GIRGULIS (AMMINISTRATORE)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Sabato 6 gennaio 2023 fra le ore 11:00 e le 12:30 mi sono recato presso un punto vendita telefonia WIND TRE ITALIA SPA ubicato all’interno del centro commerciale “CONSORZIO CENTRO PIAVE” di San Donà di Piave (Contea di Venezia).

Ho chiesto all’operatore, un ragazzo castano di corporatura robusta e con la barba che mi proponesse un’offerta per sole chiamate tenendo presente che chiedevo la portabilità da altro operatore.

Mi indica un’offerta da 7,99 euro/mese e io gli dico subito che va bene e di procedere.

A questo punto mi chiede i documenti e io gli dico che non ce li avevo fisicamente con me e che glieli avrei girati via e-mail.

Lui subito mi nega questa possibilità asserendo che lui ha bisogno di avere i documenti originali per scansionarli. Io gli dico che sono già scansionati, ma subito aggiunge che lui dispone di uno scanner in grado di capire se i documenti sono originali. Io ribadisco che come li scansiona lui li ho scansionati anch’io per cui non vedo differenza.

Lui mi blocca subito e mi dice che per il momento deve attenersi a questa prassi almeno fino a quando “al livello governativo tutto viene digitalizzato”. Ovviamente si riferiva al governo italiano.

Tutto questo mi fa riflettere su quanto viene asserito da diverse fonti in merito al fatto che il governo italiano è impegnato a portare avanti la realizzazione dello strumento “IDENTITA’ DIGITALE”, ovvero un processo di controllo totale sugli esseri umani tale da privarli della loro libertà, in quanto per chi non si adeguerà e non accetterà tale strumento di controllo, anche lo svolgimento di semplici attività giornaliere potrebbe venire precluso.

Da come si sono svolti gli eventi e da quanto proferito dall’operatore, mi viene da dedurre che anche WIND TRE ITALIA SPA possa in qualche maniera spalleggiare un tale progetto.

A tal proposito di seguito cito gli individui che attualmente ricoprono le posizioni di vertice all’interno di WIND TRE ITALIA SPA ( fonte https://www.windtregroup.it/IT/Company/cda-e-Struttura-Azionaria.aspx ):

Fok Kin Ning Canning (Presidente CDA)
Gianluca Corti (Co-Amministratore Delegato)
Benoit Jacques Joseph Hanssen (Co-Amministratore Delegato)
Frank John Sixt (Amministratore)
Edith Shih (Amministratore)
Christian Nicolas Roger Salbaing (Amministratore)
Stefano Invernizzi (Amministratore)
James Demitrius Girgulis (Amministratore)

Chiedo alla Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta di indagare in merito.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140311144803532) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311131512649 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2024.01.08 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140311131512649 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:2 GENNAIO 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE E-MAIL DA: INFO@FINECOBANK.COM
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:FOTI ALESSANDRO – AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE DELL’ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO FINECOBANK SPA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In data 2 gennaio 2023 alle ore 11:01 ho ricevuto tramite e-mail dall’indirizzo info@finecobank.com e riconducibile all’istituto di credito italiano FINECOBANK SPA, una comunicazione in cui venivo minacciato che se entro 15 giorni non avessi provveduto a inserire un nuovo documento identificativo, non avrei più potuto continuare a utilizzare il mio conto corrente.

Dietro tutte queste richieste ci sono sempre diverse domande da porsi e una in particolare è la seguente:

– Se il conto corrente è mio e di conseguenza solo io ho le credenziali per accedervi che senso ha che continui a caricare un mio documento identificativo? Che scopo a tutto questo?

Solo io so chi sono e di conseguenza solo io posso correttamente identificarmi e per tale motivo non ho alcuna necessità di inserire un documento per identificarmi nuovamente; è una presa in giro nei miei confronti visto che sono sempre io a operare sul mio conto corrente.

– Stati e banche risultano essere pignorati, pertanto mi chiedo chi è l’individuo che ha formulato tale minaccia nei miei confronti?

L’e-mail ricevuta ovviamente non riporta alcuna firma, per cui ritengo responsabile per l’atto coercitivo messo in atto nei miei confronti FOTI ALESSANDRO, amministratore delegato e direttore generale dell’istituto di credito italiano FINECOBANK SPA.

Per poter operare e condurre le faccende di ordinaria amministrazione, mi sono trovato di fatto costretto a subire contro la mia volontà questa imposizione e ho inserito la patente di guida.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140311131512649) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

 

2023.12.29 – MORI RICCARDO VASANTH – SPN – 0140301174629051 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.29 – MORI RICCARDO VASANTH – SPN – 0140301174629051 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: RICCARDO VASANTH
Cognome: MORI
Codice Unico Personale: 2019521183501
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:09.10.2019
luogo iniziale del fatto segnalato:TERRITORI DELLA SERENISSIMA PATRIA E NON
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BOTRUGNO GIUSEPPE, L’AGENTE GENERALE PIOVAN STEFANO, LE DIPENDENTI DELL’ AGENZIA STESSA,I LEGALI RAPPRESENTANTI CARDINALETTI MARCO, MAZZUCCHELLI GIOVAN BATTISTA, LE FORZE DELL’ ORDINE DI COL SAN MARTINO, DI EGNA, CARABINIERE IN BORGHESE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Il 09.10.2019 l’agenzia assicurativa della “Cattolica” di Pieve di Soligo (Tv), telefonava a me, insistendo circa la necessità di “aprire” il sinistro, di cui alla telefonata del 04.09.2019, comunicando che tale BOTRUGNO GIUSEPPE targa DS-23459 del motociclo HUSQVARNA, aveva già provveduto di propria iniziativa; in pari data, io inviava una e-mail all’agenzia assicurativa chiedendo inutilmente di ricevere, stesso mezzo, copia della documentazione in loro possesso e relativa al sinistro contestato.

ecco lo scambio di email tra me e l’ agenzia:

mer 9 ott 2019 ore 11:16
Buongiorno, sono vasanth mori, faccio seguito al contatto telefonico odierno; se dovete inviarmi qualcosa, si prega di inviare al seguente indirizzo email : info@mlnv.org

ore 11:22
Buongiorno
purtroppo non possiamo farlo per motivi di privacy

ore 11:34
Non disponete voi della mia privacy ma io. e come tale dispongo che trasmettiate quanto è in mio diritto sapere e/o avere per quanto avete segnalato.
Rimango in attesa di cortese sollecito riscontro o riterrò una dolosa inadempienza l’ignorare i miei diritti.
si prega di trasmettere il tutto al seguente indirizzo email : info@mlnv.org

ore 11:59
La controparte ha aperto un sinistro accaduto in data 11/08/2019 a Bolzano.
Come da tue indicazioni non abbiamo aperto nessun sinistro ma lo ha fatto la controparte.
Non abbiamo nulla da inoltrarti.

ore 15:17
Chi è la controparte? io pago un assicurazione e voglio sapere chi apre un sinistro contro di me.

ore 16:46
Botrugno Giuseppe targa DS23459

ore 16:56
Mi serve la copia di quello che ha scritto l’ assicurazione della controparte con cui ha aperto il contenzioso. Non inviatemi dati incompleti.

il10/10/2019 8:40
non ho nessuna copia in mano ho solo il flusso informatico che mi dice nome cognome targa luogo e data tutto qui

il 20/11/2019 ore 10:49
Buongiorno, sono vasanth mori, chiedo la sospensione dell’ assicurazione della panda vista la situazione disagevole che mi è stato creata.

ore 10:56
per sospendere la polizza ci serve il certificato assicurativo in tuo possesso, ti aspettiamo in ufficio per la sospensione.

ore 11:13
non possiamo comunque sospenderla in quanto non c’e’ un mese di premio pagato perche’ la polizza scade a dicembre .
——–

Quest’ultima frase non corrisponde al vero! Ho sempre pagato e la richiesta di sospensione è stata fatto durante la validità dell’ assicurazione.

Chiedo pertanto all’ attore in questione , Botrugno Giuseppe di raccontare il vero, ovvero che non è stato minimamente toccato dal mio veicolo, che è caduto dolcemente per conto proprio affianco ai suo amici , che si era seduto poi tranquillo sul guardrail in attesa delle forze del disordine di Egna/Ora ( chiamati da un tale in calzoncini corti carabiniere in vacanza ) i quali in seguito mi hanno suggerito di raccontare il falso, ovvero che non avevo visto i ragazzi ed ovviamente io non ho accettato di raccontare qualcosa che non ho commesso e di falso e soprattutto non ho firmato alcunchè. Chiedo al signor Botrugno Simone e all’ agenzia assicurativa di Pieve di Soligo di farsi vivi al MLNV-GVP e sistemare la faccenda. Chiedo alla Giustizia Veneta di intervenire sull’ operato dei carabinieri di Farra di Soligo e di Egna /Ora, chiedendo supporto anche alla Cernide del MLNV di Salorno, e sull’ identificazione del carabiniere in borghese che ha cancellato il mio video testimonianza.

AGENZIA DI PIEVE DI SOLIGO
Piazza Vittorio Emanuele II 6/2 31053 Pieve di Soligo (TV)
Tel. 0438/83209 – Fax 0438/837938 – Mail: pievedisoligo@cattolica.it

SOCIETA’ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE – SOCIETA’ COOPERATIVA SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE:
LUNGADIGE CANGRANDE, 16 – 37126 VERONA
Tel 0458391111 – FAX 0458391112
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
RICCARDO VASANTH MORI

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140301174629051) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.27 – BASEGGIO ANDREA – SPN – 0140228224600656 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.27 – BASEGGIO ANDREA – SPN – 0140228224600656 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ANDREA
Cognome: BASEGGIO
Codice Unico Personale: 12211713550
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:26/10/2013
luogo iniziale del fatto segnalato:MIA ABITAZIONE
soggetti ritenuti responsabili:AUTORITA ITALIANE O PRESUNTE TALI
Precisazione:ABACO SPA LORIS TARGA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Recapito in forma scritta di Avvio di iscrizione di fermo di beni mobili registrati nr 38391 del 26/10/2023
Il tutto più volte rigettato.

RDN
1 il 23/03/2023 0130525224520980
2 il 30/06/2023 0130901214957050
3 il 25/08/2023 0131126211709555
4 il 17/11/2023 0140119205154279
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
ANDREA BASEGGIO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140228224600656) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.22 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140223161000954 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.22 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140223161000954 – referente: ME STESSO

SEGNALANTE:
Nome: ANDREA
Cognome: SALVADOR
Codice Unico Personale: 121934174059
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data probabile del fatto segnalato:02/01/2024
luogo del fatto segnalato:AULSS 5 POLESANA ROVIGO PRESSO OSPEDALE LOCALE
soggetti ritenuti responsabili:AUTORITA ITALIANE O PRESUNTE TALI
Precisazione:PERSONALE SANITARIO

CONSIDERATO CHE NELLO SPECIFICO DELL’ “OBBLIGO VACCINALE” O IMPOSIZIONE DI “TAMPONI” SI CONFIGURANO ANCHE IN AMBITO ITALIANO LE SEGUENTI VIOLAZIONI:
1) – reato di estorsione previsto dall’art.629 del Codice Penale italiano perchè il corpo di ogni essere umano è inviolabile e la salute personale non è sacrificabile a tutela della salute pubblica;
2) – Corte Costituzionale italiana, sentenza nr.308/1990: non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva, ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche difronte al generico interesse collettivo;
3) – Norimberga 1945: la somministrazione di farmaci contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità.
4) – Oviedo 2000: un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso LIBERO e INFORMATO.
5) – Art.32 Costituzione italiana: nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge; la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
6) – Tribunale di Roma, Sezione 6 – Civile: nell’ordinanza nr.45986/2020 R.G. del 16.12.2020, dichiara illegittimi tutti i dcpm a partire dal 31 gennaio 2020, dichiara illegittimo tale stato di emergenza nel metodo e nel merito e dichiara dunque nullificabili tutti gli atti da essa scaturiti.

SI DICHIARA PREVENTIVAMENTE QUANTO SEGUE:
Considerati i reali rischi e pericoli a cui ci si espone nel qual caso, in occasione di un ricovero ospedaliero, o presso strutture sanitare pubbliche e/o private, per qualsivoglia ragione, si venga obbligati a dare il proprio consenso per essere sottoposti a “tamponi” o “vaccinazioni” di qualsivoglia natura, preventivamente si nega il consenso ad ogni obbligo in tal senso, ma se ne richiede l’intervento sanitario per le esclusive ragioni per le quali è stato predisposto.

E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.

IL CITTADINO DEL POPOLO VENETO:
ANDREA SALVADOR


alt=”REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE”>

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140223161000954) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.20 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140221184010395 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.20 – SALVADOR ANDREA – SPN – 0140221184010395 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ANDREA
Cognome: SALVADOR
Codice Unico Personale: 121934174059
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:PREVISTA PER IL 22.12.2023
luogo iniziale del fatto segnalato:A.U.L.S. 5 POLESANA-ROVIGO – PRESSO OSPEDALE LOCALE
soggetti ritenuti responsabili:SCONOSCIUTI MA RICONOSCIBILI
Precisazione:PERSONALE SANITARIO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Considerati i reali rischi e pericoli a cui ci si espone nel qual caso, in occasione di un ricovero ospedaliero, o presso strutture sanitare pubbliche e/o private, per qualsivoglia ragione, si venga obbligati a dare il proprio consenso per essere sottoposti a “tamponi” o “vaccinazioni” di qualsivoglia natura, preventivamente nego il consenso ad ogni obbligo in tal senso, ma se ne richiede l’intervento sanitario per le esclusive ragioni per le quali è stato predisposto.

ALTRESI’, NELLO SPECIFICO DELL’OBBLIGO VACCINALE SI SEGNALA/DENUNCIA
1) – si configura il reato di estorsione previsto dall’art.629 del Codice Penale italiano perchè il corpo di ogni essere umano è inviolabile e la salute personale non è sacrificabile a tutela della salute pubblica;
2) – Corte Costituzionale italiana, sentenza nr.308/1990: non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva, ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche difronte al generico interesse collettivo;
3) – Norimberga 1945: la somministrazione di farmaci contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità.
4) – Oviedo 2000: un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso LIBERO e INFORMATO.
5) – Art.32 Costituzione italiana: nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge; la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
6) – Tribunale di Roma, Sezione 6 – Civile: nell’ordinanza nr.45986/2020 R.G. del 16.12.2020, dichiara illegittimi tutti i dcpm a partire dal 31 gennaio 2020, dichiara illegittimo tale stato di emergenza nel metodo e nel merito e dichiara dunque nullificabili tutti gli atti da essa scaturiti.

E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.

ANDREA SALVADOR

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140221184010395) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.19 – MORI RICCARDO VASANTH – SPN – 0140220163548886 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.19 – MORI RICCARDO VASANTH – SPN – 0140220163548886 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: RICCARDO VASANTH
Cognome: MORI
Codice Unico Personale: 2019521183501
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:19/12/2023
luogo iniziale del fatto segnalato:REPUBLICA DI VENETHIA
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:FORZE DELL’ ORDINE DELLO STATO OCCUPANTE, COLONIALISTA E RAZZISTA ITALIA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
MODUS OPERANDI delle forze dell’ ordine italiane. E’ vendetta o razzismo?

Episodio accaduto nel periodo in cui era maresciallo della stazione dei carabinieri di Col San Martino Andrea Traini (dal 2008 al 2014)
il carabiniere Francesco alto e robusto, presente nella foto “Il luogotenente Mauro Orrù ha lasciato la caserma dei carabinieri di Col San Martino dopo 7 anni: tanti messaggi di stima da Farra, Miane e Moriago (qdpnews.it)”, mentre camminavo un mattino sul marciapiede a fianco dell’ auto scuola di Miane (Tv), in direzione della piazza mi aveva fischiato per chiamarmi e identificarmi ( sapevano chi ero ). Quando ho mostrato i documenti, gli avevo detto che non serviva che mi fischiasse per chiamarmi e a quel punto il maresciallo Andrea Traini, che era a fianco del carabiniere, mi ha spinto verso il muro dicendomi che stava un attimo ad ammanettarmi; allora gli avevo fatto notare che questo era abuso di potere e lui stesso in caserma, dove era andato a chiedere spiegazioni, aveva negato l’ accaduto. In seguito ero andato al comando regionale veneto a Padova dal comandante Appon Luciano ( ufficio relazione col pubblico) a segnalare il fatto; il gentilissimo comandante dopo avermi ascoltato mi avevo consigliato di andare anche dal capitano della compagnia dei carabinieri di vittorio veneto per segnalare l’ accaduto…e poi era finita lì.

Episodio accaduto nel periodo di operato del maresciallo della stazione dei carabinieri di Col San Martino Mario Orrù figlio d’arte: il padre faceva parte dell’Arma dei carabinieri in servizio ad Asolo. Orrù proviene dalla Stazione Carabinieri di Roverè alla Luna (Tn), che ha comandato per oltre 17 anni.
Quando ero a Naturno (Bz) i carabinieri di Col san Martino mi avevano chiamato al telefono minacciandomi, con tono acceso, di andare in caserma da loro immediatamente altrimenti sarebbero venuti a prendermi.
Quando ero a Villorba sempre gli stessi carabinieri di col san martino mi avevano minacciato di andare da loro …una specie di stalking nonostante avessero contribuito all’ arresto , per falso incidente, con i carabinieri di Egna/Ora di Bolzano.
Gli stessi carabinieri di Col San Martino avevano avvisato i giornali del falso incidente che avrei causato
Il maresciallo Mario Orrù , Il luogotenente Mauro Orrù ha lasciato la caserma dei carabinieri di Col San Martino dopo 7 anni e va Spresiano (Tv). Nel 2019 da maresciallo maggiore era stato promosso a luogotenente e dallo scorso dicembre è luogotenente carica speciale..

Episodio accaduto in caserma di Egna (Bz) 11.08.2019:
Il carabiniere che prende per i fondelli chiedendomi pizza o pasta per pranzo
Un carabiniere che mi chiede di fare i piegamenti sulle ginocchia ( squat ) per vedere se ero ubriaco ed era chiarissimo che non lo ero
Il carabiniere che mi chiede insistentemente di firmare un incidente che non ho mai commesso, di dire che non avevo visto le moto ( di raccontare il falso); e mi racconta che un tale in passato che lo aveva fotografato era stato denunciato ricevendo anche una somma di denaro per l’ accaduto. Lo stesso carabiniere prima di arrestarmi mi aveva tolto di mano il mio telefonino con cui stavo registrando in strada per la mia autotutela e cancellato il video in collaborazione del carabiniere in borghese stile “Bay watch” che aveva inventato che avevo causato un incidente con omissione di soccorso ..lui che era 150-200 metri di distanza da me lui in un senso e io in un altro senso della strada.
Due carabinieri mi avevano preso per i gomiti e polsi e spinto i miei pollici sulle carte per rilevare le impronte senza quindi il mio consenso. Di questi due carabinieri quello più alto magra e minaccioso si preparava infilandosi i guanti per togliermi forzatamente dalla mia autovettura od avere una mia reazione.
Gli stessi carabinieri di Egna avevano avvisato i giornali del falso incidente che avrei causato

I giornali servitori che hanno raccontato il falso: QDP IL QUOTIDIANO DEL PIAVE, IL GAZZETTINO DI TV, QUOTIDIANO IL DOLOMITI SRL, QUOTIDIANO ALTO ADIGE

Episodio accaduto vicino a Naturno dopo il mio rilascio dalla casa circondariale di Bolzano:
una sera dopo aver cenato alla birreria Forst, una pattuglia di carabinieri in postazione senza fari accesi vede l’ auto del mio collega di lavoro dove viaggiavo pure io e lo insegue fino a segnalare di fermarsi al distributore di benzina Repsol. Una volta fermati il mio collega ed io i carabinieri oltre a chiedere i nostri documenti ci hanno anche perquisito senza alcun motivo; trovando tutto apposto ci hanno lasciati andar via senza un foglio di perquisizione o un verbale…chissà perché.

Episodio accaduto a Montecatini terme il 20/12/2020 : V. ISP. BOGAZZI FRANCESCO E AG PANZALI ERIK
Hotel Tuscany inn di Montecatini Terme ore 9:25
Mentre soggiornavo nell’ albergo per un corso di formazione professionale con l’azienda ATS Sharing mi vengono i camerieri ad interrompere la colazione dicendo che alla reception mi volevano : quando arrivai nel luogo indicato mi si avvicinarono due individui in divisa della polizia di Montecatini che mi dissero che dovevano notificarmi qualcosa chiedendomi se avevo la patente in possesso. Mi dissero che erano lì su invito della stazione dei carabinieri di Farra di Soligo. Mi hanno trattenuto per circa un ora rallentando l’inizio della mia formazione causando disagio anche nei confronti degli organizzatori i quali mi avvertirono che non avrebbero iniziato se c’era la presenza dei poliziotti. Mi fecero aspettare dicendomi che aspettavano delle carte dalla stazione dei carabinieri di Farra di Soligo. Uno di loro era ritornato per prendere determinate carte . Tutto questo mi ha creato disagio e perdita della colazione, il rifacimento della stanza dell’albergo facendomi rallentare l’operazione visto l’orario di check out. Sinceramente non capisco il motivo della loro presenza in albergo visto che sapevano dove abitavo e che lì potevano notificarmi. Mi sono sentito trattare ennesima volta come un delinquente quale non lo sono.

Episodio accaduto a Fiera di Primiero: AGENTI DI P.G.V. BRIG STEFANI LUCIO – CARABINIER GIACOMINI FABIO – CARABINIERE STIFANO VITO
In tarda mattinata mentre stavo camminando da Imer a Mezzano, vedo una pattuglia di carabinieri di Fiera di Primiero ( c’erano tre dentro ) che stavano percorrendo in direzione contraria alla mia; dopo 2 minuti vedo la stessa pattuglia inseguirmi e chiedendomi di fermarmi. Alchè mi fermo , attraverso la strada dalla loro parte, in uno spazio dove c’era la fermata dell’ autobus. Mi chiedono subito, senza salutare i miei documenti. Ho detto loro che non avevo i documenti italiani e allora il più vecchio e corpulento del luogo, avente accento veneto, ha esclamato: come non hai i documenti? Non mi ha chiesto le generalità. Continuava ancora: tira fuori il tuo portafoglio e mettilo sul cruscotto dell’ auto! Ho eseguito la sua richiesta perché erano in tre e poi avevano come al solito le pistole e poi visto i trascorsi di abusi di potere..Ha svuotato il taccuino con rabbia esclamando che avevo i documenti falsi…cos’è questa roba? Ho detto loro che è l’dentità dichiarativa da cittadino del Movimento di liberazione nazionale del popolo veneto. Allora sempre il capo ha ordinato, non invitato, a montare nella loro auto e che dovevano , come al solito, identificarmi perché i documenti che avevo non erano italiani . Ho detto loro che dovevo fare una telefonata al Presidente del Mlnv-gvp, e durante la chiamato ho chiesto al corpulento se voleva parlare ma lui ha rifiutato categoricamente. Quando siamo arrivati in caserma a Fiera di Primiero mi hanno fatto accomodare in saletta d’attesa stretta e hanno chiuso a chiave la porta d’ingresso. Dopo 10 minuti sono arrivati gli altri due carabinieri che erano nell’ auto a chiedermi chi fossi e di identificarmi, chiedendo anche quale frontiera avessi superato per arrivare lì; ed io ho detto loro che sono adottato e per tre volte me l’hanno richiesto ed io per tre volte ho detto che sono un cittadino autodeterminato sotto l’ egida del Mlnv-gvp. E come al solito mi hanno chiesto di firmare ciò che ho detto. Poi mi hanno portato nell’ altra sala e mi hanno detto che ero ricercato in tutta Italia e che dicevo il falso e che dovevo prendermi, come al solito, un avvocato italiano per un ennesimo indagine. Ho detto ok così andavo via da quel posto energeticamente satanico e negativo. Mi hanno chiesto se ero ancora in paese, ho detto loro di sì…così nel pomeriggio tramite un amico che a sua volta aveva ricevuto una telefonata da Marco il gelataio, che ha la gelateria in centro vicino al bar burger, mi hanno rintracciato e ordinato di presentarmi di nuovo in caserma. Sono andato lì di nuovo e questa volta non hanno chiuso a chiave la porta d’ingresso e mi hanno detto che le carte del mattino erano sbagliate e che mi davano altre secondo loro corrette e mi hanno chiesto dove far pervenire ulteriori carte. Poi il corpulento ha cambiato tono e addirittura diceva che gli piacciono i paesi orientali e le loro tradizioni…..

Episodio accaduto a Feltre: app .sc Alex Minella e carabiniere Vignoli

Il giorno 2/11/2022 i carabinieri di Feltre sono arrivati alle 18:50 circa al mio domicilio dicendomi che avevano una notifica da darmi: mi hanno chiesto i documenti ed io ho dato i dati della mia identità dichiarativa del MLN-GVP; hanno registrato i dati, non mi hanno dato la notifica e mi hanno detto di andare nei giorni seguenti in caserma dove mi avrebbero dato la notifica. Premetto che nei giorni precedenti avevo già spedito ai carabinieri di Fiera di Primiero e al tribunale di Bolzano i rigetti di altri atti similari con l’indicazione del domicilio. Il giorno 4 verso le 9:15 mi presento in caserma e alla entrata mi hanno chiesto i documenti; ho dato la mia identità dichiarativa del MLNV-GVP e un certo Vignoli, collaboratore dell’ app .sc Alex Minella, mi ha detto che non è valida e che, siccome non sanno chi sono, ero obbligato a fare il rilievo fotosegnaletico e il rilievo delle impronte digitali ( 5 fogli ). Mi hanno accompagnato in una stanza al piano superiore , ovviamente su ordine superiore uno davanti a me e uno dietro a me. Arrivato nello stanzino c’erano due carabinieri gentili uno di origine veronese; ho collaborato e conversato con loro. Uno di loro ha detto che loro non hanno psicologi per i momenti di crisi e che il loro comandante è buono come il pane come un padre…chissà perché me l’hanno detto. Dopo 1 ora circa mi hanno riportato giù nella sala d’attesa dicendomi di aspettare ancora per il verbale. Durante l’ attesa ho chiesto di uscire a prendere una boccata d’ aria; il carabiniere allo sportello con gli occhiali mi ha consentito in maniera gentile, poi neanche 5 minuti ha cambiato tono e quasi minaccioso mi ha ordinato di entrare dentro. Dopo circa di 2 ore di attesa provocatoria mi hanno dato un semplice verbale in mano. In quel momento allo sportello avevo intravisto nella postazione del carabiniere con gli occhiali una signora ( suppongo psicologa ) e un signore ( senza divisa ).
Il giorno seguente mentre passeggiavo in centro con una persona, “ casualmente “ vedo una macchina dei vigili venirmi incontro a passo d’uomo e il guidatore che mi scrutava dall’ interno.
Ogni volta che andava in centro a bere un caffè con una persona “ casualmente “ c’erano pattuglie di carabinieri o polizia che giravano…..
Scopro parlando con una persona che in caserma i carabinieri hanno dei monitor collegati con le telecamere del centro di Feltre…che casualità.
Gli attori protagonisti delle vicende:
Ex Marescialli Andrea Traini, Mario Orrù, i marescialli dei carbinieri di Egna, Fletre, Fiera di primiero, Villorba; il carabinieri Francesco ( col san martino ), app .sc Alex Minella e carabiniere Vignoli, i carabinieri di Feltre, Naturno? Ex Marescialli Andrea Traini, Mario Orrù, i marescialli dei carbinieri di Egna, Fletre, Fiera di primiero, Villorba; i carabinieri Francesco ( Col San Martino ), i carabinieri di Feltre, Naturno? agenti di p.g.v. brig Stefani Lucio – carabinier Giacomini Fabio – carabiniere Stifano Vito, carabiniere in borghese con i calzoncini corti, v. isp. Bogazzi Francesco e ag Panzali Erik; qdp il quotidiano del piave, il gazzettino di tv, quotidiano il dolomiti srl, quotidiano alto adige.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
RICCARDO VASANTH MORI

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140220163548886) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.18 – PAVAN ALBERTO – SPN – 0140219145622208 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.18 – PAVAN ALBERTO – SPN – 0140219145622208 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ALBERTO
Cognome: PAVAN
Codice Unico Personale: 121231155634
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:14/12/2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PROPRIA ABITAZIONE
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:TUTTI FUNZINARI DELL’AGENZIA ENTRATE – DIRREZIONE PROV.LE DI VICENZA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In data 08/11/2023 il sottoscritto riceveva dall’Agenzia delle Entrate l’invito a comparire n. 100902/2023 nel quale i responsabili:
sig. GIRASOLE GIOVANNI – Funzionario responsabile
sig. GIACOMO MAGLIO – Capo Team
sig. ENRICO DI POL – Direttore provinciale
intimavano la produzione di documentazione, documentazione che non veniva prodotta a seguito di regolare RDN 0140212151120494 del 11/12/2023; malgrado ciò i suddetti funzionari continuavano l’azione intimidatoria con successivo attI di invito a comparire n. T65I1GR01570/2023 e T65I1GR01571/2023 ricevutI il 28/11/2023 alla quale rispondeva ancora una volta con RDN di RDN 0140212151120494 DEL 11/12/2023.
Incuranti di quanto notificato dal sottoscritto gli stessi funzionari continuavano l’azione a mio carico con invio di ben tre atti di accertamento n. T6502GR02127/2023, T6506GR02128/2023, T6501GR02332/2023 DEL 11/12/2023 di presunte tasse evase e relative sanzioni per l’anno 2018 per un’importo di migliaia di euro, atti di accertamento ancora respinti con ulteriori RDN di RDN.
Essendo il sottoscritto un autodeterminato fin dall’Agosto 2018, migrato poi nel presente MLNV, in funzione delle norme internazinali che tutelano il Movimento e di riflesso il sottoscritto con la presente ritiengo di essere soggetto di persecuzione da parte dello Stato Italiano e dei funzionari sopra citi, chiedo pertanto l’apertura di un procedimento giudiziario atto alla condanna dei suddetti funzionari pubblici dell’Agenzia delle Entrate.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
ALBERTO PAVAN

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140219145622208) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.13 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140214163045720 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.13 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140214163045720 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:29 NOVEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CIANCIARUSO GIOVANNI – ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTI SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO DELLA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento a quanto messo in atto ai miei danni da CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, entrambi dipendenti della filiale di Conegliano (Contea di Treviso) dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, il cui costituirsi è stato da me denunciato tramite la SPN 0130811154027387 del 9 giugno 2023,
preciso quanto segue:
il fornitore VODAFONE ITALIA SPA, solo per il fatto di aver ricevuto rifiuto alla domiciliazione bancaria da parte di tutti i soggetti sopra citati, mi ha addebitato euro 24 maggiorati dell’illegale imposta italiana iva.
Oltre i danni subiti persistono quelli subendi a causa dell’operato di questi due individui.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140214163045720) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.04 – PENZO LUISA – SPN – 0140205151529170 – referente: ME MEDESIMA

Oggetto: 2023.12.04 – PENZO LUISA – SPN – 0140205151529170 – referente: ME MEDESIMA

DENUNCIANTE
Nome: LUISA
Cognome: PENZO
Codice Unico Personale: 28072015101001
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:04.12.2023
luogo iniziale del fatto segnalato:ZONA BELLUNESE
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:FILIALE BANCA CREDIT AGRICOLE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Buongiorno,
segnalo quanto segue:
questa mattina, 04.12.2023 mi reco presso una filiale della banca credit agricole per avere informazioni relative all’ eventuale apertura di un nuovo conto.
Alla signora cui mi sono rivolta riferisco che non voglio installare alcuna applicazione.
Lei gentilmente mi dice che il conto generalmente viene aperto online (attraverso il mio cellulare naturalmente) perché le condizioni economiche sono molto vantaggiose rispetto ad un conto aperto allo sportello fisico. Le rispondo che preferisco evitare l’apertura online. Lei allora mi comunica le condizioni (60 euro annuali più soliti bolli italiani). Quando le chiedo il costo dei bonifici, lei mi guarda un pò titubante e mi dice :” ogni bonifico costa 4 euro e….in più…”piccola penale”…altri 2 euro perché sceglie lo sportello fisico…”
AVETE CAPITO?
A parte essere la prima volta che mi vengono chiesti 60 euro (di solito sono 48) ,a parte che solitamente un bonifico allo sportello costa 3,80 euro…MA LA COSA GRAVE E DISCRIMINATORIA E’ CHE SE SCELGO LO SPORTELLO FISICO, e quindi non mi assoggetto al ricatto della via online, PAGO LA PENALE OGNI VOLTA CHE MI RIVOLGO ALLO SPORTELLO FISICO PER FARE UN BONIFICO.
Mi sembra che le parole di questa signora siano la prova inconfutabile dell’obiettivo finale da parte di alcune banche (se non facciamo nulla diventerà la prassi per tutte le banche, che ricordo comunque essere tutte pignorate dal 23.01.2013 per legge!) di portare la popolazione nel percorso digitale (che naturalmente ti vendono come più veloce, più economico, più semplice… peccato che porti invece sempre di più ad una situazione reale di minore libertà, soprattutto di pensiero visto che, se non ti adeguerai alle imposizioni del sistema italiano esso stesso semplicemente chiuderà l’accesso al tuo conto.
Naturalmente credit agricole per me può chiudere.
Non dimentichiamo che il sistema bancario è il primo responsabile della resa in schiavitù della razza Umana ( 6 giugno 1934) con la fondazione della S.E.C. da parte di Franklin Delano Roosvelt.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
LUISA PENZO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140205151529170) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140203120110717 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.12.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140203120110717 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:29 NOVEMBRE 2023 ALLE ORE 13:19
luogo iniziale del fatto segnalato:E-MAIL RICEVUTA DA: ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, PRESSO LA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN 0140202163629483 e come in esso già preannunciato inoltro la presente DENUNCIA in conseguenza alla e-mail ricevuta in data 29 novembre 2023 alle ore 13:19 da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) e dallo stesso messa in copia a CIANCIARUSO GIOVANNI ( Giovanni.Cianciaruso@sparkasse.it ), nella quale mi veniva velatamente minacciato il mantenimento della mia carta di credito se non avessi provveduto a corrispondere la somma di euro 885 entro il giorno dopo, ovvero il 30 novembre 2023.
Tutto questo nonostante avessi già dato parola, mediante la notifica della SPN 0140125163116634 del 23 novembre 2023, avvenuta via e-mail a ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) in data 24 novembre 2023 alle ore 15:06, che avrei provveduto alla loro copertura.

Dopo aver già dimostrato nel mese di ottobre 2023 un ulteriore adempimento dello stesso genere, noto il persistere di una protratta indifferenza nei miei confronti da parte del ROMANELLO, il quale continua ad agire contro di me nel più totale oblio per quanto da lui causatomi in concorso con il CIANCIARUSO.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140203120110717) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.12.01 – PENZO LUISA – SPN – 0140202182455734 – referente: ME MEDESIMA

Oggetto: 2023.12.01 – PENZO LUISA – SPN – 0140202182455734 – referente: ME MEDESIMA

DENUNCIANTE
Nome: LUISA
Cognome: PENZO
Codice Unico Personale: 28072015101001
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:01.12.2023
luogo iniziale del fatto segnalato:ALPAGO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:RAI (AGENZIA ENTRATE UFFICIO CANONE TV-TORINO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Premetto che da molti anni non ho alcun interesse per quella che io definisco “scatola infernale” e cioè la televisione e di conseguenza ho sempre comunicato alla rai di non possedere alcun apparecchio televisivo per evitare che erroneamente mettessero il canone in bolletta.
Ogni anno infatti inviavo in sede a Torino, tramite raccomandata, la cosiddetta “dichiarazione sostitutiva relativa al canone rai” ottenendo così la cancellazione della voce “canone” in bolletta.
Questa azione però mi è sempre costata il prezzo della raccomandata e ora, dopo tanti anni, mi sono stancata di ingrassare poste italiane oltretutto per un qualcosa che è illegale ab origine ( la rai infatti è un’azienda privata italiana e come tale illegale e straniera nei Territori della Repubblica di Venezia, mai diventata italiana).
Per questi motivi ora ho scelto, come Veneta autodeterminata sotto l’egida del MLNV, di fare questa segnalazione alla Polisia Nasionale del Governo Veneto Provvisorio, (istituzione di cui si avvale per Legge Internazionale il Movimento di Liberazione Nazionale del Popolo Veneto (MLNV= soggetto giuridico previsto dallo stesso Diritto Internazionale) in modo che, una volta pubblicata in Gaxeta Uficiale, essa verrà da me inviata per conoscenza alla sede rai di Torino (tramite indirizzo email: CanoneTV@rai.it e dp.itorino.ufficiocanonetv@agenziaentrate.it ) cosicché si chiuda in modo definitivo la suddetta tiritera annuale.
Va precisato comunque che, a prescindere dal fatto che io detesto quella scatola infernale per motivi ovvii purtroppo ancora a pochi, anche se io avessi una televisione ricordo ai dipendenti rai che, come detto sopra, il canone rai, come del resto tutto ciò che è tassazione o sanzione italiana, è illegale soprattutto nella Repubblica di Venezia per il motivo suddetto (eventualmente invito ogni dipendente di questa azienda privata a leggere anche il testo di ogni rigetto (RDN) pubblicato in Gaxeta Uficiale (cercare sul web: mlnv.org) in modo che si possa approfondire.
Ricordo inoltre a chi lavora per la rai che io non ho mai dato il consenso al trattamento dei miei dati personali e per questo motivo invierò questa mia segnalazione anche agli indirizzi email: privacy@rai.it ; dpo@rai.it chiarendo ai responsabili che è mia volontà che i suddetti dati vengano immediatamente cancellati dai loro archivi elettronici o cartacei per i motivi suddetti (Legge U.C.C. 1-103).
Ricordo ai responsabili rai che le Leggi U.C.C. sono leggi alle quali anche lo stesso governo italiano deve sottostare essendo esso un’azienda privata (o meglio una corporation) iscritta alla S.E.C.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
LUISA PENZO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140202182455734) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.23 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140125163116634 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.23 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140125163116634 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:15 NOVEMBRE 2023 ORE 11:50
luogo iniziale del fatto segnalato:E-MAIL RICEVUTA DA: ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIODI BOLZANO SPA IN SERVIZIO PRESSO LA FILIALE DI CONEGLIANO (CONTEA DITREVISO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
DENUNCIO quanto segue:

Mercoledì 15 novembre 2023 alle ore 11:50 ricevo, via e-mail, da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) una comunicazione che testualmente riporto:

“la presente per informarla che a seguito dell’addebito relativo alla Carta di credito il suo conto corrente presenta un saldo negativo di euro 884,14.
La invitiamo ad eseguire un bonifico a copertura”.

A tal proposito comunico al ROMANELLO, tramite la notifica della presente denuncia, che è mia premura dimostrarmi corretto e provvederò senza dubbio a coprire tale addebito.

Rimane ancora pendente la situazione generata dalla sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente a opera di CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, i cui danni li ho subiti e li sto ancora subendo.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140125163116634) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.23 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140125111512231 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.23 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140125111512231 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:MESE DI NOVEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO), VIA GALANTI 10 / PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CIAMBOTTI BARBARA (COMANDANTE POLIZIA LOCALE DEL COMUNE STRANIERO ITALIANO DI VILLORBA)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento alla SPN 0131229142301516 del 27 ottobre 2023,

DENUNCIO quanto segue:

nonostante sia il comune straniero italiano di Villorba, amministrato dal suo legale rappresentante SOLIGO FRANCESCO (brevemente chiamato sindaco), sia la sua polizia locale cappeggiata da CIAMBOTTI BARBARA, conoscano bene il diritto jus cogens all’autodeterminazione che sto rivendicando, continuo a essere importunato e vessato da CIAMBOTTI BARBARA e la maniera con cui ciò avviene, assume, a mio avviso, tratti intimidatori.

Per come si svolgono i fatti mi chiedo se goda dell’ausilio e/o dell’appoggio di qualche altra figura interna e/o esterna al suo ambito lavorativo.

Chiedo pertanto alla Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta di indagare e di essere tutelato.

La presente DENUNCIA, ha altresì valore di RIGETTO nei confronti di qualsiasi azione e/o atto posti in essere a mio danno da CIAMBOTTI BARBARA.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140125111512231) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.21 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140123145434970 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.21 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140123145434970 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:9 NOVEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:UNOENERGY SPA, CORSO CAVALLOTTI, 30 18038 SANREMO IM (SEDE AMMINISTRATIVA E OPERATIVA) – VIA CALDERA, 21 – 20153 MILANO (SEDE LEGALE)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:UNOENERGY SPA – FORNITORE DI LUCE E GAS

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Faccio riferimento alle seguenti DENUNCE:

– SPN 0131208154845465 del 6 ottobre 2023
– SPN 0131220161552636 del 18 ottobre 2023

Riferisco e preciso quanto segue:

– in data 4 ottobre 2023 ho subito uno stacco senza preavviso da parte del fornitore UNOENERGY SPA, per una bolletta di euro 71 il cui termine per il pagamento era stato fissato per il giorno 31 luglio 2023;
– il mancato pagamento è avvenuto, a mia insaputa, quale diretta conseguenza della sottrazione di denaro dal mio conto corrente messa in atto da parte dei due impiegati di banca;
– nel momento in cui UNOENERGY SPA per mezzo della sua referente dello sportello di Conegliano (Contea di Treviso) mi ha informato sul perché dello stacco, ho provveduto nel giro di circa un paio d’ore a effettuare il pagamento, inviando copia del bonifico alla referente dello sportello UNOENERGY SPA di Conegliano;
– nonostante la mia prontezza di intervento nell’effettuare il pagamento, il fornitore ha provveduto a far riattivare a pieno regime il contatore dopo circa 2 giorni, precludendomi così tutte le funzioni familiari giornaliere.

Oltre al danno la beffa.

In data 9 novembre 2023 il fornitore UNOENERGY SPA emette nei miei confronti la fattura numero 12444987 (con riferimento ai consumi di ottobre 2023).

La fattura sopra menzionata contempla i seguenti costi:
– spesa per la materia Energia / euro 50,66
– spesa per il trasporto e la gestione del contatore / euro 14,53
– spesa per oneri di sistema / euro 15,29
– altre partite / euro 158,85
– imposte ed iva / euro 49,37

A questo punto chiedo allo sportello UNOENERGY SPA di Conegliano, informazioni in merito alla voce altre partite e testualmente rispondono: “Le spese delle altre partite nella bolletta inviata dal Sig. Celot sono relative alla gestione della morosità”, nel dettaglio: euro 124,58 costi amministrativi e gestione pratica; euro 20,00 riattivazione dopo morosità; euro 12,59 spese per distacco/riallaccio per morosità. Totale euro 157,17 (ai quali aggiungono l’imposta italiana iva del 22%) oltre a interessi di mora euro 1,68.

Riepilogando:
– fattura insoluta causa sottrazione denaro dal mio conto corrente
– insoluto di euro 71 risalente a circa 60 giorni
– nessun preavviso ufficiale di stacco contatore da parte del fornitore UNOENERGY SPA

Considerazioni:
– a fronte di un ritardo di pagamento di circa 60 giorni per euro 71, mi viene chiesto di pagare un corrispettivo di euro 158,85 (oltre a imposta italiana iva del 22%) a titolo di altre partite, cifra con la quale riuscirei a pagare altre due fatture e avanzare soldi;
– tutto questo mi sembra più che sproporzionato per come si sono svolti i fatti.

Conclusioni:
visto e considerato che oramai i pesi e le misure NON sono uguali per tutti e che se subisci un torto devi stare zitto e pagare; mentre coloro che pretendendo di fare la voce grossa, anche violando il tuo inderogabile diritto, pensano che a loro tutto sia concesso in qualsiasi forma e misura, mettendoti di fronte a un fatto da loro compiuto, che preclude qualsiasi forma di confronto in cui possa intervenire una sana e umana logica, innescando di conseguenza umilianti situazioni di tacita sottomissione, la cui coatta accettazione ed esecuzione ti porta a essere privato senza alcuna giustificata contezza del tuo denaro, ho deciso di agire come segue:

– con la presente DENUNCIA sono a richiedere di essere indennizzato da tutte le persone coinvolte che hanno generato questa situazione;
– alla presente SPN seguirà un RDN in cui verrà rigettata la fattura, sopra citata, numero 12444987 emessa in data 9 novembre 2023 dal fornitore UNOENERGY SPA, in cui preciserò che la somma che provvederò a corrispondere sarà pari al totale della fattura di euro 289, dalla quale provvederò a detrarre l’importo “altre partite euro 158,85” e l’importo “iva e altre imposte euro 49,37”.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140123145434970) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.20 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140122134116607 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.20 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140122134116607 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:17 NOVEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN 0140111143116932 del giorno 9 novembre 2023, notificato tramite e-mail in data 10 novembre 2023 alle ore 17:05 all’indirizzo roberto.manco@intesasanpaolo.com , destinatario dello stesso MANCO ROBERTO direttore della filiale di Villorba (Contea di Treviso) dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA,

preciso che,

in data 17 novembre 2023 è stato effettuato un bonifico di euro 200 sul conto corrente a me intestato e aperto presso BANCA INTESASANPAOLO SPA, filiale di Villorba (Contea di Treviso), recante la seguente causale:
“quota capitale mutuo – riferimento RDN 0140111143116932 del 2023.11.09 pubblicato in GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP ( mlnv.org )”

Preciso inoltre che continuano le rappresaglie telefoniche come DENUNCIATO nella SPN 0140116141248217 del giorno 14 novembre 2023.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140122134116607) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.16 – MORI RICCARDO – SPN – 0140118201607576 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.16 – MORI RICCARDO – SPN – 0140118201607576 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: RICCARDO
Cognome: MORI
Codice Unico Personale: 2019521183501
in qualità di: PERSONA INFORMATA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL LUGLIO DEL 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:CREMONA – SEZIONE CIVILE DEL TRIBUNALE DI CREMONA
soggetti ritenuti responsabili:SCONOSCIUTI MA RICONOSCIBILI
Precisazione:CINZIA TOETTI – GIUDICE DEL TRIBUNALE DI CREMONA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
E’ stato rigettato dal giudice di cremona il Provvedimento d’urgenza per fermare la reiterazione della diffamazione nei confronti del comitato fortitudo e il presidente Grazia Piccinelli da parte di Cinzia Toetta . il 15 luglio in seguito alla conferenza col dottor Franco Giovannini per il ” progetto cure ” del Comitato Fortitudo per i danneggiati da vaccino ( siero sperimentale ) Covid 19, Cinzia Toetta ( ex vice presidente del Comitato ) voleva che la giornalista ringraziasse un dottore di Cremona e ciò non era sembrato il caso per il Presidente del Comitato Fortitudo Grazia Piccinelli poichè egli non faceva parte della serata e non era contestualizzata la sua presenza. A seguito di ciò Cinzia ha dato le sue dimissioni restituendo tutto il materiale del Comitato tranne il quaderno con appuntamenti di pazienti danneggiati da vaccino ( 400 appuntamenti) dello stesso Comitato ; Cinzia ha ammesso poi che il quaderno era del Comitato e che l’ aveva trattenuto perchè secondo lei il Presidente non voleva curare le persone; cosa falsa in quanto il “progetto cure” è un’ idea di Grazia Piccinelli. Cinzia Toetta aveva trattenuto il quaderno per interessi personali. Poi Cinzia assieme ad un avvocato ed un socio hanno provato a far destituire il presidente per prendere possesso del Comitato ( fondato da Grazia Piccinelli ) e lavorare col dottore di cremona. Grazia si è difesa con le unghie poichè rappresentava il suo lavoro. Cinzia assieme ad alcuni soci e ospiti hanno cominciato a diffamare la persona di Grazia tirando in ballo anche suo figlio strumentalizzando le parole, alcune scene (frame) di un cortometraggio dove c’era come protagonista Grazia, il dramma del figlio di Grazia che è un ragazzo ADHD con tratti del disturbo provocatorio in un periodo dove ha cercato due volte il suicidio, in un periodo di autolesionismo. Cinzia sta continuando ad usare le proprietà personali dei pazienti ancora del comitato in un altro studio medico. Il giudice ha rifiutato di vedere e tenere in considerazione la grande mole di prove del Comitato tantomeno considerare i testimoni del Comitato stesso. Essendo il Comitato una realtà importante nella penisola italica che, anche nei territori della Republica de Venethia, sta letteralmente salvando molte persone che hanno subito gravi effetti collaterali indotti dai farmaci sperimentali chiedo al Movimento di Liberazione Nasionale del popolo Veneto e al suo Governo Veneto Provisorio di sostenere questo Comitato che sta aiutando anche i Cittadini Veneti. Notiamo che lo Stato italiano sta continuando ad agire in falsità. WSM in fede Riccardo

ALTRESI’, NELLO SPECIFICO DELL’OBBLIGO VACCINALE SI SEGNALA/DENUNCIA
1) – si configura il reato di estorsione previsto dall’art.629 del Codice Penale italiano perchè il corpo di ogni essere umano è inviolabile e la salute personale non è sacrificabile a tutela della salute pubblica;
2) – Corte Costituzionale italiana, sentenza nr.308/1990: non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva, ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche difronte al generico interesse collettivo;
3) – Norimberga 1945: la somministrazione di farmaci contro la volontà del soggetto, è un crimine contro l’umanità.
4) – Oviedo 2000: un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso LIBERO e INFORMATO.
5) – Art.32 Costituzione italiana: nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge; la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
6) – Tribunale di Roma, Sezione 6 – Civile: nell’ordinanza nr.45986/2020 R.G. del 16.12.2020, dichiara illegittimi tutti i dcpm a partire dal 31 gennaio 2020, dichiara illegittimo tale stato di emergenza nel metodo e nel merito e dichiara dunque nullificabili tutti gli atti da essa scaturiti.

E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.

RICCARDO MORI

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140118201607576) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.15 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140117114043861 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.15 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140117114043861 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:14 NOVEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN 0140111143116932 del giorno 9 novembre 2023, notificato tramite e-mail in data 10 novembre 2023 alle ore 17:05 all’indirizzo roberto.manco@intesasanpaolo.com , destinatario dello stesso MANCO ROBERTO direttore della filiale di Villorba (Contea di Treviso) dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA,

preciso che,

ieri 14 novembre 2023 è stato effettuato un bonifico di euro 400 sul conto corrente a me intestato e aperto presso BANCA INTESASANPAOLO SPA, filiale di Villorba (Contea di Treviso), recante la seguente causale:

“quota capitale mutuo – riferimento RDN 0140111143116932 del 2023.11.09 pubblicato in GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP ( mlnv.org )”

Preciso inoltre che continuano le rappresaglie telefoniche come DENUNCIATO nella SPN 0140116141248217 di ieri 14 novembre 2023.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140117114043861) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.14 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140116144108542 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.14 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140116144108542 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI E’ STATO EROGATO IL MUTUO/FINANZIAMENTO
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN – 0140111143116932 del giorno 9 novembre 2023, inoltro la presente DENUNCIA come anticipato nello stesso RDN, già notificato a roberto.manco@intesasanpaolo.com , alla fine del quale riportavo:
“Al presente RDN seguirà una SPN, in cui esplicitamente chiederò alla Giustizia Veneta di fare chiarezza in merito.
Per quanto mi riguarda le somme fino a oggi corrisposte e che corrisponderò d’ora in avanti verranno da me computate quale pagamento della quota capitale.
Qualora l’operato dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA celi una qualsiasi forma di illegalità, chiedo fin d’ora in restituzione tutte le somme corrisposte oltre agli indennizzi previsti per gli eventuali torti subiti e subendi”.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140116144108542) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.14 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140116141248217 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.14 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0140116141248217 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE CHIAMTE DA PREFISSO 041 – CONTEA DI VENEZIA / DA PREFISSO 0422 – CONTEA DI TREVISO / ALTRI PREFISSI ITALIA – CELLULARI RICONDUCIBILI A DIPENDENTI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento alla SPN – 0131204173132293 del 2 ottobre 2023,

DENUNCIO quanto segue:

l’operazione di stalkeraggio messa in atto dall’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA, contro di me, persiste ancora e a tal proposito preciso che dal giorno 2 ottobre 2023 al giorno 26 ottobre 2023, compresi, ho ricevuto circa 450 chiamate.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140116141248217) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.11.14 – CAVALLIN SILVIA – SPN – 0140116132608465 – referente: ME STESSA

Oggetto: 2023.11.14 – CAVALLIN SILVIA – SPN – 0140116132608465 – referente: ME STESSA

DENUNCIANTE
Nome: SILVIA
Cognome: CAVALLIN
Codice Unico Personale: 20170913141701
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DA FINE GENNAIO 2021
luogo iniziale del fatto segnalato:ULSS2 TREVISO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:AZIENDA ULSS2 MARCA TREVIGIANA – BENAZZI FRANCESCO (DIRETTORE GENERALE) INSIEME A TUTTI I SUOI SUBORDINATI IMPLICATI E CITATI NEI VARI ATTI – GROSSI SAMANTA (PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO OPI) – DE COL ANNA (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE D’ALBO OPI)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento a i seguenti atti,
20210126 CAVALLIN SILVIA RDN 12113615250
20210201 CAVALLIN SILVIA RDN 12121116171
20210213 CAVALLIN SILVIA RDN 121223135853
20210222 CAVALLIN SILVIA RDN 121232162723
20210223 CAVALLIN SILVIA RDN 121233144740
20210226 CAVALLIN SILVIA RDN 12123610528
20210305 CAVALLIN SILVIA RDN 121315121117
20210323 CAVALLIN SILVIA RDN 121333172643
20210323 CAVALLIN SILVIA RDN 121333171837
20210331 CAVALLIN SILVIA RDN 121341174212
20210406 CAVALLIN SILVIA RDN 121416143218
20210428 CAVALLIN SILVIA RDN 121438154246
20210504 CAVALLIN SILVIA RDN 1215149616
20210922 CAVALLIN SILVIA RDN 12193216351
20211125 CAVALLIN SILVIA RDN 12213520925
20220216 CAVALLIN SILVIA RDN 131226154830
denuncio, riferisco e preciso quanto segue:
in data 28 settembre 2023, ho ricevuto via e-mail una comunicazione dalla mia banca la quale mi avvisava che mi era stata accreditata una certa somma in valuta euro proveniente da INPS ROMA.
Della somma accreditata non mi è stata fornita alcuna contezza in merito.
Ciò che mi spetta si riferisce a quanto segue:
– stipendi non pagati dalla data di sospensione al lavoro e fino al mio ingiusto e coatto licenziamento;
– spettanze per tutti gli anni di servizio prestato (es. TFR)
– somme a titolo di indennizzo per tutti i danni subiti e subendi che tutte le parti coinvolte in concorso tra loro mi hanno causato.
Personalmente quanto subito non corrisponde a quanto elargito.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
SILVIA CAVALLIN

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140116132608465) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

 

2023.11.12 – MORI RICCARDO – SPN – 0140114103622934 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.11.12 – MORI RICCARDO – SPN – 0140114103622934 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: RICCARDO
Cognome: MORI
Codice Unico Personale: 2019521183501
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:11/11/2023 E GLI ANNI PRECEDENTI
luogo iniziale del fatto segnalato:SUI TERRITORI DELLA REPUBBLICA DI VENEZIA
soggetti ritenuti responsabili:AUTORITA ITALIANE O PRESUNTE TALI
Precisazione:” ORDINE DEI FISIOTERAPISTI” : ALESSANDRO BEUX, TERESA CALANDRA, LAURA MELOTTI,GHILENE MOTTERLE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Buongiorno al Presidente Sergio Bortotto , al MLNV-GVP, alla Segreteria del GVP, Vi segnalo che da anni continuo a ricevere email e telefonate di sollecitazione di pagamento del “pizzo” per esercitare la mia professione da parte di un presunto ordine dei fisioterapisti ; vi sono “minacce verbali” tramite stalking telefonici con minacce di avviso di segnalazione alla ditta “ agenzia delle entrate dello Stato occupante, illegale e illegittimo Italia “. Premetto che mi sono laureato all’ università di Padova nel 2006 e lavoro dal dicembre 2006. L’entrata del presunto ordine è nata dopo anni che già esercitavo la mia professione attraverso una associazione che si chiama AIFI che si è cambiata in vari nomi nel tempo ( FNO TSRM e PSTRP.). Inoltre avendo speso molti soldi, frutto del mio lavoro, in corsi per avere i crediti ECM ( educazione continua in medicina ) organizzati dalle stesse associazioni sopracitate, non comprendo questo accanimento e pretesa verso un cittadino Veneto Autodeterminato che ha la propria attività economica individuale registrata presso l’anagrafe delle ATIVITA’ ECONOMICHE VENETE presso il MLNV-GVP.

Chiedo cortesemente al mio MLNV-GVP di provvedere a fermare questo atteggiamento mafioso e di stalkeraggio telefonico e scritto da parte di queste enti facenti parte e per conto dello Stato italiano.

Vi segnalo inoltre che la Federazione nazionale Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione obbligava i professionisti sanitari a vaccinarsi con un farmaco sperimentale mortale.

Sede legale di FNO TSRM e PSTRP:
c/o Area 8, Strada della Serenissima, 5 31057 Silea (TV);
Via Magna Grecia, 30/A – 00183 Roma
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
RICCARDO MORI

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140114103622934) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.30 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0140101121233025 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.30 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0140101121233025 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: DIEGO
Cognome: MEROTTO
Codice Unico Personale: 0130906213659217
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:30/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:FARRA DI SOLIGO COL SAN MARTINO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:TRIBUNALE DI TREVISO ASTE 33

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Pignoramento immobile
Nonostante l’istanza di conversione depositata .dei soggetti entravano in una proprietà privata senza che ci fosse il proprietario.Parlando con persone estrane al provvedimento in Corso
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
DIEGO MEROTTO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0140101121233025) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.27 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131229142301516 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.27 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131229142301516 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:16 OTTOBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO), VIA GALANTI 10 / PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CIAMBOTTI BARBARA (COMANDANTE POLIZIA LOCALE DEL COMUNE STRANIERO ITALIANO DI VILLORBA)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN – 0131226163821023 del 24 ottobre 2023, notificato a CIAMOBOTTI BARBARA in data 27 ottobre 2023 alle ore 14:24, al seguente indirizzo e-mail,

polizialocale@comune.villorba.tv.it

DENUNCIO quanto segue:

nonostante sia il comune straniero italiano di Villorba, amministrato dal suo legale rappresentante SOLIGO FRANCESCO (brevemente chiamato sindaco), sia la sua polizia locale cappeggiata da CIAMBOTTI BARBARA, conoscano bene il diritto jus cogens all’autodeterminazione che sto rivendicando, continuano a importunarmi e a vessarmi con i loro avvisi e/o richieste di contatto volti alla notifica di atti stranieri italiani che per nulla e per nessuna ragione mi riguardano.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131229142301516) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.27 – PIVATO GIANCARLO – SPN – 0131229013819453 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.27 – PIVATO GIANCARLO – SPN – 0131229013819453 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: GIANCARLO
Cognome: PIVATO
Codice Unico Personale: 111837221014
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:04/10/2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PAESE (TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:IGNOTI
Precisazione:NOTIFICATI SU LETTERA CONSEGNATA A MANO VITTORIA CURRAO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
DENTRO ALLA CASSETTA DELLA POSTA, HO RINVENUTO UNA LETTERA INTESTATA ” ABACO” RECANTE UN TENTATIVO DI PIGNORAMENTO MOBILIARE PER PORTA CHIUSA.
04/10/2023 ORE 12:00 LA SOTTOSCRITTA UFFICIALE DI RISCOSSIONE VITTORIA CURRAO HA TENTATO SU ISTANZA DI ABACO SPA UN PIGNORAMENTO DEI BENI MOBILI.
CON LETTERA VESSATORIA MI COMUNICA CHE RITENTERA’ UN NUOVO ACCESSO A PARTIRE DAL MESE SUCCESSIVO E CHE IN MANCANZA DI POSSIBILE ACCESSO NELLA CASA, PROVVEDERA’ A RICHIHEDERE UN INTERVENTO DI UN FABBRO E SE NECESSARIO L’ASSISTENZA DELLA FORZA PIBBLICA.
CON COMUNICAZIONE TELEFONICA CON LA SIGORA VITTORIA, HO CONTESTATO SUBITO IL DIFETTO ASSOLUTO DI GIURISDIZIONE PER MATERIA E PER TERRITORIO.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
GIANCARLO PIVATO

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131229013819453) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.27 – PENZO LUISA – SPN – 0131229093458700 – referente: ME MEDESIMA

Oggetto: 2023.10.27 – PENZO LUISA – SPN – 0131229093458700 – referente: ME MEDESIMA

DENUNCIANTE
Nome: LUISA
Cognome: PENZO
Codice Unico Personale: 28072015101001
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:25.10.2023
luogo iniziale del fatto segnalato:BELLUNESE
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CONSULENTE FINANZIARIO ZURICH BANK

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Spett.le Polizia Nasionale buongiorno.
Premetto che questa mia Segnalazione ha lo scopo di informare il mio Governo (GVP) su quello che sta accadendo anche a Cittadini del Popolo Veneto.
Tale SPN, una volta pubblicata in Gaxeta Uficiale, verrà da me inviata per email al consulente finanziario zurich bank che conosce da sempre le mie idee anche sulla digitalizzazione e le mie scelte. Lo inviterò cortesemente a rispondere il più presto possibile, attraverso email, ai miei dubbi palesati non solo verbalmente ma anche attraverso questa SPN al fine di risolvere la situazione nel modo più favorevole a me. Gli chiederò inoltre di fissarmi il prima possibile un incontro affinché io possa decidere come procedere a mio favore.

Il 25.10.2023 vengo a conoscenza del fatto che 300.000 clienti della banca italiana intesa sanpaolo sono stati trasferiti ad isybank ,nuova banca online(digitale) del gruppo intesa, senza chiedere un esplicito consenso e togliendo quindi il diritto di gestire come meglio si crede il proprio denaro in quanto non esistono filiali dove prelevare, depositare, incontrare direttamente il cassiere (cosa molto importante qualora ci sia qualcosa che non va), ecc.. La banca digitale infatti funziona solo con l’applicazione.
Questa notizia ha risvegliato in me molte domande.
Sono stata per molti anni, e lo sono tuttora, cliente della deutsche bank e mi sono sempre rivolta allo stesso promotore finanziario, conosciuto attraverso i miei genitori.
Inoltre quando ne avevo necessità mi recavo ai vari sportelli fisici nel territorio.
Ad ottobre del 2022 però il gruppo assicurativo zurich ha acquisito una parte della consulenza finanziaria di deutsche bank e in automatico mi sono ritrovata cliente della zurich bank. Mi è stato detto dal promotore di scaricare più applicazioni per poter accedere ai diversi servizi…però…niente sportelli fisici zurich bank. La cosa mi ha lasciato perplessa, ma ho continuato a riporre la mia fiducia sulla stessa persona.
Fino al 25 ottobre 2023 non mi ero quindi posta tante domande, ma ora, visto quello che è successo ai clienti di intesa sanpaolo…le domande affiorano…noto infatti delle similitudini tra il passaggio intesa sanpaolo / isybank e deutsche bank / zurick bank
Fin dall’inizio ho espresso in modo chiaro a tutti, compreso il consulente, la mia totale contrarietà alla digitalizzazione anche monetaria (per ora la moneta è virtuale e cartacea) in quanto strumento favorevole al cittadino solo in apparenza, ma in realtà capace di portare a totale controllo e sottomissione da parte anche delle istituzioni italiane e suoi enti, già ampiamente dimostrati illegali nei Territori della Repubblica di Venezia, mai diventata italiana.
Questa mia Segnalazione ha lo scopo di chiarire, non più solo verbalmente, la mia posizione a tutti (compresa zurick bank) e cioè:
“Io non voglio entrare a far parte del nuovo piano di digitalizzazione monetaria perché palesemente strumento futuro di schiavitù. Voglio invece essere libera di gestire il mio denaro a modo mio. Voglio essere io a decidere se usare l’applicazione o accedere a sportelli fisici bancari per guardare in faccia il cassiere e per agire secondo le mie esigenze!”
Forse molti non sanno che sta accadendo inoltre una cosa gravissima che la totale digitalizzazione, compresa quella monetaria, favorirà al 100%:
legge italiana di bilancio 2024 (illegale nei Territori della Venezia come del resto tutte le leggi italiane imposte dalle forze di occupazione straniere): l’agenzia delle entrate (in realtà ente privato italiano, illegale a tutti gli effetti) dopo essere entrata liberamente e senza preavviso nei conti correnti dei cittadini, entro trenta giorni dalla notifica ” ruberà” la somma secondo lei dovuta.
Quello che ancora non viene detto è che quando tutto sarà digitalizzato il suddetto ente illegale italiano “carpirà” il denaro dei cittadini direttamente senza notificare alcunchè…in realtà è già accaduto.
GLI SCOPI REALI DELLA TOTALE DIGITALIZZAZIONE SONO LA TOTALE SOTTOMISSIONE E IL TOTALE CONTROLLO DEI CITTADINI.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
LUISA PENZO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131229093458700) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131227171713269 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131227171713269 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL 6 GIUGNO 2023 E TUTT’ORA IN CORSO
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO – SEDE CENTRALE BOLZANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CIANCIARUSO GIOVANNI – ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTI SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO DELLA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento ai seguenti atti pubblicarti in GAXETA UFICIALE:
– SPN 0131109122532573 del 7 settembre 2023,
– SPN 0131120113047465 del 18 settembre 2023,

preciso che ho subito di nuovo dei disguidi con un fornitore che mi ha bloccato temporaneamente l’anagrafica e quindi l’operatività perché non sono ancora riuscito a ottemperare il pagamento di una fattura di euro 622,20.

È inaccettabile che sia io a dovere patire le conseguenze dovute alla sottrazione, del mio denaro, dal mio conto corrente, messa in atto da CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, dipendenti dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, filiale di Conegliano (Contea di Treviso).

Mi trovo costretto a subire situazioni denigratorie che si materializzano nei confronti della mai persona.

Infatti, nonostante il fornitore in questione fosse stato debitamente informato anche in passato, mediante notifica della SPN – 0131120173840785, nuovamente notificata nella giornata di ieri 24 ottobre 2023 e nella giornata odierna 25 ottobre 2023, mediante la quale avvisavo delle mie difficoltà, ha di nuovo proceduto con la sospensione della mia anagrafica aziendale.

Ho dovuto sollecitarlo a più riprese per riuscire a ottenere la cortesia affinché fosse riattivata la completa operatività, ma allo stesso tempo mi ha comunicato la data, che lo stesso fornitore ha fissato per il girono 8 novembre 2023, quale termine ultimo che mi concede per ottemperare al pagamento.

Queste sono le umilianti e vessatorie condizioni che CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA mi costringono a subire come conseguenza del loro operato.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131227171713269) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.25 – DA ROS MARIALUISA – SPN – 0131227222149061 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.25 – DA ROS MARIALUISA – SPN – 0131227222149061 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: MARIALUISA
Cognome: DA ROS
Codice Unico Personale: 20195298430
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:2023/10/25
luogo iniziale del fatto segnalato:ALL’ESTERNO DEL CANCELLO DI ENTRATA DELLA MIA ABITAZIONE IN VIA CROVERA 6 CAPPELLA MAGGIORE 31012 TREVISO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:POSTINO PER CONSEGNA RACCOMANDATE E LA SIGNORA DELLE PULIZIE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In data 2023/10/25 alle ore 11 si presenta il postino e suona il campanello di casa , io ero in studio e scende la signora chiedendo cosa volesse. Lui risponde che deve consegnare una busta a nome di Marialuisa Da Ros, lei gli comunica che non avrebbe ritirato nulla non essendo l’intestataria e se ne va ,nel mentre lei sta salendo le scale egli la chiama dicendole che poteva ritirarla che era una semplice lettera .La signora in buona fede ritorna indietro e si fa consegnare la busta ma egli le chiede di firmare non a nome suo ma con il nome dell’intestatario. A quel punto lei si rifiuta . Lui insiste e le fa firmare con il mio nome MarialuisaDa Ros.In Fede
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
MARIALUISA DA ROS

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131227222149061) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131226161632551 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.24 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131226161632551 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:24 OTTOBRE 2023 ORE 09:30/09:40 CIRCA
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO DELLA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento alla SPN – 0131220175437351 del 18 ottobre 2023, preciso quanto segue:
oggi 24 ottobre 2023 alle ore 09:30/09:40 circa, mi sono recato presso la filiale di Conegliano (Contea di Treviso) dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA.

Come promesso nella SPN sopra riportata e notificata via e-mail in data 20 ottobre 2023 a:

Andrea.Romanello@sparkasse.it
fil.142@sparkasse.it

ho provveduto a depositare in contanti euro 520,00 a copertura del saldo negativo di euro 515,65 che, ribadisco, si è generato quale diretta conseguenza dell’operato messo in atto ai miei danni da CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA.

Terminata l’operazione ROMANELLO ANDREA ha voluto scambiare due parole in merito alle e-mail che riceve da parte mia.

A tal proposito, io gli ho detto che è tutto molto chiaro per mezzo di quelle stesse mail che riguardano atti pubblicati in GAXETA UFICIALE e che li vedono destinatari; mentre lui voleva convincermi che io stavo sbagliando “riferimento” in merito alle accuse da me formulate nei suoi confronti e nei confronti di CIANCIARUSO GIOVANNI.

Io ho ribadito che non stavo sbagliando in quanto l’U.C.C. è chiaro a tutti e ognuno risponderà del proprio operato.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131226161632551) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.23 – GOTTARDI DIEGO – RDN – 0131225230600274 – Referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.23 – GOTTARDI DIEGO – RDN – 0131225230600274 – Referente: ME STESSO

at
AGENZIA DELLE ENTRATE, AGENZIA DELLE ENTRATE-RISCOSSIONE, VIA NICOLO’ GIOLFINO, 13, 37133 VERONA (VR) –


ATTO RIGETTATO
tipo atto: AVVISO DI INTIMAZIONE
emesso il: 29/08/2023
avente nr./codice: 12220239007565178000
emesso da: AGENZIA DELLE ENTRATE
atto a firma di: ARRIGONI LEONARDO
notificato il: 18/10/2023
atto notificato da:

Il/La sottoscritto/a DIEGO GOTTARDI, nato/a il 31/03/1981, di Nazionalità e Cittadinanza dei Popoli della Serenisima Republica de Venethia, autodeterminatesi presso il suo Dipartimento Anagrafe, (Istituzione del Governo Veneto Provisorio costituito dal Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto (MLNV) ai sensi e per gli effetti dell’art.96.3 del Primo Protocollo addizionale (1977) alle convenzioni di Ginevra del 1949), codice unico personale 0000102221103418
PREMESSO
che l’antica Repubblica Veneta, anche detta “Serenissima”, fondata nell’anno 697, non ha mai cessato di esistere e “de jure” è tutt’ora esistente su tutti i propri Territori.
Che ogni Movimento di Liberazione Nazionale è l’organo deputato dal diritto internazionale a rivendicare il diritto all’autodeterminazione di un Popolo soggetto all’occupazione di uno stato straniero, ovvero da un regime razzista e/o colonialista.
Che questo MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO (MLNV), fondato il 29 settembre 2009, ha rivendicato il diritto di autodeterminazione del Popolo Veneto con “denuncia di occupazione, dominazione e colonizzazione della Nazione Veneta da parte dello stato straniero italiano – Rivendicazione di sovranità del Popolo Veneto”, depositate presso la sede O.N.U. di Ginevra in data 28 settembre 2010 e presso la sede O.N.U. di New York il 27 novembre 2011.
Che nessuna opposizione è mai stata avanzata contro la rivendicazione di sovranità di questo Popolo Veneto denunciata dal MLNV, né dallo stato occupante italiano né dall’ONU né da qualsiasi altro stato terzo.
Che questo MLNV, così come disposto dal diritto internazionale, dovendo dotarsi di un apparato istituzionale ai sensi e per gli effetti dell’art.96.3 del Primo Protocollo aggiuntivo (1977) alla Convenzione di Ginevra del 1949, in data 4 febbraio 2012 ha così istituito il GOVERNO VENETO PROVISORIO (GVP).
CONSTATATO/A
01)-che in fatto e in diritto lo stato italiano sui Territori della Repubblica di Venezia rimane ad oggi uno stato straniero occupante, a nulla rilevando sotto il profilo della legittimazione dell’esercizio della sua sovranità sui Territori della Serenissima Patria gli anni di illecita e illegittima occupazione razzista e colonialista;
02)-la reiterata illegale occupazione “ab origine” dei Territori della Sovrana Repubblica di Venezia, per la frode posta in essere contro il Popolo Veneto e con la quale ha annesso “manu militari” i Territori della stessa;
03)-la reiterata e dolosa inosservanza e trasgressione del principio di autodeterminazione che rende nulli i trattati che, occupandosi di trasferimento di territori, non includono una disposizione che preveda una previa consultazione della popolazione interessata – (il “plebiscito” del 1866 è ben noto per essere stato una truffa nei confronti del Popolo Veneto perché la consultazione è avvenuta in stato di occupazione militare, con inganno e l’estorsione di una scelta non libera e già stabilita, anche nei falsi risultati, prima ancora del suo avverarsi).
04)-Uno Stato si estingue a livello internazionale solo quando si ha un mutamento rilevante di tutti e tre i suoi elementi costitutivi (territorio, popolazione e apparato di governo).
05)-Ad oggi è sempre più disperato il tentativo, posto in essere dallo stato straniero occupante italiano, nel disconoscere l’esistenza del Popolo Veneto.
06)-Questi avrebbe sentenziato, tramite il suo massimo Organo di Giustizia che “il Popolo Veneto avrebbe cessato di esistere in virtù del Plebiscito del 1866, scegliendo di diventare popolo italiano”.
07)-Pur essendo ben a conoscenza del falso storico di questo avvenimento, che di fatto è stato una frode commessa dal regno italiano, anche ammessa dallo stesso Conte Thaon di Revel, plenipotenziario del re d’italia di allora e responsabile dell’operazione, che ammise in un suo successivo memoriale il raggiro commesso, la Corte Costituzionale italiana e le più alte cariche istituzionali dello stato occupante dolosamente e in correità ignorano i fatti nel perpetuare una frode nei confronti del Popolo Veneto;
08)-che il Popolo Veneto è sottoposto al regime militare straniero nonostante facesse parte di uno Stato indipendente e comunque in possesso di uno status distinto da quello italiano;
09)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani con la conseguente condizione di messa in schiavitù di Esseri Umani in specie di Nazionalità Veneta;
10)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione del diritto all’ autodeterminazione con valore “jus congens”, di cui è detentore il Popolo Veneto;
11)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione della disposizione per cui lo stato occupante italiano non può disporre dell’utilizzo del territorio della Repubblica di Venezia e delle sue risorse naturali;
12)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione della disposizione che vieta allo stato occupante di stipulare accordi internazionali, relativi al territorio su cui è stanziato il Popolo Veneto, in particolare con la cessione di porzioni di esso a soggetti e sovranità straniera, (es. Eurogendfor….);
13)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione della disposizione per cui gli stati che opprimono popoli soggetti a dominio coloniale, a occupazione militare straniera o a governo razzista, sono obbligati a consentire l’esercizio del diritto all’autodeterminazione, in particolare a non impedire l’esercizio di questo diritto con mezzi coercitivi;
14)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione della divieto di cui all’art.2, par.4 della Carta delle Nazioni Unite, che proibisce agli Stati di ricorrere alla minaccia o all’uso della forza contro i Popoli che invocano il diritto all’Autodeterminazione;
15)-la reiterata dolosa inosservanza e trasgressione delle disposizioni per cui i Movimenti di Liberazione Nazionale sono destinatari delle norme sulla protezione e immunità degli individui che agiscono in nome e per conto loro;
16)-che lo stesso stato straniero occupante razzista e colonialista italiano ha sancito l’illecita e illegale permanenza della sua occupazione sui Territori della Repubblica di Venezia con il decreto legislativo 13.12.2010, n. 212, in vigore dal 16 dicembre 2010, che ha espressamente abrogato a tutti gli effetti il regio decreto italiano 04.11.1866, n. 3300, “col quale le provincie della Venezia e di Mantova fanno parte integrante del regno d’italia;
17)-che dal 1934 l’allora Regno d’Italia è divenuto una CORPORATION con denominazione “REPUBLIC OF ITALY” CIK#: 0000052782” perché registrata presso la Securities Exchange Commission (S.E.C.) – (www.sec.gov), quale corporation di tipo governativo, ovvero una azienda privata spogliata di qualsiasi sovranità.
18)-che grazie alla registrazione alla S.E.C., l’attuale stato italiano è soggetto alle leggi e le regole internazionali dell’Uniform Commercial Code (U.C.C.), agendo anche per il tramite del proprio copyright, dimostrando che non agisce come stato di diritto (stato italia e/o Repubblica Italiana), ma in qualità di “Company” e/o “Corporation”, vale a dire “società Privata” iscritta alla S.E.C. .
19)-che la successiva formale denuncia, denominata DECLARATION ON FACTS e relativa chiusura e pignoramento della Repubblica Italiana, con riferimento e per causa UCC DOC. #2012127914 e UCC DOC. #2013032035, mai confutata dall’attuale stato italiano entro il termine previsto, è diventata ora Legge Internazionale con piena validità giuridica in tutto il pianeta.
20)-che il documento nr. WA DC UCC Doc# 2012113593 depositato in U.C.C., è diventato legge internazionale e dispone a tutti gli effetti quanto segue:
“Se il Rispondente dovesse scegliere di agire in nome e per conto di una entità pignorata, causando al Proponente (in questo caso il rigettante) qualsiasi danno come qui stabilito, il Rispondente, nella sua individuale e illimitata capacità, viene ad esserne assolutamente responsabile.
Simili azioni possono dare luogo ad azioni legali portate avanti contro il Rispondente, ai sensi dell’ordine pubblico UCC1-305, incluso ma non limitatamente all’UCC COMMERCIAL BILL (vincolo/ipoteca) sul patrimonio del Rispondente”.
Pertanto, qualora qualsiasi individuo perseveri nel perseguire eventuali azioni per conto di una Banca pignorata o di “Governo pignorato”, causando ad un altro e qualsiasi individuo ogni danno ipotizzabile come qui rigettato, egli è a titolo personale e senza alcuna pregiudiziale assolutamente responsabile dei suoi atti”.
E CHE IN CONSEGUENZA DI TUTTO CIO’
Tutti gli organi e qualsiasi “autorità”, enti e società private o pubbliche, facenti parte o che agiscono in nome e per conto dello stato straniero occupante italiano agiscono in difetto assoluto di giurisdizione nei Territori della Repubblica di Venezia.
Tutti gli atti e/o i provvedimenti di qualsiasi natura, posti in essere da una qualsiasi autorità straniera italiana nei Territori occupati della Repubblica di Venezia sono privi di qualsiasi effetto giuridico perché posti in essere in difetto assoluto di giurisdizione ed altresì in difetto assoluto di competenza, ovvero in regime di incompetenza assoluta per materia e per territorio, con la derivante conseguenza che ogni e qualsiasi atto e/o provvedimento, comunque denominato, in ogni sua fase e/o grado del procedimento, posto in essere da una qualsiasi autorità e/o ente e/o società privata e/o pubblica straniera italiana di occupazione, sui Territori della Repubblica Veneta sono a tutti gli effetti INESISTENTI, ovvero tamquam non esset.
Tutti gli effetti di atti giuridici, sia pubblici che privati, recettizi e non, normativi e precettivi, discrezionali, dovuti e necessari, compresi quelli di provvedimenti amministrativi e giurisdizionali, siano essi unilaterali, bilaterali, plurilaterali e collegiali, e anche degli stessi negozi giuridici di diritto privato che si estrinsechino quali manifestazione di pensiero attraverso la parola, orale o scritta o altri segni, operazioni o atti materiali o atti reali, ossia comportamenti umani diversi dalle dichiarazioni che riguardino atti negoziali espressione di dichiarazioni di volontà o di conoscenza, di giudizio, di desiderio o d’autorità e d’imperio non possono produrre asservimento e sottomissione in schiavitù in qualsivoglia maniera e forma di qualsiasi Persona umana.
FORMALIZZO COSI’ IL PRESENTE RIGETTO CHIEDENDO
at AGENZIA DELLE ENTRATE:
tutta la documentazione relativa all’atto di cui al rigetto.
Al proprio GOVERNO VENETO PROVVISORIO:
di assicurarsi che lo stato italiano non ignori e consenta il reiterarsi delle violazioni poste in essere come per l’atto di cui al rigetto.
Si chiede inoltre la pubblicazione del presente atto a mezzo ALBO UFFICIALE del Governo Veneto Provvisorio con valore di notificazione e l’iscrizione a ruolo giudiziario dei responsabili dell’emissione dell’atto e della successiva notifica o del suo tentativo, al fine di assicurare l’ulteriore a praticarsi in seno alla Giustizia Veneta.
Che sia riconosciuta l’inconfutabilità dell’illegale azione posta in essere da AGENZIA DELLE ENTRATE per le ragioni in premessa.
NEGO IL CONSENSO
al presente procedimento senza pregiudizio UCC 1-308;
NEGO L’AUTORIZZAZIONE
al trattamento dei proprio dati personali UCC 1-103.
SONO INOLTRE A PRECISARE QUANTO SEGUE:
2015! Il mio primo bollo non pagato o per correttezza dovrei ricordarla come la mia prima estorsione non pagata allo stato occupante italiano.

23.10.2023
In fede:
DIEGO GOTTARDI

Oggetto: CERTIFICATO DI REGISTRO NR.0131225230600274
Si attesta che in data 2023.10.23, DIEGO GOTTARDI, nato/a il 31/03/1981, avendo formalizzato la propria registrazione di autocertificazione di Autodeterminazione, di Sovranità Personale, di Nazionalità e Cittadinanza dei Popoli della Serenisima Republica de Venethia presso il suo Dipartimento Anagrafe, (Istituzione del Governo Veneto Provisorio costituito dal Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto (MLNV) ai sensi e per gli effetti dell’art.96.3 del Primo Protocollo addizionale (1977) alle convenzioni di Ginevra del 1949), codice unico personale 0000102221103418, ha formalizzato la registrazione del rigetto di notifica presso questo Governo Veneto Provisorio-
La persona interessata ha chiesto la pubblicazione del presente atto a mezzo ALBO UFFICIALE del Governo Veneto Provvisorio con valore di notificazione e l’iscrizione a ruolo giudiziario dei responsabili dell’emissione dell’atto e della successiva notifica o del suo tentativo.
A tale rigetto di notifica il sistema informatico ha attribuito automaticamente il seguente codice unico: 0131225230600274

PRECISAZIONE A PUBBLICA MENZIONE:
il rigetto è l’atto formale attraverso il quale ogni Cittadino del Popolo Veneto si oppone e contrasta l’illegalità dell’azione posta in essere dalle forze e autorità di occupazione straniere italiane che agiscono in difetto assoluto di giurisdizione e lo fa informando delle loro responsabilità i destinatari secondo le norme vigenti, anche riferite a quelle dell’U.C.C. .
I rigetti di notifica non sono dei ricorsi posti in essere in ambito italiano ma sono atti espressioni di volontà attraverso i quali il Cittadino del Popolo Veneto, che liberamente e coscientemente si è autodeterminato e ha dichiarato la propria Nazionalità e Cittadinanza Veneta, si oppone alle illegali pretese italiane di obbligarlo al pagamento di imposte ed essere soggetto a controlli e provvedimenti da parte delle istituzioni di occupazione.
Questo Governo Veneto Provisorio (GVP) viene invece attivato sul fronte dell’iscrizione a ruolo giudiziario (IRG) dei responsabili che hanno emesso l’atto e/o il provvedimento oggetto di rigetto.
Tale procedura è deputata a sviluppare e potenziare il principio di effettività che prevede la concreta esecuzione di quanto stabilito dal diritto sostanziale, cioè dalle norme del nostro Ordinamento Giuridico Veneto Provvisorio, (l’obbiettivo è il disconoscimento della personalità dello stato straniero occupante italiano rispetto alla sua illegale sovranità sui nostri territori – la personalità dello Stato è infatti determinata e dimensionata dal criterio dell’effettività; nonché ai fini di determinare a chi spetti la sovranità di un territorio occupato, in base all’ effettivo esercizio del potere di governo).

N.B.: I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti.
In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.


(anche in riferimento at Vostra Legge italiana ex art.21nonies l. 7.8.1990 n. 241 si chiede il Vostro riesame in Autotutela per l’annullamento ex officio del summenzionato Vostro provvedimento contestato nell’an e nel quantum, in fatto e in diritto)

in forza alla norma contenuta all’art.1393 «giustificazione del potere del rappresentante» c.c. italiano, chiedo l’invio di copia autentica ex art.7/6° co. d.p.r. 12.4.2006 n.184 e di data certa del mandato che «diTe» conferitoVi dalla P.A. sedicente «creditrice», pena la denuncia per falsus procurator.
Chiedo inoltre le generalità complete di chi agisce e di coloro per le quali agiTe, nonché gli estremi completi relativi a importi non pagati di cui reclamaTe l’inventato credito.
Rinnovo «ex persona» la Vostra costituzione in mora debendi (già «ex re») ex art.1219 c.c. italiano.


WSM
Venetia lì 23.10.2023
La Segreteria di Stato

2023.10.18 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0131220182204429 – referente: MEROTTO DIEGO

Oggetto: 2023.10.18 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0131220182204429 – referente: MEROTTO DIEGO

DENUNCIANTE
Nome: DIEGO
Cognome: MEROTTO
Codice Unico Personale: 0130906213659217
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:18/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:FARRA DI SOLIGO COL SAN MARTINO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ASTE33

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Mi è stato recapitato telefonicamente un ispezione per effettuare stima sul valore di un portico in base ad un pignoramento che io chi sia o non ci sia applicheranno sigilli e cambio serratura
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
DIEGO MEROTTO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131220182204429) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220175437351 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220175437351 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:16 OTTOBRE 2023 ORE 15:50
luogo iniziale del fatto segnalato:E-MAIL RICEVUTA DA: ANDREA.ROMANELLO@SPARKASSE.IT
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ROMANELLO ANDREA DIPENDENTE SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA IN SERVIZIONE NELLA FILIALE DI CONEGLIANO (CONTEA DI TREVISO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Venerdì 13 ottobre 2023 alle ore 18:16 ho notificato, via e-mail, l’Avviso a Pubblica Menzione (APM – AFFIDAVIT NR. 0131214174737461) ai seguenti indirizzi dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA:
Beschwerde_Reclami@sparkasse.it
giovanni.cianciaruso@sparkasse.it
Andrea.Romanello@sparkasse.it

Lunedì 16 ottobre 2023 alle ore 15:50 ricevo, via e-mail, da ROMANELLO ANDREA ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ) una comunicazione che testualmente riporto:

“la presente per informarla che a seguito dell’addebito relativo alla Carta di credito il suo conto corrente presenta un saldo negativo di euro 515,65.
La invitiamo ad eseguire un bonifico a copertura”.

A tal proposito comunico al ROMANELLO, tramite la notifica della presente denuncia, che è mia premura dimostrarmi corretto e provvederò senza dubbio a coprire tale addebito.

Rimane ancora pendente la situazione generata dalla sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente a opera di CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, i cui danni li ho subiti e li sto ancora subendo.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131220175437351) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220161552636 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220161552636 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:4 OTTBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:UNOENERGY SPA – FORNITORE DI LUCE E GAS

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Inoltro la presente per DENUNCIARE quanto segue:
nella giornata di martedì 4 ottobre 2023, verso le ore 07:00 del mattino, iniziamo a usare gli elettrodomestici di casa per le faccende quotidiane, ma viene a mancare la corrente; raggiungo la sala contatori e noto che sul display del contatore del mio appartamento compare la scritta “FATTORE K = 15% – RIDURRE CARICO”.
Faccio una ricerca per mezzo dello strumento di internet, inserendo tale dicitura e la risposta è immediata: contatore depotenziato, per morosità, al 15% rispetto ai kilowatt previsti nel contratto di fornitura dell’operatore UNOENERGY SPA.
Chiamo al cellulare la referente UNOENRGY dello sportello di Conegliano, CRESTANI LAURA, la quale mi dice che risultano esserci due fatture insolute, relative a due utenze differenti, che prontamente la stessa provvede a inviarmi via e-mail.
La fattura insoluta relativa al contatore di casa è stata emessa da UNOENERGY SPA in data 10 luglio 2023, aveva scadenza 31 luglio 2023, per un totale di euro 71,00.
Ho provveduto immediatamente a effettuare il pagamento di tale fattura e alle ore 13:15 circa del giorno 4 ottobre 2023 è stata inviata dalla banca via e-mail, alla referente dello sportello UNOENERGY di Conegliano, la distinta di bonifico.
————————————
Da questo momento parte uno scambio di SMS tra me e CRESTANI LAURA che testualmente riporto di seguito:

mercoledì 4 ottobre 2023 ore 11:27
SMS ricevuto da Crestani Laura (fornitore UNOENERGY)

“Ciao Benetto, riesci a girarmi anche la contabile della fattura da 29?”

in risposta
due SMS consecutivi inviati da me

“Per 71 euro bloccare le persone senza avviso è vergognoso … se entro 30 minuti il contatore non torna a regime partono le denunce (sia chiaro in ambito VENETO e non italiano) e coinvolgo tutti le parti in causa indipendentemente dal ruolo che hanno”

“È passata più di un’ora da quando ho effettuato il pagamento. Abbiamo necessità di usufruire di elettrodomestici e acqua calda per la doccia, cose che ci vengono fino a questo momento preclusi”.

mercoledì 4 ottobre 2023 ore 15:58
SMS inviato da me

“la mail con la conferma di pagamento ti è stata inviata alle ore 13:15 circa … sono passate circa 3 ore e il contatore è ancora depotenziato … si sono precluse tutte le attività familiari e si sta facendo sera”

risposta consecutiva
SMS ricevuto da Crestani Laura

“Buonasera Benedetto, la tua mail è stata inoltrata tempestivamente alla contabilità. Stiamo aspettando che lavorino la richiesta, in ogni caso per ripristinare il contatore sono necessarie per legge almeno 48 h lavorative. Se dovessi avere bisogno nelle prossime ore ti consiglio di chiamare direttamente il numero verde: 800089952 . Io non rientro in ufficio fino a domani pomeriggio e non riesco ad esserti d’aiuto”.

risposta consecutiva
SMS inviato da me

“non mi interessa nulla dell’illegale legge italiana … una bolletta non pagata di 71 euro in scadenza al 31 luglio 2023 del cui mancato pagamento non ho ricevuto alcun sollecito, mi causa un interruzione di servizio fondamentale per una famiglia e nonostante, appena capita la causa, si provveda al pagamento, tale privazione viene protratta per ulteriori 48 ore da parte vostra … io non chiamo alcun numero perché il pagamento per l’utenza in questione è stato effettuato … le cose sono due o mi mettete in condizione di poter svolgere le funzioni familiari entro la serata di oggi 4 ottobre 2023 o procederò di conseguenza”

giovedì 5 ottobre 2023 ore 07:19
SMS inviato da me

sono da poco passate le 7 del mattino del giorno 5 ottobre 2023 e la situazione del contatore è la medesima a quanto descritto nei messaggi precedenti di cui sopra relativi alle nostre conversazioni scritte del 4 ottobre 2023 … CI VENGONO ANCORA PRECLUSE LE ATTIVITÀ FAMILIARI, tutto ciò nonostante il pagamento della fattura sia stato effettuato ieri 4 ottobre 2023 alle ore 13:00 circa e copia dell’avvenuta disposizione dello stesso vi è stata inviata da banca FINECO

————————————————

Nonostante questo la situazione è rimasta invariata dalla mattina del 4 ottobre 2023 fino alla sera del 5 ottobre 2023.
In data, 5 ottobre 2023, al nostro rientro a casa verso le ore 19:00, abbiamo notato che il contatore era stato mandato in stallo. Solo nel momento in cui è stato riavviato abbiamo notato che la dicitura di depotenziamento sopra riportata non compariva più.
Io e la mia famiglia siamo rimasti due giornate senza poter soddisfare le nostre più strette necessità domestiche, perché tutte avrebbero mandato in sovraccarico il contatore.
Tutte le normali funzionalità ci erano precluse: lavatrice, asciugatrice, stiro, elettrodomestici della cucina, acqua calda sanitaria, ecc.
Questo è un grave danno messo in atto nei confronti di una famiglia con figli minori.
Chiedo di essere risarcito da tutte le persone coinvolte che ci hanno causato tale danno, senza farci pervenire alcuna ufficiale e preventiva comunicazione in merito all’insolvenza e all’eventuale rischio di depotenziamento del contatore.
Il fornitore UNOENERGY SPA, per mezzo dei suoi dipendenti e/o collaboratori, non mi ha messo in condizione di poter interagire e intervenire (a oggi 18 ottobre 2023 giorno in cui viene inoltrata la presente SPN, il pagamento delle due fatture insolute è già stato effettuato) mettendomi davanti al fatto compiuto. Non mi sembra questo un comportamento diplomatico da parte del fornitore, nei confronti di un cliente che ha sempre onorato le bollette relative alle utenze fornite.
Va evidenziato il fatto che in data 3 agosto 2023 ho firmato i contratti per passaggio ad altro fornitore.
Mi chiedo se questo possa essere stato la causa di tutto ciò, ovverosia un’inattesa decisione da parte mia nei loro confronti in merito al cambio di fornitura, tanto da reputarlo un motivo talmente grave da indurre il fornitore UNOENERGY SPA, a operare una scelta tanto repentina nei miei confronti.
A tal proposito vorrei sapere chi dei dipendenti e/o collaboratori del fornitore UNOENERGY SPA ha richiesto il depotenziamento del contatore e la data in cui è stata attuata tale richiesta.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131220161552636) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220141814845 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131220141814845 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:MERCOLEDI’ 18 OTTOBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento ai seguenti atti pubblicati in GAXETA UFICIALE:

– SPN – 0130928181559305 del 27 luglio 2023
– RDN – 0131009175550557 del 7 agosto 2023
– SPN – 0131030162933088 del 28 agosto 2023
– SPN – 0131113153001182 del 11 settembre 2023
– RDN – 0131202160515164 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202163741056 del 30 settembre 2023
– RDN – 0131202161714486 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202164225377 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131204173132293 del 2 ottobre 2023
– RDN – 0131205165835387 del 3 ottobre 2023
– SPN – 0131206145620361 del 4 ottobre 2023
– SPN – 0131215165009260 del 13 ottobre 2023

preciso che ieri 17 ottobre 2023 e oggi 18 ottobre 2023 sono stati effettuati due bonifici ciascuno di euro 450 sul conto corrente a me intestato e aperto presso BANCA INTESASANPAOLO SPA, filiale di Villorba (Contea di Treviso).

Ribadisco, come già ben chiaramente espresso e comunicato alla sede di Villorba (Contea di Treviso) di BANCA INTESA SANPAOLO SPA (come sopra precisato), che l’attuale situazione di difficoltà è stata creata da due impiegati di banca (non appartenenti a INTESA SANPAOLO SPA) che hanno sottratto tutti i soldi dal mio conto corrente lasciandomi di fatto privo di risorse.
Ripeto che cercherò di fare il possibile per adempiere, ma non sarei in questa situazione se questi tizi non mi avessero depredato delle mi disponibilità finanziarie.

Noto con disappunto, che più una persona dimostra correttezza, buona volontà e coerenza nelle sue affermazioni e più continua a essere volontariamente ignorata, con l’aggiunta che l’accanimento si accentua ancora di più.
Mi riferisco alle continue vessazioni che ricevo da parte dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA, in quanto continuo a rimanere bersaglio di continue e quotidiane rappresaglie telefoniche che mette in atto e che oramai stanno superando ogni limite di sostenibilità.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131220141814845) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.17 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0131219160243035 – referente: MEROTTO DIEGO

Oggetto: 2023.10.17 – MEROTTO DIEGO – SPN – 0131219160243035 – referente: MEROTTO DIEGO

DENUNCIANTE
Nome: DIEGO
Cognome: MEROTTO
Codice Unico Personale: 0130906213659217
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:17/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:FARRA DI SOLIGO COL SAN MARTINO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ASTE 33 ESECUTORI TRIBUNALE TREVISO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In base ad un pignoramento mi stanno telefonando già oggi 4telefonate e messaggio su wathsapp.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
DIEGO MEROTTO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131219160243035) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.15 – ZANONI TIZIANA – SPN – 0131217154045415 – referente: TASSINI ODOARDO MARIA

Oggetto: 2023.10.15 – ZANONI TIZIANA – SPN – 0131217154045415 – referente: TASSINI ODOARDO MARIA

DENUNCIANTE
Nome: TIZIANA
Cognome: ZANONI
Codice Unico Personale: 131340143515
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:09/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:MIA ABITAZIONE VAI CA’ QUINTATRELLI 1
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:AGENTE SCELTO VIVIANI FRANCESCO E COLLEGA CHE NON HA LASCIATO NOMINATIVO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
09-10-2023 alle ore 10.00 l’agente scelto Fracesco Viviani, presso la locale polizia municipale del comune di negrar si è presentato presso la mia abitazione, con una collega , che non ha lasciato nominativo.l’agente scelto Viviani doveva notificarmi un’ ordinanza del comune da ritirare.
io non l’ ho ritirata, l’agente mi ha rilasciato un foglio, che alleghero’ via e-mail personale, dove mi si comunica dove ritirare l’ ordinanza comunale.
naturalmente io non mi presenterò presso il loro ufficio
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
TIZIANA ZANONI

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131217154045415) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.15 – TASSINI ODOARDO MARIA – SPN – 0131217144928014 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.15 – TASSINI ODOARDO MARIA – SPN – 0131217144928014 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ODOARDO MARIA
Cognome: TASSINI
Codice Unico Personale: 101933133031
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:09/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:MI A BITAZIONE VIA CA’ QUINTARELLI 1 NEGRAR VR
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:AGENTE SCELTO VIVIANI FRANCESCO E COLLEGA CHE NON HA LASCIATO NOMINATIVO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
09-10-23 alle ore 10.00 l’agente scelto francesco Viviani della locale polizia municipale di negrar si e’ presentato presso la mia abitazione, con una sua collega, che non ha lasciato il nominativo, per notificarmi una ordinanza del comune di negrar settore edilizia. si presume che tale ordinanza si riferisca alla LETTERA PROT. N° 18491 con spn 0131119155321443.
Non essendo presente per lavori esterni alla mia azienda l’agente scelto Francesco viviani rilascia un foglio dove recuperare l’atto comunale.
Naturalmente non andro’ mai a ritirare tale documento
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
ODOARDO MARIA TASSINI

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131217144928014) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.15 – TASSINI FRANCESCO – SPN – 0131217160857316 – referente: TASSINI ODOARDO MARIA

Oggetto: 2023.10.15 – TASSINI FRANCESCO – SPN – 0131217160857316 – referente: TASSINI ODOARDO MARIA

DENUNCIANTE
Nome: FRANCESCO
Cognome: TASSINI
Codice Unico Personale: 112116193228
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:09/10/23
luogo iniziale del fatto segnalato:MIA ABITAZIONE VIA CA’ QUINTATRELLI 1
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:AGENTE SCELTO VIVIANI FRANCESCO E COLLEGA CHE NON HA LASCIATO NOMINATIVO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
09-10-23 ore 10.00 l’agente scelto Francesco Viviani della locale polizia municipale del comune di negrar si è presentato presso la mia abitazione, per rilasciarmi una ordinanza del comune di negrar uff. edilizia privata. io non ero presente perche’ al lavoro, mia madre come da spn 0131217154045415, non ha firmato e ritirato alcun documento sia a nome mio, suo e di mio fratello tassini odoardo.
naturalmente non andro’ mai a ritirare tale ordinanza.

Tassini Francesco

allego lettera rilasciata
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
FRANCESCO TASSINI

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131217160857316) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.13 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131215165009260 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.13 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131215165009260 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:13 OTTOBRE 2023 ORE 11:00 CIRCA
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO LA SEDE DELLA MIA AZIENDA, ABC INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI – VIA ROMA 73 – VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:MANCO ROBERTO (DIRETTORE FILIALE INTESA SANPAOLO SPA DI VILLORBA)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento ai seguenti atti pubblicati in GAXETA UFICIALE:
– SPN – 0130928181559305 del 27 luglio 2023
– RDN – 0131009175550557 del 7 agosto 2023
– SPN – 0131030162933088 del 28 agosto 2023
– SPN – 0131113153001182 del 11 settembre 2023
– RDN – 0131202160515164 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202163741056 del 30 settembre 2023
– RDN – 0131202161714486 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202164225377 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131204173132293 del 2 ottobre 2023
– RDN – 0131205165835387 del 3 ottobre 2023
– SPN – 0131206145620361 del 4 ottobre 2023
DENUNCIO quanto segue:
nonostante l’operazione di stalkeraggio condotta dall’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA, messa in atto mediante l’invio di centinaia di chiamate verso il mio cellulare, mi è stato riferito che verso le ore 11:00 di oggi 13 ottobre 2023, MANCO ROBERTO, direttore della filiale di Villorba del medesimo istituto di credito italiano, si è presentato presso la sede della mia azienda.
Si precisa che la mia sede è aperta a collaboratori e clienti, ma non è adibita ad alcuna discussione che possa riguardare questioni strettamente personali e che in quanto tali esulano dall’ambito lavorativo.
Nel caso specifico eventuali questioni NON lavorative devono essere messe per iscritto, tramite e-mail rispondendo all’indirizzo da cui viene spedita la presente SPN, come del resto è stato più volte richiesto e sottolineato negli atti sopra citati.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131215165009260) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.12 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131214141453212 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.12 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131214141453212 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:1 OTTOBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PUNTO VENDITA “OVS” – SAN DONA’ DI PIAVE (CONTEA DI VENEZIA) VIA ISEO 1/A
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:OVS – HTTPS://WWW.OVS.IT/IT/IT/

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In data 1 ottobre 2023, mi sono recato presso negozio OVS, sito a San Donà di Piave in via Iseo 1/A, presso il quale ho effettuato degli acquisti.
Alcuni prodotti non erano disponibili per cui mi hanno detto che dovevano ordinarli e farli arrivare da altre sedi, per cui ho detto alla persona (donna) che si trovava in cassa di effettuare l’ordine.
Mi ha chiesto i miei dati e li ha trascritti a penna su un quaderno dicendomi che mi avrebbero avvisato via mail circa la conferma ordine e il giorno in cui sarebbero stati disponibili per il ritiro presso la sede in cui mi trovavo.
Dopo aver concluso l’acquisto ho notato però che questa persona li ha poi riportati su di un dispositivo elettronico che aveva in dotazione e ho osservato che dopo averli inseriti in questo dispositivo elettronico ha cliccato un tasto che indicava “accettazione e presa visione informativa privacy”.
Io subito le ho detto che avevo visto quanto fatto, precisandole che io agli effetti pratici non avevo preso visione di tale informativa e pertanto tutti i miei dati personali che le avevo fornito dovevano essere cancellati da qualsiasi tipo di supporto una volta ritirati i prodotti prenotati.
Lei mi ha fatto capire che era una cosa che sarebbe stata gestita dal servizio on-line, allora io, capendo che probabilmente non riusciva ad afferrare l’importanza della mia affermazione, le ho detto di farsi carico di comunicare quanto da me richiesto, ovvero la cancellazione di tutti i miei dati personali.
Il girono 4 ottobre 2023 mi reco presso il medesimo negozio per il ritiro dei prodotti ordinati.
Terminato il pagamento ho palesato alla persona che si trovava alla cassa (uomo) quanto successo qualche giorno prima e la raccomandazione data alla sua collega.
Lui mi ha detto che comunque non dovrebbe arrivarmi messaggio o altro.
Io gli ho risposto che indubbiamente da tutto io l’informativa non l’avevo letta per cui quel consenso era revocato e i dati andavano cancellati.
Gli ho detto che parlasse con chi di dovere oppure se ne occupasse lui.
Mi ha risposto che terminava di mettere via delle cose e poi avrebbe provveduto in base al numero ordine.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131214141453212) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.06 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131208154845465 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.06 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131208154845465 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:4 OTTBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:CIANCIARUSO GIOVANNI – ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTI SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO DELLA FILIALE DI CONEGLIANO)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento ai seguenti atti, pubblicati nella GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP:

2023.06.08 – CELOT BENEDETTO – RDN 0130810132154913
2023.06.09 – CELOT BENEDETTO – SPN 0130811154027387
2023.06.16 – CELOT BENEDETTO – RDN 0130818104608016
2023.06.16 – CELOT BENEDETTO – SPN 0130818110902194
2023.06.17 – CELOT BENEDETTO – SPN 0130819111616457
2023.07.19 – CELOT BENEDETTO – SPN 0130920122206238
2023.07.27 – CELOT BENEDETTO – SPN 0130928181559305
2023.09.07 – CELOT BENEDETTO – SPN 0131109122532573
2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN 0131120113047465
2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN 0131120173840785

Inoltro la presente DENUNCIA contro CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA (entrambi dipendenti dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA filiale di Conegliano (Contea di Treviso), in quanto la sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente (tutt’ora in essere presso questa filiale), messa in atto da questi due individui mi ha altresì generato un ulteriore grave danno che di segui riporto:

nella giornata di martedì 4 ottobre 2023, verso le ore 07:00 del mattino, iniziamo a usare gli elettrodomestici di casa per le faccende quotidiane, ma viene a mancare la corrente; raggiungo la sala contatori e noto che sul display del dispositivo agganciato al mio appartamento compare la scritta “FATTORE K = 15% – RIDURRE CARICO”.

Faccio una ricerca per mezzo dello strumento di internet, inserendo tale dicitura e la risposta è immediata: contatore depotenziato, per morosità, al 15% rispetto ai kilowatt previsti nel contratto di fornitura dell’operatore UNOENERGY SPA.

Chiamo al cellulare la referente UNOENRGY dello sportello di Conegliano, la quale mi dice che risultano esserci due fatture insolute, relative a due utenze differenti, che prontamente la stessa provvede a inviarmi via e-mail.

Nessun avviso di mancato pagamento per tali fatture mi era precedentemente pervenuto tramite e-mail da parte del fornitore UNOENERGY SPA.

La fattura insoluta relativa al contatore di casa è stata emessa da UNOENERGY SPA in data 10 luglio 2023, aveva scadenza 31 luglio 2023, per un totale di euro 71,00.

Preciso che le fatture UNOENERGY SPA sono domiciliate per il pagamento presso l’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA filiale di Conegliano, cosa che non è avvenuta nonostante avessi invitato il CIANCIARUSO e il ROMANELLO, mediante SPN – 0130819111616457 a entrambi notificata via e-mail in data 19 giugno 2023 alle ore 09:10, a effettuare i pagamenti dei vari fornitori per evitare di crearmi ulteriori e maggiori danni, ripristinando poi tali pagamenti con successivi incassi; cosa che non si sono minimamente degnati di prendere in considerazione visto il verificarsi di tali eventi.

Ho provveduto immediatamente a effettuare il pagamento di tale fattura e alle ore 13:15 circa del giorno 4 ottobre 2023 è stata inviata dalla banca via e-mail, alla referente dello sportello UNOENERGY di Conegliano, la distinta di bonifico.

Nonostante questo la situazione è rimasta invariata dalla mattina del 4 ottobre 2023 fino alla sera del 5 ottobre 2023.

Ieri sera, 5 ottobre 2023, al nostro rientro a casa verso le ore 19:00, abbiamo notato che il contatore era stato mandato in stallo. Solo nel momento in cui è stato riavviato abbiamo notato che la dicitura di depotenziamento sopra riportata non compariva più.

A causa e in conseguenza dell’abuso che ho subito, in data 6 giugno 2023, da parte di CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, io e la mia famiglia siamo rimasti due giornate senza poter soddisfare le nostre più strette necessità domestiche, perché tutte avrebbero mandato in sovraccarico il contatore.

Tutte le normali funzionalità ci erano precluse: lavatrice, asciugatrice, stiro, elettrodomestici della cucina, acqua calda sanitaria, ecc.

Questo è un grave danno messo in atto nei confronti di una famiglia con figli minori.

Chiedo di essere risarcito da tutte le persone coinvolte che ci hanno causato tale danno.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131208154845465) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.04 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131206145620361 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.04 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131206145620361 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:MANCO ROBERTO (DIRETTORE FILIALE INTESA SANPAOLO SPA DI VILLORBA)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN – 0131205165835387 del giorno 3 ottobre 2023 e notificato a MANCO ROBERTO, direttore filiale INTESA SANPAOLO S.p.A. di Villorba (Contea di Treviso), in data 4 ottobre 2023 alle 14:28, si inoltra la presente DENUNCIA, il cui contenuto corrisponde al testo del RDN sopra citato.

“inizio testo RDN”

Faccio seguito alla SPN – 0131113153001182 del giorno 11 settembre 2023, il contenuto della quale contemplava già tutte le comunicazioni SPN e/o RDN precedenti, notificata il giorno 12 settembre 2023 ai seguenti indirizzi e-mail,

villorba.50017@intesasanpaolo.com
monica.pegorer@intesasanpaolo.com
antonella.sciarrillo@intesasanpaolo.com

Preciso che la risposta ricevuta, sempre in data 12 settembre 2023, tramite e-mail dall’indirizzo villorba.50017@intesasanpaolo.com a firma di MANCO ROBERTO è la seguente:

“Buongiorno Benedetto,

stiamo cercando di metterci in contatto con te per poter trovare una soluzione.

Potresti per cortesia prendere contatto direttamente con me ai recapiti sotto riportati

Grazie”

———————————————————————————————————————

CONSIDERAZIONI:

E’ tutto chiaro per mezzo del presente rigetto di notifica.
E’ tutto chiaro per mezzo di tutti gli altri atti siano essi RDN o SPN, pubblicati nella GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP e concernenti diversi aspetti del rapporto creatosi e tutt’ora in corso con l’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A.

Visto quanto successo, gli attacchi che ho subito e che tutt’ora sto subendo da più parti, nessuno escluso, tutti oggetto di RDN e/o SPN,

PUNTUALIZZO QUANTO SEGUE:

– il contratto di mutuo formulato da un’autorità straniera italiana, è nullo ab origine, perché emesso da tale autorità in difetto assoluto di giurisdizione ovvero in regime di incompetenza assoluta sia per territorio che per materia, come esplicato dal presente RDN;
– tutta la trasparenza, la buona volontà e la dignità che da parte mia vi dimostro, vengono da parte vostra intenzionalmente svilite e ignorate, basti pensare che pur esplicitamente richiedendo sole comunicazioni via e-mail, vengo tartassato da innumerevoli chiamate da parte di uffici e/o servizi e/o dipendenti e/o collaboratori facenti capo all’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A.;
– mi chiedo inoltre quanto possa esserci di vessatorio, nei miei confronti, in riferimento ai rapporti sussistenti con INTESA SANPAOLO S.p.A., che di seguito elenco:
1) il canone che addebitate per la gestione del conto corrente, pari a euro 7 (sette) mensili, mi fa porre molti interrogativi in merito a quale sia la gravosa gestione da parte vostra di questo conto corrente, creato solo ed esclusivamente per l’incasso delle rate, il cui addebito avviene in automatico. Non mi sono mai recato presso alcun sportello INTESA SANPAOLO S.p.A. per il pagamento di alcuna rata e/o per altre operazioni di conto corrente, pertanto non ho mai impegnato il tempo di alcun vostro dipendente per lo svolgimento di alcuna mia personale operazione;
2) le spese che addebitate per l’incasso rata, profumano di “caporalato”, come del resto la situazione descritto al precedente punto 1; se non paghi la rata sei un cattivo pagatore e ti viene minacciata la segnalazione al SIC, ma se per caso la paghi allora la banca ti punisce per aver ottemperato a quanto promesso addebitandoti altro denaro. Sembra una presa in giro! Mi chiedo allora, come bisogna comportarsi con chi ti prende in giro? Del resto anche il contratto di mutuo (per quanto nullo per i motivi di cui al presente RDN e sopra ascritti) contemplava la facoltà da parte della filiale di riferimento di mettere mano a tali spese, cosa che MANCO ROBERTO, direttore della filiale di Villorba (Contea di Treviso), mi aveva promesso fin da quando con mio stupore alla firma del contratto ho notato il “pedaggio” che mi veniva imposto per poter ottemperare al pagamento della rata, assicurandomi che dopo qualche tempo me le avrebbe se non azzerate, abbassate di molto. Nonostante in un momento successivo avessi verbalmente sollecitato l’adempimento di tale promessa sono stato ignorato, ovviamente i servigi a INTESA SANPAOLO S.p.A. portano più benefici. Se si riflette con attenzione tutto ciò è surreale, infatti è come se a un cliente che mi invia un bonifico quale pagamento per la prestazione da me eseguita, chiedessi un extra indennizzo proprio per il fatto di aver pagato;
3) l’impennata dei tassi di interesse è tanto anomala quanto sconvolgente; è chiaro anche a una persona priva di LAUREA e non “MASTERIZZATA” che, se all’aumento forte dei prezzi di tutti i prodotti, con un’inflazione a doppia cifra, si aggiunge un’impennata del tasso di interesse di quasi 5 punti percentuali in un solo anno, l’unica cosa certa che viene indotta è una vera e propria catastrofe economica ai danni di famiglie e imprese. Chi è responsabile di tutto questo?

CONCLUSIONI:

in riferimento alla e-mail ricevuta da MANCO ROBERTO in data 12 settembre 2023, in risposta alla notifica della mia SPN – 0131113153001182, preciso e ribadisco quanto segue:

– spero di sbagliarmi, ma sinceramente non credo che chi fa parte, sostiene e alimenta l’asse finanziario euro-atlantico, possa eticamente e concretamente dare aiuti e trovare una soluzione veramente vantaggiosa per il cliente, poteva già averlo dimostrato a suo tempo con l’azzeramento o quasi delle spese di incasso rata e invece per comodità si è fatto finta che il problema non esistesse; adesso però vi predisponete per proporre soluzioni.
A tal proposito un suggerimento ve l’offro io e chiedo, comunicando solo ed esclusivamente per iscritto via e-mail, utilizzando l’indirizzo dal quale state ricevendo il presente RDN, di elencarmi una soluzione concretamente per me più vantaggiosa intervenendo sull’abbassamento del tasso di interesse, ma senza intervenire sulla durata del finanziamento;
– in riferimento, invece, ai precedenti punti uno e due, tutti gli addebiti subiti in merito a spese di gestione conto corrente e spese incasso rata, la cui somma è pari a euro 11 (undici) mensili dovranno essermi riaccreditati e/o stornati dall’importo della rata non pagata scaduta due giorni fa ovvero il giorno 1 ottobre 2023 e mai più addebitati. Questa è un’ulteriore strada che potete percorrere se realmente cercate di trovare una vera soluzione che possa agevolare e aiutare il cliente. Del resto l’apertura di un conto corrente viene imposta dal sistema stesso, senza facoltà di scelta alcuna da parte della persona;
– al presente RDN, farà seguito una SPN, al fine di denunciare presso la Divisione Investigativa della Polisia Nasionale Veneta, lo svolgimento di tutti gli eventi, nessuno escluso, al fine delle successive indagini.

“fine testo RDN”

si richiamano in merito tutti i seguenti precedenti atti pubblicati in GAXETA UFICIALE

– SPN – 0130515164950830 del 13 marzo 2023
– SPN – 0130518115115748 del 16 marzo 2023
– SPN – 0130524135719652 del 22 marzo 2023
– SPN – 0130525121229203 del 23 marzo 2023
– SPN – 0130526150836421 del 24 marzo 2023
– SPN – 0130529123801948 del 27 marzo 2023
– SPN – 0130530134316474 del 28 marzo 2023
– SPN – 0130600152846039 del 29 marzo 2023
– SPN – 0130601143128196 del 30 marzo 2023
– SPN – 0130602165841385 del 31 marzo 2023
– SPN – 0130700171217765 del 28 aprile 2023
– SPN – 0130719115147561 del 17 maggio 2023
– SPN – 0130928181559305 del 27 luglio 2023
– RDN – 0131009175550557 del 7 agosto 2023
– SPN – 0131030162933088 del 28 agosto 2023
– SPN – 0131113153001182 del 11 settembre 2023
– RDN – 0131202160515164 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202163741056 del 30 settembre 2023
– RDN – 0131202161714486 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202164225377 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131204173132293 del 2 ottobre 2023
– RDN – 0131205165835387 del 3 ottobre 2023
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131206145620361) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.10.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131204173132293 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.10.02 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131204173132293 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL MOMENTO IN CUI SI E’ COSTITUITA TALE SITUAZIONE
luogo iniziale del fatto segnalato:TRAMITE CHIAMTE DA PREFISSO 041 – CONTEA DI VENEZIA / DA PREFISSO 0422 – CONTEA DI TREVISO / DA PREFISSO 075 ITALIA – CELLULARI RICONDUCIBILI A DIPENDENTI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento a:
– SPN – 0130515164950830 del 13 marzo 2023
– SPN – 0130518115115748 del 16 marzo 2023
– SPN – 0130524135719652 del 22 marzo 2023
– SPN – 0130525121229203 del 23 marzo 2023
– SPN – 0130526150836421 del 24 marzo 2023
– SPN – 0130529123801948 del 27 marzo 2023
– SPN – 0130530134316474 del 28 marzo 2023
– SPN – 0130600152846039 del 29 marzo 2023
– SPN – 0130601143128196 del 30 marzo 2023
– SPN – 0130602165841385 del 31 marzo 2023
– SPN – 0130700171217765 del 28 aprile 2023
– SPN – 0130719115147561 del 17 maggio 2023
– SPN – 0130928181559305 del 27 luglio 2023
– RDN – 0131009175550557 del 7 agosto 2023
– SPN – 0131030162933088 del 28 agosto 2023
– SPN – 0131113153001182 del 11 settembre 2023
– RDN – 0131202160515164 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202163741056 del 30 settembre 2023
– RDN – 0131202161714486 del 30 settembre 2023
– SPN – 0131202164225377 del 30 settembre 2023
DENUNCIO QUANTO SEGUE:
nonostante io abbia segnalato e motivato le difficoltà in corso e successivamente dimostrato e confermato la mia buona volontà nel dar seguito alle integrazioni di pagamento relative alle rate del mutuo; l’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO SPA anziché apprezzare il mio comportamento, ha di fatto e a più riprese, sia in passato che in questi ultimi tempi, messo in atto nei miei confronti una vera e propria rappresaglia persecutoria che a mio avviso denota i contorni dello stalking.
PRECISO QUANTO SEGUE:
per quanto riguarda tutte le vicissitudini indotte e sofferte in questi periodi, che mi hanno portato a ritardi nei pagamenti delle rate di mutuo, ho sempre provveduto a formulare una SPN o un RDN.
Più recentemente, ho palesato il danno subito e tutt’ora subendo, causato dalla sottrazione di denaro dal mio conto corrente da parte di due impiegati, dipendenti di un altro istituto di credito italiano, che mi hanno di fatto costretto e tutt’ora mi costringono, con il loro operato, a patire una situazione per nulla facile da gestire per tutte le problematiche che mi hanno causato.
Sinceramente, vista la mia chiarezza davo per scontato che il messaggio fosse stato chiaro e ben capito; chiaro lo sono stato di sicuro, quello che invece non capisco è perché ignorano in maniera plateale la sincerità e la buona volontà di una persona confermata, nel limite del possibile, dalle integrazioni di pagamento eseguite.
Del resto non è di certo colpa mia se degli impiegati di banca hanno sottratto denaro dal mio conto corrente a mia insaputa.
Al tempo stesso tali accadimenti e il successivo evolversi degli eventi, che ne sono conseguiti, mi fa capire quanto di etico possa incorporare al suo interno l’asse e/o l’impero finanziario euro-atlantico nei confronti dei propri clienti.
Sinceramente però più che clienti, se si osserva il modus operandi di questo sistema finanziario, mi verrebbe da dedurre che l’obiettivo dell’asse e/o l’impero finanziario euro-atlantico, è di tenerci tutti ostaggi, renderci ancora più schiavi, servirsi e godere delle nostre risorse (l’aumento sconsiderato dei tassi di interessi ne è a mio avviso la prova), risultando in tal modo essere a lui funzionali in base ai suoi intoccabili parametri senza tener conto dei diritti altrui.
Il vero fornitore e/o il vero imprenditore, sono quelli che veramente cercano di aiutare e di migliorare, sanno capire i propri clienti e davanti a delle difficoltà evitano azioni di improduttiva aggressività, volte ad assillare in maniera parassitaria i propri clienti, soprattutto nel momento in cui viene dimostrata da questi ultimi la buona volontà.
Per inciso: io sto aspettando da più di un anno il pagamento di un cliente di ben 4.405,00 euro e nessuno si è pronunciato in merito, neppure il notaio italiano che ha stipulato l’atto di vendita, informato sulla situazione, si è pronunciato. In questo caso però devo accontentarmi, per il momento, di stare zitto.
A parte questa mia personale puntualizzazione, mi sembra invece che l’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A., si diverta a mettere in atto operazioni di sadico accanimento nei confronti della situazione che ho esternato e che trova reale riscontro in quanto fatti accaduti e da me denunciati.
Mi chiedo allora perché tutta questa arroganza da parte loro? Pensano forse che a loro tutto sia concesso?
Le ho contate, dal giorno 18 agosto 2023 al giorno 15 settembre 2023, ho ricevuto circa 480 chiamate provenienti da numeri di telefono riconducibili a uffici/servizi interni o delegati e/o da dipendenti e/o collaboratori facenti capo all’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A..
Una rappresaglia, a mio avviso, ingiustificata dopo tutte le comunicazioni in precedenza fornite.
Con la notifica della SPN – 0131113153001182 sinceramente pensavo che la mia chiarezza fosse stata da loro recepita e capita, infatti dal giorno 16 settembre 2023 al giorno 27 settembre 2023 le operazioni di stalking telefonico si sono arrestate.
L’illusione di essere finalmente riuscito a far passare il mio messaggio è durata poco; infatti, con il senno di poi ho capito che agli effetti pratici l’istituto di credito italiano INTESA SAN PAOLO S.p.A. aveva inserito una variante al piano di attacco sopra descritto, quale tentativo di incutermi timore, con il verificarsi di questo subdolo e provocatorio episodio:
lunedì 25 settembre 2023 vengo contattato da dei conoscenti, che vivono a circa 30 chilometri da casa mia, i quali, con molto stupore, mi comunicano di aver trovato nella loro cassetta delle lettere, due buste entrambe provenienti dall’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A., una intestata a me e una intestata a mia moglie.
Il giorno successivo martedì 26 settembre 2023, mi reco presso l’abitazione di queste persone per ritirare questa corrispondenza.
Nel pomeriggio dello stesso giorno appena riesco a ritagliarmi un momento libero, io e mia moglie apriamo le buste. Il contenuto era lo stesso per entrambi. All’interno delle buste una missiva sottoscritta e firmata da MESSINA CARLO consigliere delegato e ceo dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A., a fare da supporto con il suo minaccioso, arrogante e indisponente affronto agli episodi di stalkeraggio subiti fino a pochi giorni prima.
Ciò che ha a dir poco dell’imbarazzante è che dalla mattina del giorno 28 settembre 2023 le rappresaglie telefoniche sono insistentemente e senza sosta ricominciate. Infatti, entrambe le missive ricevute da MESSINA CARLO erano datate 12 settembre 2023, mentre le operazioni di stalking sono riprese, da parte di uffici/servizi interni o delegati e/o da dipendenti e/o collaboratori facenti capo dall’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A., poche ore dopo essere entrato in possesso delle missive fatte recapitare dal MESSINA presso l’abitazione di questi nostri conoscenti.
Mi chiedo a questo punto se tutto ciò si tratta di semplice casualità o di una reale operazione di controllo nei confronti miei, di mia moglie e quindi contro la nostra famiglia?
Dal giorno 28 settembre 2023 a oggi 2 ottobre 2023 ore 17:30 sono circa 75 le chiamate ricevute, che diventeranno circa 80 entro fine giornata. Esatto perché la veemenza con cui perpetrano queste chiamate è costante e si ripete ogni mezz’ora da lunedì a venerdì dalle 08:40 circa del mattino, fino alle 19:30 circa la sera; di sabato iniziano alle 08:40 circa del mattino, fino alle 15:00 circa del pomeriggio.
Tutti questi episodi mi comportano molti disguidi e danni economici. Ovviamente usano per chiamarmi il mio numero di cellulare, numero che io utilizzo per lavoro e ciò mi reca un enorme danno in quanto:
– mi preclude il libero e incondizionato utilizzo del mio telefono per effettuare chiamate inerenti le mie necessità lavorative e personali;
– perdo tante chiamate di potenziali clienti, che potrebbero di conseguenza tradursi in perdite economiche;
– mi creano situazioni di disagio nel momento in cui mi trovo a interagire con dei clienti che continuano a sentir squillare il telefono;
– a volte mi trovo costretto a dover spegnere o silenziare il telefono pur di non sentirmi assillato, ma anche questa soluzione risulta essere completamente controproducente per me, perché così facendo perdo continuamente contatti lavorativi e quindi possibilità di realizzo economico e di conseguenza possibilità di incassare denaro per il pagamento delle rate del mutuo.
Insomma non riesco più ad accettare questa insolente, invadente e violenta azione persecutoria, psicologica e morale, da parte dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A., che mette in atto con l’ausilio di tutti i suoi dipendenti e/o collaboratori e/o uffici-servizi interni e/o dallo stesso delegati.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131204173132293) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.30 – CAVALLIN SILVIA – SPN – 0131202164225377 – referente: ME STESSA

Oggetto: 2023.09.30 – CAVALLIN SILVIA – SPN – 0131202164225377 – referente: ME STESSA

DENUNCIANTE
Nome: SILVIA
Cognome: CAVALLIN
Codice Unico Personale: 20170913141701
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:25 SETTEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO LA RESIDENZA DI CONOSCENTI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:MESSINA CARLO, CONSIGLIERE DELEGATO E CEO, DELL’ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO INTESA SANPAOLO S.P.A.

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN – 0131202161714486 del giorno 30 settembre 2023, DENUNCIO il consigliere delegato e ceo dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A. con sede legale a Torino, MESSINA CARLO, per quanto contenuto nella missiva firmata e sottoscritta dallo stesso MESSINA CARLO e per le modalità che quest’ultimo ha utilizzato per l’invio della stessa.

– 1) MESSINA CARLO parla di “informativa ai sensi dell’arti. 5.6 del codice di condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti (registro dei provvedimenti del garante privacy n° 163 del 12 settembre 2019), dell’art. 120 quinquiesdecies comma 1 (credito immobiliare ai consumatori) del testo unico bancario e relative disposizioni di attuazione”;
– 2) MESSINA CARLO cita un ammanco di 260,15 euro quale cifra che non avrei ancora versato alla data del 31 agosto 2023 relativamente al pagamento della rata scaduta il giorno 1 agosto 2023;
– 3) MESSINA CARLO asserisce che l’istituto di credito italiano, da lui capeggiato, applica interessi di mora sull’importo della rata pagato in ritardo, minacciando subito dopo che “si può arrivare a perdere la proprietà dell’immobile costituito in garanzia a favore della banca”;
– 4) MESSINA CARLO, nel tentativo di dimostrarsi cordiale e disponibile, suggerisce di mettersi in contatto, in caso di difficoltà, con la filiale per valutare misure di sostegno pubbliche (italiane) o di iniziativa della banca;
– 5) MESSINA CARLO, minaccia altresì che “in mancanza del tempestivo pagamento di quanto dovuto, i dati relativi ai ritardi e/o ai mancati pagamenti saranno registrati, decorsi almeno 15 gironi dalla data della spedizione della presente, in uno o più sistemi di informazioni creditizie (SIC)” e poi aggiunge che anche eventuali futuri ritardi saranno registrati, presso questi sistemi, senza ulteriore avviso;
– 6) MESSINA CARLO, minaccia inoltre che “la registrazione dei dati relativi ai ritardi e/o ai mancati pagamenti in uno o più sistemi di informazioni creditizie (SIC) le renderà più difficile ottenere altri crediti in futuro”.

Considerazioni personali:
– Tutti gli articoli citati da MESSINA CARLO al punto 1 sono illegali per i motivi di cui al presente rigetto di notifica. Io NON ho mai fornito alcun consenso in merito a questi sistemi informativi e qualora mi fosse stato CARPITO a mia insaputa e/o contro la mia reale volontà in quanto NON ben informata e comunque qualsiasi sia il caso, tale consenso è da ritenersi REVOCATO in maniera retroattiva;
– Per quanto riguarda il punto 2 preciso che la mia rata di partenza era 730,00 euro circa e quella scaduta il giorno 1 agosto 2023 è pari a 1.104,40 euro, per una differenza di circa 370,00 euro, pertanto ho già dato dimostrazione di provare a sopperire all’aumento, a mio avviso anomalo e sconsiderato, dei tassi di interessi;
– Per quanto riguarda il punto 3, si richiama l’attenzione all’articolo 2 paragrafo 4 della carta delle Nazioni Unite;
– Per quanto riguarda il punto 4, NON credo che chi fa parte, sostiene e alimenta l’asse finanziario euro-atlantico, (peraltro oggetto di una denuncia del giorno 13 marzo 2023 per tramite della SPN – 0130515164950830), possa eticamente e concretamente dare aiuti dopo aver concorso e di conseguenza essersi avvantaggiato di una spinta inflattiva da calmierare, secondo la narrazione sostenuta dal mainstream finanziario euro-atlantico, con un anomalo e sconsiderato aumento dei tassi di interessi. I risultati attuali raccontano tutt’altro che di aiuti, ma di famiglie e imprese in piena difficoltà finanziaria. Non ci si può fidare degli istituti di credito italiani, che a quanto si deduce dalla missiva di MESSINA CARLO tendono a collaborare e a trovare soluzioni insieme allo stato straniero occupante italiano;
– In merito al punto 5, ribadisco che NEGO IL CONSENSO al trattamento di tutti i miei dati personali, nessuno escluso. MAI sono stato informato in merito a questi sistemi informativi gestiti da soggetti privati e/o non privati. MAI mi è stata fornita l’identificazione in merito a questi soggetti, i quali sono tutt’ora a me del tutto SCONOSCIUTI;
– In merito al punto 6, preciso che qualora le circostanze di schiavismo economico attuali, mi spingessero a richiedere finanziamenti e/o credito e questi dovessero essermi negati, significherà che MESSINA CARLO avrà di fatto violato la mia privacy, in quanto sarà chiaro che avrà ceduto SENZA IL MIO CONSENSO, i miei dati personali a soggetti terzi dei quali MAI mi è stata data contezza, risultando a me del tutto sconosciuti.

Per ultimo ma non per ultimo sottolineo la gravità del seguente fatto:
MESSINA CARLO ha fatto recapitare la sua missiva presso un indirizzo che NON mi appartiene, infatti il mio indirizzo corrisponde a quello riportato sul contratto di finanziamento.
La sua missiva è stata recapitata presso l’abitazione di conoscenti, che nulla hanno a che fare con le mie cose personali.
Mi chiedo come abbia fatto, SENZA IL MIO ESPLICITO CONSENSO, a prendere l’iniziativa di inviarmi la sua missiva presso l’indirizzo di questi conoscenti e soprattutto chi lo ha autorizzato a utilizzarlo? È stato forse autorizzato in maniera esplicita da questi conoscenti? Anche loro sono rimasti sorpresi dell’accaduto.
Tale azione messa in atto da MESSINA CARLO costituisce per me una grave violazione della mia privacy, in quanto contribuisce a creare e ad alimentare una situazione di sarcastica curiosità da parte di coloro che si sono visti recapitare una missiva, impropria, inopportuna e imbarazzante, ma al tempo stesso suggestiva da indurli a fantasticare che io possa avere qualcosa da nascondere, ma non è affatto così perché tutto quello che scrivo in merito a questo episodio che mi sono trovata costretta a patire a causa di MESSINA CARLO, viene pubblicato, senza alcun tipo di riserbo, sulla GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
SILVIA CAVALLIN

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131202164225377) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.30 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131202163741056 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.30 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131202163741056 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:25 SETTEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:PRESSO LA RESIDENZA DI CONOSCENTI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:MESSINA CARLO, CONSIGLIERE DELEGATO E CEO, DELL’ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO INTESA SANPAOLO S.P.A.

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN – 0131202160515164 del giorno 30 settembre 2023, DENUNCIO il consigliere delegato e ceo dell’istituto di credito italiano INTESA SANPAOLO S.p.A. con sede legale a Torino, MESSINA CARLO, per quanto contenuto nella missiva firmata e sottoscritta dallo stesso MESSINA CARLO e per le modalità che quest’ultimo ha utilizzato per l’invio della stessa.

– 1) MESSINA CARLO parla di “informativa ai sensi dell’arti. 5.6 del codice di condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti (registro dei provvedimenti del garante privacy n° 163 del 12 settembre 2019), dell’art. 120 quinquiesdecies comma 1 (credito immobiliare ai consumatori) del testo unico bancario e relative disposizioni di attuazione”;
– 2) MESSINA CARLO cita un ammanco di 260,15 euro quale cifra che non avrei ancora versato alla data del 31 agosto 2023 relativamente al pagamento della rata scaduta il giorno 1 agosto 2023;
– 3) MESSINA CARLO asserisce che l’istituto di credito italiano, da lui capeggiato, applica interessi di mora sull’importo della rata pagato in ritardo, minacciando subito dopo che “si può arrivare a perdere la proprietà dell’immobile costituito in garanzia a favore della banca”;
– 4) MESSINA CARLO, nel tentativo di dimostrarsi cordiale e disponibile, suggerisce di mettersi in contatto, in caso di difficoltà, con la filiale per valutare misure di sostegno pubbliche (italiane) o di iniziativa della banca;
– 5) MESSINA CARLO, minaccia altresì che “in mancanza del tempestivo pagamento di quanto dovuto, i dati relativi ai ritardi e/o ai mancati pagamenti saranno registrati, decorsi almeno 15 gironi dalla data della spedizione della presente, in uno o più sistemi di informazioni creditizie (SIC)” e poi aggiunge che anche eventuali futuri ritardi saranno registrati, presso questi sistemi, senza ulteriore avviso;
– 6) MESSINA CARLO, minaccia inoltre che “la registrazione dei dati relativi ai ritardi e/o ai mancati pagamenti in uno o più sistemi di informazioni creditizie (SIC) le renderà più difficile ottenere altri crediti in futuro”.

Considerazioni personali:
– Tutti gli articoli citati da MESSINA CARLO al punto 1 sono illegali per i motivi di cui al presente rigetto di notifica. Io NON ho mai fornito alcun consenso in merito a questi sistemi informativi e qualora mi fosse stato CARPITO a mia insaputa e/o contro la mia reale volontà in quanto NON ben informato e comunque qualsiasi sia il caso, tale consenso è da ritenersi REVOCATO in maniera retroattiva;
– Per quanto riguarda il punto 2 preciso che la mia rata di partenza era 730,00 euro circa e quella scaduta il giorno 1 agosto 2023 è pari a 1.104,40 euro, per una differenza di circa 370,00 euro, pertanto ho già dato dimostrazione di provare a sopperire all’aumento, a mio avviso anomalo e sconsiderato, dei tassi di interessi;
– Per quanto riguarda il punto 3, si richiama l’attenzione all’articolo 2 paragrafo 4 della carta delle Nazioni Unite;
– Per quanto riguarda il punto 4, NON credo che chi fa parte, sostiene e alimenta l’asse finanziario euro-atlantico, (peraltro oggetto di denuncia il 13 marzo 2023 per tramite della SPN – 0130515164950830), possa eticamente e concretamente dare aiuti dopo aver concorso e di conseguenza essersi avvantaggiato di una spinta inflattiva da calmierare, secondo la narrazione sostenuta dal mainstream finanziario euro-atlantico, con un anomalo e sconsiderato aumento dei tassi di interessi. I risultati attuali raccontano tutt’altro che di aiuti, ma di famiglie e imprese in piena difficoltà finanziaria. Non ci si può fidare degli istituti di credito italiani, che a quanto si deduce dalla missiva di MESSINA CARLO tendono a collaborare e a trovare soluzioni insieme allo stato straniero occupante italiano;
– In merito al punto 5, ribadisco che NEGO IL CONSENSO al trattamento di tutti i miei dati personali, nessuno escluso. MAI sono stato informato in merito a questi sistemi informativi gestiti da soggetti privati e/o non privati. MAI mi è stata fornita l’identificazione in merito a questi soggetti, i quali sono tutt’ora a me del tutto SCONOSCIUTI;
– In merito al punto 6, preciso che qualora le circostanze di schiavismo economico attuali, mi spingessero a richiedere finanziamenti e/o credito e questi dovessero essermi negati, significherà che MESSINA CARLO avrà di fatto violato la mia privacy, in quanto sarà chiaro che avrà ceduto SENZA IL MIO CONSENSO, i miei dati personali a soggetti terzi dei quali MAI mi è stata data contezza, risultando a me del tutto sconosciuti.

Per ultimo ma non per ultimo sottolineo la gravità del seguente fatto:
MESSINA CARLO ha fatto recapitare la sua missiva presso un indirizzo che NON mi appartiene, infatti il mio indirizzo corrisponde a quello riportato sul contratto di finanziamento.
La sua missiva è stata recapitata presso l’abitazione di conoscenti, che nulla hanno a che fare con le mie cose personali.
Mi chiedo come abbia fatto, SENZA IL MIO ESPLICITO CONSENSO, a prendere l’iniziativa di inviarmi la sua missiva presso l’indirizzo di questi conoscenti e soprattutto chi lo ha autorizzato a utilizzarlo? È stato forse autorizzato in maniera esplicita da questi conoscenti? Anche loro sono rimasti sorpresi dell’accaduto.
Tale azione messa in atto da MESSINA CARLO costituisce per me una grave violazione della mia privacy, in quanto contribuisce a creare e ad alimentare una situazione di sarcastica curiosità da parte di coloro che si sono visti recapitare una missiva, impropria, inopportuna e imbarazzante, ma al tempo stesso suggestiva da indurli a fantasticare che io possa avere qualcosa da nascondere, ma non è affatto così perché tutto quello che scrivo in merito a questo episodio che mi sono trovato costretto a patire a causa di MESSINA CARLO, viene pubblicato, senza alcun tipo di riserbo, sulla GAXETA UFICIALE del MLNV-GVP.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131202163741056) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131127105701561 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.25 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131127105701561 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:21 SETTEMBRE 2023 – TROVATO BUSTA SU CASSETTA LETTERE
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA – VIA GALANTI 10 / PRESSO IL MIO DOMICILIO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:SAVINI PAOLO (CAPO DIVISIONE SERVIZI) – AGENZIA DELLE ENTRATE ITALIANA, VIA GIORGIONE 159, 00147 ROMA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento al RDN 0131124164535343 del 22 settembre 2023, DENUNCIO quanto segue:
SAVINI PAOLO, qualificatosi come CAPO DIVISIONE SERVIZI dell’agenzia delle entrate italiana, sostiene che in data 4 settembre 2023, un tale, che il SAVINI riferisce chiamarsi FELTRIN EMILIANO, abbia presentato, a seguito di una mia delega, richiesta di autorizzazione alla consultazione dei miei dati fiscali attraverso il servizio “CASSETTO FISCALE”.
Premetto:
– NON conosco SAVINI PAOLO;
– NON ho mai firmato alcun contratto con l’azienda e/o l’ente per cui lavora, nel caso specifico, l’agenzia delle entrate italiana;
– NON so cosa sia il servizio “CASSETTO FISCALE” e NON ho mai formulato spontaneamente e volontariamente alcuna richiesta, presso l’agenzia delle entrate italiana, in merito al suo costituirsi al fine del rilascio di un tale servizio;
– NESSUNA autorizzazione mi è stata richiesta e NESSUNA delega è stata da me conferita in merito a quanto asserito da SAVINI PAOLO.
Considerazioni e conclusioni:
– si chiede contezza a SAVINI PAOLO in merito a quanto da lui sostenuto ovvero la “richiesta di autorizzazione alla consultazione dei miei dati” avanzata da questo tale che lui identifica come FELTRIN EMILIANO e la “delega” che io avrei a suo dire conferito sempre a questo FELTRIN EMILIANO”;
– non avendo MAI siglato alcun contratto con l’azienda italiana e/o l’ente italiano “agenzia delle entrate” mi chiedo come quest’ultima possa essere entrata in possesso SENZA il mio consenso dei miei dati personali e averli mantenuti e archiviati SENZA il mio consenso, dentro quello che loro chiamano in maniera bonaria “CASSETTO FISCALE”;
– NESSUN servizio “CASSETTO FISCALE” mi appartiene, perché costituito dall’azienda italiana e/o dall’ente italiano “agenzia delle entrate” a mia insaputa, senza il mio esplicito consenso e comunque contro la mia volontà;
– impossessandosi in maniera impropria di tutti i miei dati, l’azienda italiana e/o l’ente italiano agenzia delle entrate, ha di fatto violato e messo a repentaglio la mia privacy;
– NEGO IL CONSENSO al trattamento e al mantenimento dei miei dati presso l’azienda e/o l’ente straniero italiano “agenzia delle entrate”, pertanto si diffida all’immediato “smantellamento” del servizio “CASSETTO FISCALE” e del “CASSETTO FISCALE” stesso, il quale dovrà essere definitivamente eliminato e tutti i miei dati dovranno essere cancellati da qualsiasi tipo di archivio arbitrariamente costituito e trattenuto, a mio danno, da enti italiani e/o istituzioni italiane e/o aziende italiane.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131127105701561) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131120173840785 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131120173840785 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL 6 GIUGNO 2023 E TUTT’ORA IN CORSO
luogo iniziale del fatto segnalato:ALL’INTERNO DEI TERRITORI DELLA REPUBLICA DI VENETHIA
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:DUE IMPIEGATI DI BANCA DESTINATARI DI PRECEDENTI DENUNCE PER SOTTRAZIONE DI DENARO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Con la presente DENUNCIO quanto segue:
in data 6 giugno 2023 sono stato vittima di una sottrazione di una cospicua somma di denaro messa in atto da due dipendenti di una banca italiana. Presso questa banca sono titolare di un conto corrente personale che utilizzo per l’operatività della mia ditta, quindi incassi e pagamenti fornitori.
Tutto questo mi sta causando grossi disagi personali, familiari e lavorativi, perché mi è successo e può succedere ancora di non riuscire a pagare puntualmente anche le fatture dei fornitori; cosa che non sarebbe accaduta perché quell’importo fungeva da “cuscinetto di sicurezza” che mi avrebbe permesso di mantenere una puntuale autonomia nei pagamenti, anche qualora avessi dovuto subire ritardi o traslazioni di pagamenti in ambito lavorativo, oltre a provvedere alle ordinarie operazioni di sussistenza familiari che mi sono state precluse
Purtroppo mi trovo costretto, dalla situazione generata da questi due dipendenti di banca responsabili del furto dei miei soldi, a non riuscire a rispettare la scadenza per il pagamento delle fatture dei fornitori che mensilmente vengono da loro emesse.
Nel momento in cui questi due impiegati mi restituiranno i soldi che mi hanno sottratto, sarò in grado di provvedere al pagamento di tutte le fatture ancora insolute.
Qualora ciò non si verifichi in tempi brevi, avviso già che potrei incorrere in ulteriori futuri ritardi nei pagamenti di ulteriori nuove fatture per forniture in essere o in divenire.
Qualora nuove entrate dovessero mettermi ben al riparo dal limite di sussistenza personale e familiare provvederò a recuperare il pagamento delle eventuali fatture non ancora pagate e che per colpa di questi due soggetti non sono in grado di adempiere in questo periodo.
Inoltro comunico e notifico ai fornitori destinatari della presente, quanto segue:
a partire dal giorno 1 gennaio 2024, opererò per tramite della mia Ditta Veneta “ABC INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI – AEI con sede a Villorba (Contea di Treviso) via Roma 73/I, codice unico 0104720221000000, costituita presso il Dipartimento Lavoro e Svilupo del Governo Veneto Provisorio, istituito sotto l’Egida del Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto (MLNV) ai sensi e per gli effetti dell’articolo 96.3 del primo protocollo addizionale (1977) alle convenzioni di Ginevra del 1949” della quale io sottoscritto “Celot Benedetto, nato a Conegliano (Contea di Treviso), il giorno 17 gennaio 1976, codice unico 20170913141401, Cittadino Veneto di Nazionalità Veneta, Autodeterminato sotto l’Egida del Movimento de Liberasione Nasionale del Popolo Veneto” sono il titolare.
Preciso e sottolineo che io Celot Benedetto intendo tenere fede all’acquisto del servizio effettuato per tramite del contratto italiano, da voi proposto e da me sottoscritto e tutt’ora fra noi in essere; ma la fatturazione, IN ESENZIONE DALL’IMPOSTA ITALIANA IVA, dovrà essere effettuata a partire dalla fornitura del servizio relativo al mese di gennaio 2024 alla Ditta “ABC INTERMEDIAZIONI IMMOBILIARI – AEI con sede a Villorba (Contea di Treviso) via Roma 73/I, codice unico 0104720221000000”.
Pertanto da quella data la somma mensile che dovrò elargire, corrisponderà al solo e puro costo del servizio acquistato e usufruito.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131120173840785) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131120113047465 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.18 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131120113047465 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL 6 GIUGNO 2023 E TUTT’ORA IN CORSO
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO – SEDE CENTRALE BOLZANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO – SEDE CENTRALE BOLZANO – CIANCIARUSO GIOVANNI E ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTI SPARKASSE)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento a tutto quanto contenuto nella SPN 0131109122532573 del 7 settembre 2023, preciso che ho subito dei disguidi con un fornitore che mi ha bloccato temporaneamente l’anagrafica e quindi l’operatività.
È inaccettabile che sia io a dovere patire le conseguenze del furto, del mio denaro, dal mio conto corrente, messo in atto da CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA, dipendenti dell’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA, filiale di Conegliano (Contea di Treviso).
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131120113047465) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.17 – TASSINI ODOARDO MARIA – SPN – 0131119155321443 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.17 – TASSINI ODOARDO MARIA – SPN – 0131119155321443 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: ODOARDO MARIA
Cognome: TASSINI
Codice Unico Personale: 101933133031
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:12/06 21/06 27/07 01/09
luogo iniziale del fatto segnalato:NEGRAR VIA CA’ QUINTARELLI
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:TUTTI I SOGGETTI, ANCHE CHI NON HA RILASCIATO IL NOMINATIVO LAVORANO PRESSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DENUNCIA QUANTO SEGUE
IL GIORNO 12/06/23 SI E’ PRESENTATO SENZA PREAVVISO PRESSO LA MIA PROPRIETA’ IL COMANDANTE DELLA POLIZIA LOCALE DI SANPIETRO INCARIANO BENDAZZOLI FRANCESCO, CON UN SUO COLLEGA (CHE NON HA RILASCIATO IL PROPRIO NOMINATIVO), DUE VIGILI DELLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI NEGRAR, COMPETENTE PER TERRITORIO, ( NON HANNO RILASCIATO I PROPRI NOMINATIVI), E DUE TECNICI ARPAV, (ANCHE LORO NON HANNO RILASCIATO NOMINATIVO), PERCHE’ SECONDO IL SIG. BENDAZZOLI ( CHE PASSA MOLTO SPESSO A PASSEGGIO IN ABITI CIVILI) NEL VAIO DI MIA PROPRIETA’ C’E’ UNO SVERSAMENTO DI REFLUI SOSPETTI. SPIEGO CHE SI TRATTA DELLO SCARICO DI ACQUA PIOVANA, QUANDO LE VASCHE DI RACCOLTA SONO COLME.
DURANTE IL SOPRALLUOGO HANNO VISTO LA TETTOIA DEL PORTICATO RICOVERO MACCHINE ATTREZZI DI CIRCA 200MQ DI ONDULATO CEMENTIZZIO CHE SECONDO LORO E’ ETERNIT( MOLTO DI MODA NEGLI ’80) E POI UNA PICCOLA TETTOIA DOVE SOTTO SI TROVA LA BOTTE PER IL GASOLIO DA RISCALDAMENTO( IN QUANTO ABITO IN UNA ZONA ISOLATA NON SERVITA DA METANO) CHE E’ CIRCA TRE ANNI CHE NON USO.
FINITO IL SOPRALLUOGO IL SIG. BENDAZZOLI DICE AI COLLEGHI DI NEGRAR ” PROCEDETE PURE CON LA SEGNALAZIONE AGLI UFFICI COMPETENTI”.
IL GIORNO SUCCESSIVO VIENE PROTOCOLLATA LA SEGNALAZIONE.
IL GIORNO 21/06/23, PREVIA APPUNTAMENTO E IN MIA BUONAFEDE FANNO UN SOPRALLUOGO CON MISURAZIONE DI PARTE DEGLI EDIFICI DI MIA PROPRIETA’ IL SIG. BERZACOLA( NON HA VOLUTO RILASCIARE IL NOME) DELL’UFFICIO EDILIZIA, UNA SIG.RA DELL’UFFICIO PAESAGGISTICO( NON HA RILASCIATO NOMINATIVO) E UN AGENTE DELLA POLIZIA LOCALE DI NEGRAR L’ISTRUTTORE CAPO BONOMI.
DOPO QUESTO SOPRALUOGO, NE SCATURISCE UNA LETTERA DOVE VENGONO SEGNALATE ALCUNE IRREGOLARITA’( ALLEGO LETTERA RICEVUTA).
DOPO QUESTA LETTERA FACCIO IMMEDIATAMENTE UN RDN( N 0131003205016388)SIA A NOME MIO, DI MIO FRATELLO TASSINI FRANCESCO E MIA MADRE ZANONI TIZIANA EREDITARI DELL’AZIENDA LASCIATACI DA MIO PADRE DEFUNTO NEL 2018 TUTTI E TRE AUTODETERMINATI PRESSO IL MLNV.
IL GIORNO 27/07/23 RICEVIAMO LA VISITA SENZA PREAVVISO DEL FUNZIONARIO DEL SERVIZIO ECOLOGIA IL SIGNOR GELMINI RENZO, SEMPRE CON L’ISTRUTTORE CAPO BONOMI, I QUALI GUARDANDO SOLO IL TERRENO CI DICONO CHE LA FOGNATURA RISALENTE AGLI ANNI ’70 SCARICA ABUSIVAMENTE NEL VAIO, QUANDO COME HO PRECISATO ALL’INIZIO, DELLA DENUNCIA, SCARICA NEL VAIO SOLAMENTE L’ECCESSO DI ACQUA DELLE VASCHE DI RACCOLTA PIOVANA( ALLEGO VERBALE DI SOPRALLUOGO)
IL GIORNO 01/09/23 MIO FRATELLO VIENE CHIAMATO SUL CELLULARE DALL’ UFFICIO DEI VIGILI DEL COMUNE DI NEGRAR (IN QUANTO SECONDO LORO NON RIUSCIVANO A TROVARMI) INTIMANDOCI CHE DOBBIAMO PRESENTARCI PRESSO DI LORO, PERCHE’ CI DEVONO NOTIFICARE DEI DOCUMENTI. SIA IO, CHE MIO FRATELLO IMPOSSIBILITATI DI PRESENTARSI PRESSO DI LORO GLI ABBIAMO DETTO DI MANDARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TRAMITE RACCOMANDATA CON RICEVUTA DI RITORNO.
IL GIORNO 08/09/2023 RICEVIAMO SIA IO, MIO FRATELLO FRANCESCO TASSINI E MIA MADRE ZANONI TIZIANA 3 RACCOMANDATE DALL’UFFICIO ECOLOGIA , INTIMANDOCI DI SISTEMARE L’ IMPIANTO FOGNARIO. (ALLEGO LETTERA) IERI 10/09/23 HO FATTO UN RDN 0131112175613181.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
ODOARDO MARIA TASSINI

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131119155321443) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.13 – FURLANETTO MANUEL – SPN – 0131115150733300 – referente: ME STESSO CERNIDE 1615

Oggetto: 2023.09.13 – FURLANETTO MANUEL – SPN – 0131115150733300 – referente: ME STESSO CERNIDE 1615

DENUNCIANTE
Nome: MANUEL
Cognome: FURLANETTO
Codice Unico Personale: 00940056701000000
in qualità di: PERSONA INFORMATA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:11/09/2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VIA POSTIOMA 45 31020 VILLORBA TREVISO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:ASSISTENTE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI VILLORBA SIGNORA COZZA RIETA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
BUONGIORNO,
IN RIFERIMENTO ALL’ ESECUZIONE IMMOBILIARE 723/15 , IL GIORNO 11/09/2023 VERSO LE 17.30, L’ ASSISTENTE SOCIALE SIGNORA COZZA DEL COMUNE DI VILLORBA CHIAMA AL CELLULARE MIA MADRE FORTE ANGELA DICENDOLE CHE AVEVA RICEVUTO UNA RACCOMANDATA NON TANTO ALLEGRA, ANZI E’ COME FOSSE FATTO TUTTO ED IL GIORNO 4 OTTOBRE 2023 SAREBBERO USCITI I RESPONSABILI DELL’ ISTITUTO ASTE GIUDIZIARIE PER SGOMBRARE LA CASA DOVE I MIEI DUE GENITORI VIVONO (OLTRE AL MIO CAPANNONE). RICORDO ANCORA UNA VOLTA CHE AI MIEI DUE GENITORI NON E’ STATO NOTIFICATO NULLA DA PARTE DI NESSUNO. MIA MADRE, SORPRESA DI QUESTA TELEFONATA, HA CHIESTO ALL’ ASSISTENTE SOCIALE SE LE SEMBRAVA IL CASO DI DARE UNA NOTIZIA DEL GENERE AL TELEFONO E INOLTRE MIA MADRE LE HA CHIESTO SE AVEVA GUARDATO L’ ETA’ ALL’ ANAGRAFE (MIA MADRE E MIO PADRE HANNO 87 ANNI), QUINDI A QUESTA ULTIMA DOMANDA, L’ ASSISTENTE SOCIALE SI E’ SCUASATA MA NON AVEVA ALTRI NUMERI DA CHIAMARE…COSI’ HA RISPOSTO. E’ INCREDIBILE ED INCONCEPIBILE COME SI MUOVO I PARASSITI DI QUESTO SISTEMA MAFIO-STATALE ITALIANO A DANNO DELLE PERSONE IN PRIMIS E AI VENETI POI.
MANUEL FURLANETTO
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
MANUEL FURLANETTO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131115150733300) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.11 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131113153001182 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.11 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131113153001182 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:LUNEDì 11 SETTEMBRE 2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VILLORBA (CONTEA DI TREVISO)
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:BANCA INTESA SANPAOLO – ISTITUTO DI CREDITO ITALIANO

DENUNCIA QUANTO SEGUE
In riferimento:

alla SPN 0130928181559305 del 27 luglio 2023 e notificata in data 28 luglio 2023 ai seguenti indirizzi e-mail di BANCA INTESA SANPAOLO SPA:

antonella.sciarrillo@intesasanpaolo.com
villorba.50017@intesasanpaolo.com

successivo RDN 0131009175550557 del 7 agosto 2023 e notificato in data 8 agosto 2023 al seguente indirizzo e-mail di BANCA INTESA SANPAOLO SPA:

monica.pegorer@intesasanpaolo.com

alla SPN 0131030162933088 del 28 agosto 2023 e notificata in data 29 agosto 2023 ai seguenti indirizzi e-mail di BANCA INTESA SANPAOLO SPA:

villorba.50017@intesasanpaolo.com
monica.pegorer@intesasanpaolo.com
antonella.sciarrillo@intesasanpaolo.com

preciso che in data odierna è stato effettuato un bonifico di euro 500 sul conto corrente a me intestato e aperto presso BANCA INTESASANPAOLO SPA, filiale di Villorba (Contea di Treviso), al fine di ottemperare in parte al pagamento del mutuo.

Ribadisco, come già ben chiaramente espresso e comunicato alla sede di Villorba (Contea di Treviso) di BANCA INTESA SANPAOLO SPA (come sopra precisato), che l’attuale situazione di difficoltà è stata creata da due impiegati di banca (non appartenenti a INTESA SANPAOLO SPA) che hanno sottratto tutti i soldi dal mio conto corrente lasciandomi di fatto privo di risorse.
Ripeto che cercherò di fare il possibile per adempiere, ma non sarei in questa situazione se questi tizi non mi avessero depredato delle mi disponibilità finanziarie.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131113153001182) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.07 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131109122532573 – referente: ME STESSO

Oggetto: 2023.09.07 – CELOT BENEDETTO – SPN – 0131109122532573 – referente: ME STESSO

DENUNCIANTE
Nome: BENEDETTO
Cognome: CELOT
Codice Unico Personale: 20170913141401
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:DAL 6 GIUGNO 2023 E TUTT’ORA IN CORSO
luogo iniziale del fatto segnalato:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO – SEDE CENTRALE BOLZANO
soggetti ritenuti responsabili:NOTI E CONOSCIUTI
Precisazione:SPARKASSE CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO SPA FILIALE DI CONEGLIANO – SEDE CENTRALE BOLZANO – CIANCIARUSO GIOVANNI E ROMANELLO ANDREA (DIPENDENTI SPARKASSE)

DENUNCIA QUANTO SEGUE
Con la presente DENUNCIA, conseguente a tutti i precedenti RDN e SPN effettuati contro l’istituto di credito italiano SPARKASSE CASSA DI RISPSARMIO DI BOLZANO SpA, filiale di Conegliano (Contea di Treviso), inerente la sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente, messa in atto da CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA dipendenti del medesimo istituto di credito italiano, riporto e specifico nella presente quanto segue:
– l’istituto di credito italiano sopra citato, per tramite dei suoi dipendenti operativi presso la filiale di Conegliano dove detengo il mio conto corrente personale, agiscono di propria iniziativa e senza il mio consenso sul mio stesso conto corrente, come se questo fosse loro e le disponibilità presenti fossero di loro proprietà;
– in data 8 giugno 2023, due giorni dopo aver subìto e immediatamente reclamato la sottrazione del mio denaro dal mio conto corrente a opera del CIANCIARUSO e del ROMANELLO, noto che era stato effettuato un pagamento poi stornato manualmente da loro il giorno dopo (tutto questo già denunciato tramite SPN – 0130811154027387);
– in data 15 giugno 2023, quando pur non avendo in quel momento disponibilità di denaro in conto corrente, hanno provveduto lo stesso ad addebitare le spese sostenute mediante l’utilizzo della carta di credito da loro avuta, mandando di fatto il conto in negativo di circa 340 euro (tutto questo già denunciato tramite SPN – 0130819111616457);
– in data 19 giugno 2023 alle ore 09:10 notifico via e-mail al CIANCIARUSO ( giovanni.cianciaruso@sparkasse.it ) e al ROMANELLO ( Andrea.Romanello@sparkasse.it ), la SPN – 0130819111616457 del 17 giugno 2023, la quale contiene la seguente mia riflessione: “Preciso inoltre che non essendoci fondi a oggi presenti nel mio conto corrente, a causa delle azioni poste in essere ai miei danni dal CIANCIARUSO e dal ROMANELLO, noto che nel mio conto vengono respinti i pagamenti dei miei fornitori, mentre il conto viene con facilità mandato in negativo, quando si tratta di addebitare il canone mensile dovuto a SPARKASSE e quando vogliono forzatamente addebitare gli importi di spesa da me sostenuti tramite l’utilizzo della carta di credito ottenuta da SPARKASSE.
Mi chiedo come mai il metro di misura non è lo stesso.
Per non crearmi ulteriori e maggiori danni chiedo che i fornitori, i cui pagamenti sono domiciliati presso SPARKASSE, vengano pagati e appena effettuerò altri incassi provvederò al ripristino delle somme. Tutto ciò senza sgravio di ulteriori costi perché la situazione che sto patendo è stata causata dall’operato di CIANCIARUSO GIOVANNI e ROMANELLO ANDREA”.
– la mia riflessione esposta e notificata tramite SPN – 0130819111616457 è stata ignorata;
– nel mese di luglio ci sono stati altri episodi riguardanti pagamenti effettuati e poi stornati dei quali, ricordo di aver preso visione del pagamento e della sua stessa scomparsa (la tecnica è sempre la stessa). Proprio così perché in maniera NON corretta io ho sempre comunicato di pagamenti che venivano effettuati e poi stornati e/o respinti, in realtà l’operazione di avvenuto pagamento poi scompare come se quel pagamento non fosse mai stato effettuato;
– in data 8 agosto 2023 vedo che viene effettuato il pagamento a un fornitore di euro 727,47, in quel momento vi era una disponibilità fra i 650/700 euro, pertanto vedendo il pagamento ho pensato che la mia riflessione, notificata tramite SPN – 0130819111616457, fosse stata recepita e invece NO in data 16 agosto 2023 quello stesso pagamento era a tutti gli effetti scomparso, proprio così non vi è più traccia. Tutto questo per qualche decina di euro, mentre CIANCIARUSO e ROMANELLO nel loro, tanto abietto quanto misero, tentativo di imporsi nei miei confronti per trovare l’immediata compiacenza di qualcun altro, hanno spinto il loro stesso ego a esibirsi ed elevarsi a paladini dell’illegalità italiana appropriandosi dei miei soldi, ricordo e preciso ancora euro 5.599,05.
Tutto questo mi sta causando grossi disagi personali, familiari e lavorativi, in particolare non riesco a pagare puntualmente fornitori e neanche le rate del mutuo di casa e ciò mi crea ancora più disagio perché l’istituto di credito che mi ha erogato il mutuo per l’acquisto della mia casa, non accetta giustificazioni e per l’importo di poco più di una rata non ancora pagato, sta mettendo in atto una vera e propria rappresaglia persecutoria nei miei confronti; cosa che non sarebbe accaduta perché quell’importo fungeva da “cuscinetto di sicurezza” che mi avrebbe permesso di mantenere una puntuale autonomia nei pagamenti, anche qualora avessi dovuto subire ritardi o traslazioni di pagamenti in ambito lavorativo, oltre a provvedere alle ordinarie operazioni di sussistenza familiari che mi sono state precluse, non potendo così adempiere alle necessità dei miei figli ancora minorenni. Tutto questo, voglio ribadirlo e sottolinearlo ancora, a causa dell’operazione di sciacallaggio messa in atto ai miei danni dal CIANCIARUSO e dal ROMANELLO in data 6 giugno 2023.
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
BENEDETTO CELOT

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131109122532573) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO

2023.09.06 – FURLANETTO MANUEL – SPN – 0131108112311942 – referente: ME STESSO CERNIDE 1615

Oggetto: 2023.09.06 – FURLANETTO MANUEL – SPN – 0131108112311942 – referente: ME STESSO CERNIDE 1615

DENUNCIANTE
Nome: MANUEL
Cognome: FURLANETTO
Codice Unico Personale: 00940056701000000
in qualità di: PARTE LESA

CIRCOSTANZE
data iniziale del fatto segnalato:01/09/2023
luogo iniziale del fatto segnalato:VIA POSTIOMA 45A 31020 VILLORBA TREVISO
soggetti ritenuti responsabili:SCONOSCIUTI MA RICONOSCIBILI
Precisazione:NESSUNA

DENUNCIA QUANTO SEGUE
BUONGIORNO,
IN REIFERIMENTO AI VERBALI DI RICOGNIZIONE NEGATIVA LASCIATO NELLA CASSETTA DELLA POSTA APRIBILE A CHIUNQUE (IL NEGOZIO ERA CHIUSO IN QUEL MOMENTO), DA PERSONA A ME SCONOSCIUTA, VOLEVO PRECISARE CHE:
– I DUE VERBALI LASCIATI IN MIA ASSENZA, SONO INDIRIZZATI UNO AL CIVICO 45A E L’ ALTRO AL CIVICO 45 (DOVE VIVONO I MIEI GENITORI DI 87 ANNI CHE SONO USUFRUTTUARI), PERO’ SONO STATI LASCIATI TUTTI E DUE AL CIVICO 45A,
– ALTRO COSA CHE VOLEVO PUNTUALIZZARE ERA CHE AL MOMENTO ATTUALE, LE PERSONE VENUTE QUI’ DA PARTE DELL’ ISTITUTO ASTE GIUDIZIARIE, (PERSONE CHE NON HANNO MAI VOLUTO ESIBIRE UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO PERCHE’ CHIEDEVO A LORO DI FARNE UNA FOTOCOPIA) NON HANNO MAI CONSEGNATO O MANDATO PER RACCOMANDATA UN ORDINE DI SGOMBERO A MIA SORELLA FURLANETTO TERESA, CHE VIVE CON I MIEI GENITORI, AI MIEI GENITORI FURLANETTO GIUSEPPE E FORTE ANGELA E A MIO FRATELLO TIBERIO FURLANETTO,
– INOLTRE, I VERBALI DI RICOGNIZIONE NEGATIVA HANNO COME DESTINATARI FURLANETTO MANUEL E ALTRI (ALTRI CHI?),
– POI ALTRO PUNTO, COME DICHIARATOMI DALL’ AVVOCATO CHE SEGUE MIO FRATELLO TIBERIO E CHE SI RECO’ PRESSO L’ ISTITUTO ASTE GIUDIZIARIE, E’ CHE GLI E’ STATO DETTO CHE IL GIUDICE ANDRA’ GIU’ PIU’ PESANTE, QUINDI BUTTARE FUORI DI CASA ANCHE I MIEI GENITORI SENZA TENER CONTO DELLA SITUAZIONE DELICATA PER DUE ANZIANI, IN QUANTO INDIPENDENTISTI CHE HANNO INTRALCIATO IN QUALCHE MODO LA VISITA DEGLI IMMOBILI DA PARTE DI TERZI INTERESSATI (CHIEDEVAMO SOLO DI FOTOCOPIARE I DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO, COSA CHE QUELLI DELLE ASTE NON MI HANNO MAI PERMESSO, QUINDI NON ESIBENDO NIENTE NON LI FACEVO ENTRARE).
Per i fatti suesposti si chiede la registrazione a ruolo giudiziario dei responsabili se ne sussistono le ragioni.
MANUEL FURLANETTO

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
POLISIA NASIONALE

La presente comunicazione (contrassegnata dal codice 0131108112311942) è pervenuta a seguito dalla compilazione del modulo on-line, predisposto dal Proveditorato Generale de la Polisia Nasionale Veneta del Governo Veneto Provisorio.

REPUBLICA VENETA
MOVIMENTO DE LIBERASIONE NASIONALE DEL POPOLO VENETO
GOVERNO VENETO PROVISORIO